Rottamazione bis: ultima chiamata per il pagamento delle rate scadute

Rottamazione bis: ultima chiamata per il pagamento delle rate scadute

Conto alla rovescia per pagare le rate scadute della “rottamazione bis” delle cartelle e non perdere i benefici della definizione agevolata. Il decreto fiscale 119/2018, attualmente in fase di conversione in legge da parte del Parlamento, stabilisce, infatti, che chi ha aderito alla “rottamazione bis” e non è riuscito a pagare, in tutto o in parte, una o più rate in scadenza a luglio, settembre e ottobre, può regolarizzare la propria situazione effettuando i versamenti entro il prossimo 7 dicembre. Il saldo delle rate dovute consente l’automatico differimento dei pagamenti relativi alle ulteriori somme “rottamate” (in scadenza a novembre 2018 e febbraio 2019), che saranno ripartite in cinque anni a partire dal 31 luglio 2019.
Chi ha aderito alla definizione agevolata beneficia del pagamento del solo importo residuo delle somme dovute, senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagano gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

Il saldo delle rate salva la rottamazione
Il pagamento delle rate scadute a luglio, settembre e ottobre costituisce il requisito indispensabile per conservare i benefici concessi dalla legge e accedere alla nuova edizione della definizione agevolata delle cartelle, prevista per i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento, entro il 7 dicembre 2018, delle rate della “rottamazione bis” in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018, per gli stessi carichi non si potrà più accedere alla “rottamazione ter” e Agenzia delle entrate-Riscossione, come stabilito dalla legge, dovrà riprendere le procedure di riscossione.

Info-spot su treni, poste, radio e tv
Considerata l’importanza della scadenza, l’Agenzia delle entrate-Riscossione a partire dal mese di novembre ha avviato una capillare campagna di informazione rivolta ai contribuenti, anche in collaborazione con partner istituzionali. Con il ministero dell’Economia e delle Finanze e la presidenza del Consiglio, sono stati realizzati spot radiofonici e televisivi in onda sulle emittenti della Rai, mentre Ferrovie dello Stato – Trenitalia SpA e Poste italiane Spa hanno messo a disposizione la propria rete monitor, presente sui treni (Frecciarossa e Frecciargento) e negli uffici postali in tutto il territorio nazionale, per la diffusione di video informativi.

Come e dove pagare
Per effettuare il pagamento delle rate, non è necessario presentare alcuna istanza, ma è sufficiente eseguire il versamento, senza oneri aggiuntivi, utilizzando i bollettini Rav con le scadenze di luglio, settembre e ottobre ricevuti insieme con la “Comunicazione delle somme dovute” inviata da Agenzia delle entrate-Riscossione, la cui copia può essere richiesta direttamente online sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it.
È possibile pagare presso la propria banca, agli sportelli bancomat (Atm) abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai aderenti a Banca 5 Spa e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul portale di Agenzia delle entrate-Riscossione e con l’App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa oppure direttamente agli sportelli. Infine, è possibile pagare i tributi indicati nelle cartelle di pagamento tramite compensazione con i crediti commerciali vantati nei confronti della pubblica amministrazione.

 

Fonte: Agenzia Entrate


Articoli correlati

L’Anticorruzione passa alla Camera Bonafede: un traguardo per l’Italia

“Sono soddisfatto e orgoglioso, oggi è un bel traguardo per l’Italia anche se siamo ancora in prima lettura”. Queste le

Anticorruzione, Bonafede alla LUISS: “Legge Severino, norma coraggiosa che dà impulso alla nostra azione”

“La legge Severino ha rappresentato un’inversione rispetto al passato, ponendo le basi per ciò che stiamo facendo ora” così il

Nave Diciotti, la procura di Catania ha chiesto lʼarchiviazione per Salvini

La Procura di Catania ha formulato la richiesta di archiviazione nei confronti di Salvini per la vicenda della Diciotti. Lo