Renzi incontra Raul Castro. Italia-Cuba scrivono la storia

Renzi incontra Raul Castro. Italia-Cuba scrivono la storia

L’Italia e Cuba stanno scrivendo una nuova pagina di storia, ha detto il primo ministro italiano Matteo Renzi al termine del suo incontro con il presidente cubano Raoul Castro. “Oggi è un giorno di immensa gioia per noi, per i nostri governi, che hanno lavorato per incontrarsi nel corso degli ultimi mesi e un giorno di gioia per i tanti italiani che amano Cuba e per i molti cubani a cui piace l’Italia”, ha detto Renzi .

Il Premier ha continuato: “Oggi, molte cose stanno cambiando e la storia segue il suo corso: dobbiamo essere protagonisti di questa storia. L’Italia vuole essere un pilota di questa nuova pagina di storia e Cuba sarà sicuramente un partner importante.”. “Vogliamo unire le forze nella lotta contro l’ingiustizia e la povertà”, ha aggiunto Renzi annunciando che Carlo Calenda, il Vice Ministro dello Sviluppo Economico e Mario Giro, Sottosegretario agli Affari Esteri, saranno presto in visita ufficiale a Cuba.

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, Raoul Castro ha sottolineato: “Non avremmo mai voluto essere inseriti nella lista dei Paesi terroristi. Siamo stati aggiunti in questo elenco durante la presidenza di Reagan. Speriamo di essere cancellati entro maggio..”. Il presidente cubano ha continuato: “Speriamo di essere in grado di chiudere l’accordo con l’Unione europea per il quale abbiamo lavorato: sono sicuro che saremo in grado di risolvere le nostre differenze con l’Italia, e in particolare con il suo attuale governo.”


Articoli correlati

Obama e Sanders sponsor di Hillary Clinton

Uniti per battere Donald Trump. E’ stato il leitmotiv della Convention democratica che si e’ aperta ieri a Filadelfia all’insegna

Udine: via la “identità alias” per i dipendenti comunali transgender

Il Comune di Udine ha tolto, con una delibera di Giunta approvata ieri con i voti di tutta l’aula, l’istituto

Turchia. Cannoni ad acqua contro il giornale Zaman

Hanno utilizzato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni, così la polizia ha fatto irruzione nella sede del giornale “Zaman”, successivamente alla