Gilet Gialli. Nuovi scontri sugli Champs-Elysees

Gilet Gialli. Nuovi scontri sugli Champs-Elysees

Nella Place de l’Étoile, c’è una “strana atmosfera” che predomina in tarda mattinata. Con tutti gli accessi chiusi, i manifestanti rimangono relativamente fermi.  La presenza della polizia è particolarmente forte; mezzi considerati “sproporzionati” dagli intervistati. Essi lamentano il “disprezzo” del governo circa l’organizzazione della manifestazione: si dovrebbe accedere al Champs Elysees, invece si ritrovano bloccati di fatto intorno l’Arco di Trionfo. Sotto la pioggia e il freddo, i manifestanti sono titubanti su cosa fare. Nessuno però vuole partecipare alla manifestazione della CGT che inizierà nel primo pomeriggio di Place de la République.

Édouard Philippe va al quartier generale della polizia di Parigi

“Considerati gli incidenti in corso a Parigi, il Primo Ministro ha deciso di concentrarsi sulla gestione della situazione e andrà a mezzogiorno nel quartier generale della polizia”, ​ confermando quindi che il Primo Ministro ha annullato il suo viaggio programmato per Nogent-sur-Marne (Val-de-Marne) per l’elezione del nuovo capo del partito LaREM.

Il deputato François Ruffin (Francia insubordinata) si presenta nel suo dipartimento della Somme. I giubbotti gialli al suo fianco “hanno fatto firmare una petizione per il licenziamento di Emmanuel Macron”. Lui non ha firmato il documento ma “dà una temperatura del clima politico”. Si ha “l’impressione che ci sia un presidente completamente sordo alla rabbia della gente, che non si muove, che se ne va in Argentina (per il G20, ndr)”, ha continuato il deputato. “Per 18 mesi, il presidente ha definito i gilet gialli ” persone che non sono niente “. Si trovano di fronte un presidente che non conosce il suo paese e queste persone “, ha detto.


Articoli correlati

Riforma della Scuola. Approvata la nuova legge alla Camera

Nella seduta odierna la Camera ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge recante Riforma del sistema nazionale di

Reddito cittadinanza. Dopo 12 mesi ok a offerta lavoro o si perde beneficio

Ultime limature al decretone che introdurrà le regole per ottenere il reddito di cittadinanza mentre si cerca una occupazione o

Istat, 40% lavoratrici precarie è mamma

Il lavoro precario, in termini tecnici ‘atipico’, è “più diffuso tra i giovani di 15-34 anni”, tanto che “circa 1