Samantha Cristoforetti: posticipato rientro sulla terra

Samantha Cristoforetti: posticipato rientro sulla terra

La prima donna italiana nello spazio tornerà sulla terra in ritardo, a causa di un problema tecnico. Samantha Cristoforetti doveva  tornare dalla Stazione Spaziale Internazionale il 14 maggio, ma il suo ritorno è stato spostato per l’11 giugno, ha annunciato l’agenzia spaziale russa Roscosmos.

Il motivo del ritardo è il fallimento del lancio della navicella di rifornimento Progress, che nonostante fosse senza passeggeri, è bruciata sopra l’Oceano Pacifico nel suo cammino verso la Stazione Spaziale Internazionale. Così la missione di Cristoforetti durerà quasi sette mesi in totale. L’astronauta ha detto nel corso di un collegamento a una riunione dell’Aeronautica Militare presso l’Expo di Milano che era “felice” del prolungamento della missione: “Non mi dispiace affatto la possibilità di stare un po ‘più a lungo in questo avamposto dell’umanità nello spazio – una stazione eccezionale che ci permette di esplorare tutte le possibilità di ricerca. “

Allo stesso evento, il ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti ha ringraziato Cristoforetti per aver dimostrato che “gli investimenti in difesa, che spesso non sono sostenuti dall’opinione pubblica, offrono sicurezza e protezione per il paese, ma sono anche un investimento per il futuro della nazione e la sua funzionalità. ” Il ministro ha chiesto alla Cristoforetti di spiegare quanto sia stata utile la sua formazione militare. “Mi ha aiutato molto”, ha risposto l’astronauta , ” ad adattarmi facilmente a un ambiente operativo difficile, dove è richiesta molta disciplina e attenzione al dettaglio”.


Articoli correlati

Il Presidente Mattarella. Discorso per il concerto al Quirinale

Il Presidente Mattarella ha fatto un discorso dopo il concerto al Quirinale. Ecco il testo completo   Grazie ai Maestri

Camping River. Problemi sanitari, sgombero campo nomadi a Roma

E’ dalle prime ore della giornata che è iniziato lo sgombero dei Rom dal Camping River di via Tiberina, periferia

Renzi. L’Assemblea Nazionale per ripartire

“Si chiude il 2016, che per certi versi è stato un anno straordinario per gli eventi internazionali: l’elezione di Trump,