Relazioni UE Cina. I rapporti economici e il futuro commerciale

Relazioni UE Cina. I rapporti economici e il futuro commerciale

L’Unione Europea (UE) e la Cina sono unite da una relazione solida e duratura. Sono due delle tre maggiori economie commerciali al mondo. La Cina è ora il secondo partner commerciale dell’Unione europea dopo gli Stati Uniti e l’UE è il più grande partner commerciale cinese.

Entrambe le parti sono impegnate in un partenariato strategico globale, come espresso nell’agenda strategica di cooperazione UE-Cina 2020.  Eppure vi è un crescente apprezzamento in Europa per quanto riguarda il cambiamento dell’equilibrio relativo alle sfide ed alle opportunità presentate dalla Cina. Nell’ultimo decennio, Il potere economico e l’influenza politica della Cina sono cresciuti ad una velocità senza precedenti, rispecchiando le sue ambizioni di diventare una potenza leader mondiale. La Cina non può più essere considerata un paese in via di sviluppo. È un attore globale chiave ed una potenza leader nel settore tecnologico. La sua crescente presenza nel mondo, anche in Europa, dovrebbe essere accompagnata da maggiori responsabilità per ciò che concerne il mantenimento del rispetto delle regole internazionale, tanto quanto una maggiore reciprocità, la non discriminazione e l’apertura del suo sistema. Le ambizioni di riforma dichiarate pubblicamente dalla Cina dovrebbero tradursi in politiche o azioni commisurate al suo ruolo ed alle sue responsabilità.

La strategia avviata nel 2016 sulla Cina resta la pietra angolare dell’impegno dell’UE, fornendo la base per realizzare un ulteriore spostamento delle politiche dell’Unione Europea verso un approccio più realistico, deciso e sfaccettato. Tutto questo garantirà l’instaurazione di relazioni con questo partner strategico su un percorso equo, equilibrato e reciprocamente vantaggioso. La Cina è contemporaneamente, in diversi settori politici, un partner di cooperazione con cui il l’UE ha obiettivi strettamente allineati,  è un partner negoziale con cui l’UE deve trovare equilibrio negli interessi, un concorrente economico nel perseguimento della leadership tecnologica, e un rivale sistemico che in grado di promuovere modelli alternativi di governance. Ciò richiede una flessibilità e un approccio pragmatico a tutta l’UE che consenta una difesa di principio degli interessi e dei valori. Gli strumenti e le modalità dell’impegno dell’UE con la Cina dovrebbero essere differenziati a seconda delle problematiche e delle politiche in gioco. L’UE dovrebbe usare i propri collegamenti tra i diversi settori di sistema al fine di esercitare una maggiore leva finanziaria nel perseguimento dei propri obiettivi.

La risposta dell’UE dovrebbe basarsi su tre obiettivi:

  • Sulla base di interessi e principi chiaramente definiti, l’UE dovrebbe approfondire il proprio impegno con la Cina per promuovere interessi comuni a livello globale.
  • L’UE dovrebbe ricercare con fermezza delle regole più bilanciate e reciproche che governino le relazioni economiche.
  • Infine, al fine di mantenere la sua prosperità, i valori e il modello sociale  sul lungo termine, ci sono aree in cui la stessa UE deve adattarsi al cambiamento delle realtà economiche e rafforzare le proprie politiche interne ed industriali.

Trovare il giusto equilibrio negli approcci sistematici rappresenta un giudizio politico, che richiede l’attenzione del Consiglio europeo. Né l’UE né alcuno dei suoi Stati membri può effettivamente raggiungere i propri obiettivi con la Cina se non trova unità. Collaborando con la Cina, tutti gli Stati membri, individualmente e nell’ambito di quadri di cooperazione subregionale, come il formato 16 + 15 hanno la responsabilità di garantire la coerenza con il diritto, le norme e le politiche dell’UE.

La presente comunicazione congiunta valuta le molteplici dimensioni delle nostre relazioni, le loro opportunità e le loro sfide e stabilisce 10 azioni concrete di discussione e approvazione da parte del Consiglio europeo.

Cooperare con la Cina per sostenere un multilateralismo efficace e combattere i cambiamenti climatici

L’UE ha preso l’impegno di impegnarsi con la Cina per sostenere l’ordine basato sulle regole internazionali. La Cina ha espresso il suo impegno per un modello di governance globale giusto ed equo. Allo stesso tempo, l’impegno della Cina a favore del multilateralismo è talvolta selettivo e basato su una diversa comprensione dell’ordine internazionale basato su regole. Mentre la Cina ha spesso ripetuto la sua legittima richiesta di riforma della governance globale per dare maggiore partecipazione e potere decisionale alle economie emergenti, non è poi stata sempre disposta ad accettare nuove regole che riflettano le responsabilità e la responsabilità attiva cresciute parallelamente al suo ruolo. Sostenere selettivamente alcune norme a spese di altri indebolisce la sostenibilità dell’ordine internazionale basato su regole. L’UE è impegnata a sostenere un multilateralismo efficace con le Nazioni Unite. Come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e beneficiario del sistema multilaterale, la Cina ha la responsabilità di sostenere tutti e tre i pilastri del Nazioni Unite, ovvero i diritti umani, pace e sicurezza e sviluppo. La capacità dell’UE e della Cina di impegnarsi efficacemente in materia di diritti umani sarà un aspetto importante per misurare la qualità della relazione bilaterale. L’UE riconosce i progressi della Cina per ciò che concerne i diritti economici e sociali. Tuttavia, per altri aspetti, la situazione dei diritti umani in Cina sta peggiorando, in particolare nello Xinjiang e per quanto riguarda i diritti civili e politici come testimoniato dalla continua repressione di  avvocati e difensori dei diritti umani.

I diritti umani dei cittadini europei e degli altri cittadini stranieri in Cina devono essere protetti. L’alto il grado di autonomia sancito dalla Legge fondamentale di Hong Kong deve essere rispettato. Gli impegni e gli interessi comuni dell’UE e della Cina per il raggiungimento di  una sostenibilità globale dello sviluppo e l’Agenda 2030 offrono un’opportunità di cooperazione più stretta, anche con terzi paesi. C’è una reale necessità di collaborare e fornire le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Dato l’investimento significativo della Cina nei paesi partner,  dovrebbe aumentare il suo impegno come donatore ufficiale di assistenza allo sviluppo (Official Development Assistance donor)  come partner in incontri multilaterali. A questo proposito dovremmo instaurare un dialogo, cercare sinergie e impegnarsi ulteriormente per mantenere l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile nei paesi terzi.

Con gli Stati membri dell’UE che collettivamente contribuiscono maggiormente al bilancio delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace e la Cina, la  più grande dopo gli Stati Uniti, dovrebbero essere identificate delle opportunità per condividere l’esperienza operativa in questo settore.

Azione 1: l’UE rafforzerà la cooperazione con la Cina per far fronte alle responsabilità comuni attraverso tutti e tre i pilastri delle Nazioni Unite – Diritti umani, pace e sicurezza, e Sviluppo.

Sul cambiamento climatico, la Cina è allo stesso tempo il più grande emettitore di carbonio al mondo e il maggior investitore in energie rinnovabili. L’UE si compiace del ruolo della Cina come uno dei principali sostenitori dell’accordo di Parigi. Allo stesso tempo, la Cina sta costruendo centrali elettriche  a carbone in molti paesi; questo mina gli obiettivi globali dell’accordo di Parigi. La Cina è un partner strategico per i cambiamenti climatici e la transizione verso l’energia pulita con cui dobbiamo continuare a sviluppare una relazione forte, data la vastità di le sue emissioni (circa il 27% dell’importo globale), che continuano ad aumentare. La nostra collaborazione è essenziale per il successo dell’azione globale per il clima, per gli sforzi di transizione verso l’energia pulita e una corretta governance degli oceani. Un impegno da parte della Cina a abbattere il picco delle emissioni prima del 2030 darebbe nuovo impulso alla lotta ai cambiamenti climatici in linea con l’accordo di Parigi ed ispirerebbe un’azione a livello globale. Inoltre, l’UE e la Cina dovrebbero rafforzare la loro cooperazione in materia finanziamento sostenibile, per incanalare i flussi di capitale privato verso un approccio più sostenibile ed un’ economia neutrale dal punto di vista climatico.

Azione 2:  Per combattere i cambiamenti climatici in modo efficace l’UE dovrebbe spingere la Cina ad abbattere le sue emissioni prima del 2013 in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Impegno per la pace internazionale, la sicurezza e lo sviluppo di un’economia sostenibile

La Cina è un partner strategico dell’UE nell’affrontare le sfide globali e internazionali. Allo stesso tempo però esistono problemi di sicurezza e differenze per quanto riguarda l’applicazione del diritto internazionale, il rispetto del buon governo e lo sviluppo economico sostenibile. La Cina ha la capacità e la responsabilità di svolgere un ruolo importante nell’affrontare sfide per la sicurezza della regione. Ad esempio, la partecipazione e il sostegno della Cina al piano d’azione congiunto globale per l’Iran è stato un fattore determinante per garantire prima l’accordo ed ora la piena ed effettiva attuazione.

Gli approcci coordinati europei e cinesi alle operazioni antipirateria nel Golfo di Aden e al largo del Corno dell’Africa hanno aumentato la sicurezza delle spedizioni in quelle aree.: un’ulteriore cooperazione rimane importante per rafforzare la fiducia politica. La Cina giocherà un ruolo importante nel garantire la denuclearizzazione della Repubblica Popolare democratica di Corea. L’UE desidera inoltre collaborare con la Cina per sostenere il futuro processo di pace in Afghanistan e combattere la crisi dei Rohingya in Myanmar. Le rivendicazioni marittime della Cina nel Mar Cinese Meridionale e il rifiuto di accettare il vincolo sentenze arbitrali emesse ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare influenzano il mantenimento dell’ordine internazionale e rendono più difficile risolvere i conflitti che coinvolgono corsie di comunicazione fondamentali per gli interessi economici dell’UE. E sono anche in contrasto con le richieste cinesi di rappresentanza sulle questioni artiche.

Le crescenti capacità militari della Cina insieme alla sua visione globale e l’ambizione poter contare su forze armate tecnologicamente più avanzate entro il 2050 presenta dei problemi di sicurezzaper l’UE, già in una prospettiva di breve – medio termine. Minacce ibride intersettoriali, comprese operazioni di informatica e grandi esercitazioni militari non solo minano la fiducia, ma sfidano la sicurezza dell’UE: un problema che deve essere affrontata all’interno del contesto rappresentato dalla nostra relazione reciproca.

Azione 3: l’UE intensificherà l’impegno con la Cina in materia di pace e sicurezza, proseguendo la positiva cooperazione sul piano d’azione globale congiunto per l’Iran.

L’attività commerciale e di investimento della Cina in paesi terzi, compreso quello occidentale dei Balcani, della vicina Europa e dell’Africa sono cresciute esponenzialmente. Gli investimenti cinesi hanno contribuito alla crescita di molte economie riceventi. Allo stesso tempo però questi investimenti trascurano spesso la sostenibilità socioeconomica e finanziaria e possono comportare un indebitamento di alto livello e il trasferimento del controllo su attività strategiche e risorse. Ciò compromette gli sforzi per promuovere una buona governance sociale ed economica e, fondamentalmente, lo stato di diritto e i diritti umani.

Inoltre, le società europee devono affrontare una mancanza di condizioni di parità quando competono nei mercati di paesi terzi con aziende cinesi, avendo accesso a prestiti garantiti dallo Stato esportando crediti a condizioni preferenziali e applicando differenti standard lavorativi e sindacali. Alla luce di ciò, l’UE dovrebbe continuare a promuovere la stabilità, lo sviluppo di un’economia sostenibile ed il rispetto del buon governo, in partenariato con paesi terzi e con vigore ancora maggiore. L’aumentata presenza internazionale della Cina può offrire importanti opportunità di cooperazione trilaterale ed un impegno positivo, quando guidato dalla domanda e basato su reciproco interesse e comprensione, nelle regioni di importanza prioritaria per l’UE, come l’Africa. L’UE incoraggerà la Cina a migliorare la trasparenza del debito e sostenibilità attuando le linee guida operative del G20 sul finanziamento sostenibile e sosterrà i continui sforzi del gruppo di Parigi verso l’inclusione di emergenti creditori di mercato.

Nei Balcani occidentali e nei paesi confinanti con l’UE, l’UE ha un interesse fondamentale in più perseguire efficacemente le sue politiche di espansione e vicinanza proprio al fine di rafforzare la resilienza dei suoi partner e garantire la piena aderenza ai valori, agli standard e alle norme dell’UE, in particolare in settori chiave quali lo stato di diritto, gli appalti pubblici, l’ambiente, l’energia, le infrastrutture e la concorrenza. Ciò implica una piena attuazione giuridicamente vincolante degli accordi internazionali e dare la priorità ai pertinenti capitoli di negoziazione del processo di allargamento, al fine di guidare le riforme in modo più efficace. Al fine di sostenere finanziariamente gli obiettivi dell’UE e promuovere gli investimenti del settore privato, è necessario un rapido accordo sugli strumenti di azione relativi al prossimo quadro finanziario pluriennale.

Ciò include lo strumento di Pre -adesione ed il Neighbourhood, Development and International Cooperation Instrument parte del Fondo per lo sviluppo sostenibile ed in particolare la garanzia di investimento prevista (60 miliardi di euro).

La strategia dell’UE per collegare l’Europa e l’Asia fornisce un quadro chiaro per impegno di fiducia con i nostri partner, consentendo all’Unione di ricercare sinergie tra i UE e paesi terzi, compresa la Cina, nei settori dei trasporti, dell’energia e della connettività digitale sulla base regole e standard internazionali. I principi chiave dell’impegno dell’UE a favore della connettività sono la sostenibilità finanziaria, ambientale e sociale, la trasparenza, apertura d’approvvigionamento e condizioni di parità.

La piattaforma di connettività UE-Cina rappresenta un’opportunità iniziale per rafforzare la cooperazione e lavoro in modo reciproco e  trasparente e dovrebbe essere ampliato. Ha per scopo la promozione di corridoi di trasporto sostenibili basati sui principi della rete di policy transeuropea. Il lancio imminente di uno studio sui corridoi ferroviari, tra l’UE e la Cina, rendono più semplici le possibilità di creare sinergie con la politica della rete transeuropea di trasporto.

Azione 4: per preservare il suo interesse per la stabilità, lo sviluppo economico sostenibile e la buona governance nei paesi partner, l’UE applicherà in modo più efficace gli accordi e gli strumenti finanziari bilaterali collaborando con la Cina per seguire gli stessi principi attraverso l’attuazione della strategia dell’UE sul collegamento tra Europa e Asia.

Raggiungere un rapporto commerciale e di investimento più equilibrato e reciproco

L’UE e la Cina sono mercati strategici l’uno per l’altro, con scambi giornalieri quantificabili in coltre un miliardo di euro. La crescita del mercato interno e il peso economico della Cina danno vita a grandi opportunità. Inoltre la Cina è diventata sempre più un concorrente strategico per l’UE pur fallendo nel ricambiare l’accesso al mercato ed il mantenimento di condizioni di parità. Il peso economico della Cina sta crescendo e di conseguenza aumenta il rischio per le economie globali di ricadute negative derivanti da distorsioni nel sistema economico cinese e da possibili improvvise recessioni economiche.

L’approccio dell’UE alla Cina dovrebbe quindi tenere conto della natura in evoluzione dell’economia cinese.  Le politiche industriali ed economiche proattive e guidate dallo Stato come “Made in China” mirano a sviluppare campioni domestici al fine di aiutarli a divenire dei leader globali nei settori strategici hi-tech. La Cina preserva i suoi mercati interni per i suoi campioni, proteggendoli dalla concorrenza attraverso: un’apertura selettiva del mercato, licenze e altre restrizioni agli investimenti; forti sovvenzioni a società statali e private; chiusura del mercato di approvvigionamento; requisiti di localizzazione, anche per i dati; favorendo gli operatori domestici nella protezione e nel rispetto della proprietà intellettuale e limitando l’accesso ai programmi finanziati dal governo alle compagnie straniere.

Gli operatori dell’UE devono sottostare a requisiti onerosi per accedere al mercato cinese, come la creazione di joint venture con aziende locali od il trasferimento di tecnologie chiave a controparti cinesi. Uno dei settori in cui la mancanza dell’accesso reciproco al mercato è particolarmente sentito è quello dei servizi finanziari. Mentre le società cinesi fintech e di pagamento online, i fornitori di carte di credito, le banche e gli assicuratori stanno espandendo la loro presenza nell’UE, agli operatori europei è negato l’accesso al mercato cinese. Data l’entità dei nostri legami commerciali e di investimento, è importante sviluppare di più una relazione economica equilibrata e reciproca.

Ciò può essere ottenuto in vari modi: collaborando con la Cina come nel 2005 attraverso forum internazionali per migliorare le regole ed archiviando dei progressi decisivi nel corso di negoziati bilaterali ma anche utilizzando importanti strumenti come i rafforzati e modernizzati strumenti di difesa commerciale.

L’Organizzazione mondiale del commercio è la pietra angolare del sistema commerciale multilaterale ma le sue regole devono essere rinnovate e alcune lacune devono essere colmate per garantire parità di condizioni sul campo eliminando le pratiche sleali applicate dalla Cina. La Cina dovrebbe impegnarsi costruttivamente in tal senso, anche attraverso il gruppo di lavoro per la riforma del organizzazione mondiale del commercio (Word Trade Organization Reform) istituita in occasione del vertice UE-Cina del 2018.  Una delle priorità a tal riguardo e un indicatore dell’impegno della Cina – è l’avvio dei negoziati su controlli più forti in materia di sovvenzioni industriali. Fare progressi verso l’eliminazione dei trasferimenti forzati di tecnologia rivestirà  un’importanza fondamentale. Negoziati per un accordo per un accordo globale sugli investimenti sono in corso dal 2013.  Il raggiungimento dello stesso sarebbe uno strumento chiave per riequilibrare le relazioni di investimento e garantire la parità di trattamento per le società dell’UE che operano in Cina,  oltre a garantire una sicura legalità per le società cinesi nel mercato unico. Le due parti dovrebbero raggiungere progressi sostanziali nei negoziati nel corso del 2019 in vista della ratifica di un accordo nel 2020.

La firma dell’accordo bilaterale UE-Cina sulla sicurezza aerea in arrivo nelle prossime settimane aumenterà il commercio per via aerea e porterà ad assicurare una maggiorata sicurezza nei trasporti. Una rapida conclusione dei negoziati sull’accordo in merito alle  indicazioni geografiche risulterà fondamentale per garantire il reciproco riconoscimento delle indicazioni geografiche dei propri mercati.

Le esportazioni di prodotti agricoli e alimentari dell’UE verso la Cina sono soggette a discriminazioni  ed a procedure imprevedibili e onerose, ritardi eccessivi e decisioni arbitrarie. Oltre ai negoziati in corso, la Commissione discuterà con i membri al fine di negoziare come una sola voce. La Cina dovrebbe trattare l ‘UE come entità unica per le esportazioni agricole e alimentari, applicando il principio di regionalizzazione. Così si dimostrerà l’impegno della Cina nei confronti della costruzione di una relazione economica reciprocamente vantaggiosa.

Azione 5: al fine di raggiungere una relazione economica più equilibrata e reciproca, l’UE invita la Cina a rispettare gli impegni congiunti UE-Cina già esistenti. Ciò comprende riformare l’Organizzazione mondiale del commercio, in particolare in materia di sovvenzioni e trasferimenti forzati di tecnologia, concludendo con gli accordi bilaterali sugli investimenti entro il 2020, e quelli sulle indicazioni geografiche e sulla sicurezza aerea nelle prossime settimane.

L’UE ha un mercato aperto degli appalti che è il più grande del mondo. Però allo stesso tempo, le aziende dell’UE incontrano spesso difficoltà per accedere alle opportunità di approvvigionamento nei mercati cinesi e in altri mercati esteri, in particolare nei settori nei quali le società dell’UE sono dii norma altamente competitivi (ad es. attrezzature di trasporto, telecomunicazioni, produzione di energia, attrezzature mediche e servizi di costruzione). Questa tendenza protezionistica è in aumento. La proposta riveduta della Commissione relativa a uno strumento per gli appalti internazionali (IPI) è stata presentata al Parlamento europeo e al Consiglio Europeo nel gennaio 2016. Il presente regolamento aumenterebbe la leva finanziaria dell’UE per negoziare reciprocità e apertura del mercato, creando nuove opportunità per le sue imprese.

Azione 6: per promuovere la reciprocità e aprire opportunità di appalto in Cina, il Il Parlamento europeo e il Consiglio dovrebbero adottare gli strumenti per gli appalti internazionali entro la fine del 2019.

Rafforzare la competitività dell’Unione e garantire condizioni di parità

L’UE ha bisogno di un approccio proattivo per rafforzare la sua competitività economica e garantire condizioni di parità. Essa continuerà ad adottare misure concrete per rafforzare il Mercato unico, compresa la sua capacità di incanalare gli investimenti laddove vi sono in gioco interessi strategici dell’’UE. La creazione di un mercato unico per gli appalti pubblici è uno dei risultati chiave del mercato interno. La pubblicazione delle offerte in tutta l’UE garantisce la trasparenza e crea opportunità per le aziende di tutta l’UE. Una migliore implementazione delle regole garantirà qualità e sicurezza in tutte le fasi del processo, un giusto rapporto qualità-prezzo e la sostenibilità dei progetti. Considerando che una parte sostanziale degli investimenti pubblici nell’economia dell’UE è spesa attraverso appalti pubblici (2 trilioni di euro all’anno che rappresentano il 14% del PIL dell’UE): un approccio più strategico può avere un impatto notevole. Pertanto, pur riflettendo la natura sempre più globale del mercato degli appalti pubblici, potrebbe essere d’aiuto un approccio più strategico al quadro degli appalti dell’UE, per identificare e affrontare gli ostacoli e le lacune che in pratica impediscono il raggiungimento delle condizioni di parità di condizioni.  Ad esempio, le regole potrebbero essere modificate o la loro applicazione rafforzata per garantire che le procedure di appalto nell’UE, condotte sulla base di accordi e procedure internazionali gli accordi, rispettino i principi del trattato di trasparenza e parità di trattamento. Inoltre, gli appalti pubblici per progetti che beneficiano di finanziamenti dell’UE dovrebbero garantire a elevato standard di qualità, sicurezza, sostenibilità e responsabilità sociale.

Inoltre, la Commissione pubblicherà linee guida sul quadro giuridico relativo al partecipazione di offerenti e beni esteri nel mercato dell’UE tenendo conto delle norme europee ed internazionali in materia di appalti, anche su gare anormalmente basse, nonché sul rispetto delle norme di sicurezza, di lavoro e ambientali e delle regole sugli aiuti di Stato.

Azione 7: Per garantire che non solo il prezzo ma anche livelli elevati di lavoro e gli standard ambientali vengano presi in considerazione, la Commissione pubblicherà gli le linee guida entro  entro la metà del 2019 sulla partecipazione di offerenti esteri e sulle merci nel mercato degli appalti dell’UE.  La Commissione, insieme agli Stati membri, effettuerà una panoramica del attuazione del quadro attuale per identificare le carenze entro la fine del 2019.

Le policy dell’UE non affrontano appieno gli effetti delle sovvenzioni concesse  da governi stranieri nel mercato interno dell’UE. Gli strumenti regolatori della concorrenza dell’UE si applicano senza discriminazione per tutti gli operatori economici, indipendentemente dalla loro origine. Le norme dell’UE in materia di aiuti di Stato riguardano solo gli aiuti concessi dagli Stati membri. Inoltre, la fusione dei controlli nell’UE non consente alla  Commissione di intervenire contro l’acquisizione di una società europea basandosi solo sul fatto che l’acquirente abbia beneficiato di sussidi esteri. Gli strumenti di difesa del commercio si occupano di gestire le sovvenzioni che incidono sul prezzo dei prodotti importati nell’UE. Tuttavia, questi strumenti non coprono tutti i potenziali effetti derivanti da sussidi o sostegni ingiusti da parte di paesi terzi. Per colmare questa lacuna, è necessario identificare il modo in cui l’UE potrebbe affrontare adeguatamente gli effetti distorsivi della proprietà statale straniera e del finanziamento statale di società straniere mercato interno dell’UE.

Azione 8: Per affrontare nella loro completezza gli effetti distorsivi della proprietà appartenente a stati stranieri ed i finanziamenti di Stato nel mercato interno la Commissione identificherà entro la fine del 2019 quale sia il metodo migliore per colmare le lacune della legislazione europea in tal settore.

Nel contesto di una rinnovata strategia di politica industriale, l’UE dovrebbe promuovere l’industria di cooperazione transfrontaliera, con forti attori europei, attorno al valore strategico di processi chiave per la competitività industriale e l’autonomia strategica dell’UE. Il lavoro dello Strategic Forum for Important Projects of Common European Interest ha un ruolo chiave da svolgere, tanto quanto  l’esecuzione collettiva di iniziative come il piano d’azione coordinato sull’intelligenza artificiale dell’Unione Europea.

Basandosi sulla strategia europea di intelligenza artificiale, il piano coordinato stabilisce una serie di misure operative volte a massimizzare l’impatto degli investimenti aiutando l’Europa a divenire una regione leader a livello mondiale per lo sviluppo e la diffusione di un’intelligenza artificiale all’avanguardia, etica e sicura. Queste azioni di collaborazione si concentrano  in particolare sull’aumentare gli investimenti, rendere disponibili più dati, promuovere talenti e garantire fiducia. Una cooperazione più stretta ed efficiente è essenziale per l’attuazione dell’approccio UE basato sui valori di un’intelligenza artificiale affidabile ed incentrata sull’uomo, condizione chiave per un’ampia accettazione della stessa.

Il piano d’azione strategico sulle batterie adottato nel maggio 2018 mira a creare un “ecosistema” di batterie competitivo, sostenibile ed innovativo in Europa, comprendente l’intera catena di montaggio. Le batterie sono fondamentali per l’accumulo di energia ed una  mobilità pulita e saranno di importanza strategica per la modernizzazione dell’industria europea. Particolare attenzione viene prestata per assicurare una fornitura affidabile di materie prime e l’accesso alle “terre rare”.

Per garantire la competitività a lungo termine degli operatori dell’UE, anche in settori in cui le imprese europee non godono dell’accesso reciproco al mercato, l’UE ha bisogno di programma ambizione come Horizone Europe, aperto a paesi terzi e organizzazioni internazionali per rimanere all’avanguardia nel settore della ricerca e dell’innovazione globale. L’Unione dovrebbe anche includere regole chiare sullo sfruttamento dei risultati e consentire un effettivo accesso reciproco alla ricerca ed al suo finanziamento.  La Commissione invita il Parlamento europeo e il Consiglio a trovare un accordo sul programma Horizone Europe.

Rafforzare la sicurezza delle infrastrutture critiche e della base tecnologica

Investimenti esteri in settori strategici, l’ acquisizione di asset cruciali, tecnologie e

infrastrutture nell’UE, il coinvolgimento nella definizione degli standard europei e la fornitura di equipaggiamento strategico possono comportare rischi per la sicurezza dell’UE. Questo è particolarmente rilevante per  ciò che concerne

infrastrutture cruciali , come le reti 5G, le quali saranno essenziali per il nostro futuro  e per questo motivo dovranno essere perfettamente sicure. Le reti 5G forniranno la spina dorsale futura delle nostre società ed economie, collegheranno miliardi di soggetti e sistemi, comprese informazioni sensibili e sistemi di tecnologia della comunicazione in settori vitali. Qualsiasi vulnerabilità riscontrata nelle reti 3G potrebbe essere sfruttato per compromettere tali sistemi e le infrastrutture digitali causando danni potenzialmente molto gravi. Una gamma di strumenti dell’UE, tra cui la  “Direttiva sulla sicurezza delle reti e dell’informazione”, la legge sulla sicurezza informatica recentemente approvata e il codice europeo relativo alle comunicazioni elettroniche consentiranno di rafforzare la cooperazione nell’affrontare gli attacchi informatici e daranno modo all’UE di agire collettivamente per proteggere la propria economia e la società.

La Commissione adotterà linee guida seguendo l’indicazione del Consiglio europeo per trovare un approccio comune nei confronti dei rischi per la sicurezza delle reti 5G, valutando la situazione e dando vita a misure di gestione dei rischi e ad un’effettiva cooperazione e scambio di informazioni nella consapevolezza di un’azione congiunta dell’UE relativa agli aspetti critici delle reti di comunicazione.

Inoltre, l’8 marzo 2019, la Commissione e l’Alto rappresentante hanno proposto l’istituzione di un regime orizzontale di sanzioni per contrastare gli attacchi informatici. Il regime proposto conterebbe su una copertura mondiale e consentirebbe all’Unione Europea di poter contare su una risposta valida al problema a prescindere dalla posizione da quale vengono lanciati gli attacchi informatici e indipendentemente dal fatto che vengano eseguiti da attori statali o non statali. Questo regime sanzionatorio, una volta adottato, consentirebbe all’UE di rispondere agli attacchi informatici più pericolosi, in grado di minacciano l’integrità e la sicurezza dell’UE, dei suoi Stati membri e dei loro cittadini.

L’UE sosterrà gli sforzi multilaterali, in particolare nel contesto del G20, per promuovere uno scambio libero e sicuro dei flussi di dati sicuri basati su solide protezioni della privacy.

Azione 9: Per salvaguardare da potenziali gravi implicazioni di sicurezza le infrastrutture digitali cruciali, è necessario un approccio comune dell’UE alla sicurezza delle reti 5G.

Detto questo, la Commissione Europea emetterà una Raccomandazione seguendo il Consiglio europeo. Il nuovo regolamento che istituisce un quadro per lo screening degli investimenti diretti esteri entrerà in vigore nell’aprile 2019 e sarà applicato integralmente a partire da novembre 2020. Esso fornirà un potente strumento per rilevare e sensibilizzare in materia di investimenti esteri all’interno di attività essenziali, tecnologie ed infrastrutture. Consentirà inoltre di identificare collettivamente e affrontare le minacce alla sicurezza e all’ordine pubblico poste dalle acquisizioni in settori sensibili.  Gli Stati membri dovrebbero utilizzare il periodo tra il lancio della norma e la sua entrata in vigore per apportare le modifiche necessarie alle rispettive prassi e legislazioni internazionali e dare vita alle corrette strutture amministrative per garantire una cooperazione efficace a livello europeo con la Commissione secondo le norme stabilite.

Azione 10: Per rilevare i rischi per la sicurezza  posti dagli investimenti esteri in

risorse, tecnologie e infrastrutture essenziali e sensibilizzare a riguardo, gli Stati membri dovrebbero garantire la rapida, piena ed efficace attuazione del regolamento relativo allo screening degli investimenti stranieri diretti.

Le norme dell’UE in materia di controllo delle esportazioni di beni a duplice uso consentono all’Unione  stessa di monitorare le esportazioni di tecnologie chiave e verificare eventuali problemi di sicurezza. La proposta della Commissione di modernizzare il regolamento sul controllo delle esportazioni include la cybersicurezza e la tecnologia di sorveglianza. Il regolamento rafforzerebbe la capacità dell’UE di adeguarsi e mitigare le conseguenze dei rischi per la sicurezza ed eseguire rapide modifiche tecnologiche.

La Commissione invita il Parlamento europeo e il Consiglio ad modernizzare le regole europee in materia di controllo delle esportazioni il più rapidamente possibile.

Conclusione

La Commissione e l’alto rappresentante invitano il Consiglio europeo ad approvare le seguenti azioni:

Azione 1: l’UE rafforzerà la cooperazione con la Cina per far fronte alle responsabilità comuni attraverso tutti e tre i pilastri delle Nazioni Unite – Diritti umani, pace e sicurezza, e Sviluppo.

Azione 2:  Per combattere i cambiamenti climatici in modo efficace l’UE dovrebbe spingere la Cina ad abbattere le sue emissioni prima del 2013 in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Azione 3: l’UE intensificherà l’impegno con la Cina in materia di pace e sicurezza, proseguendo la positiva cooperazione sul piano d’azione globale congiunto per l’Iran.

Azione 4: per preservare il suo interesse per la stabilità, lo sviluppo economico sostenibile e la buona governance nei paesi partner, l’UE applicherà in modo più efficace gli accordi e gli strumenti finanziari bilaterali collaborando con la Cina per seguire gli stessi principi attraverso l’attuazione della strategia dell’UE sul collegamento tra Europa e Asia.

Azione 5: al fine di raggiungere una relazione economica più equilibrata e reciproca, l’UE invita la Cina a rispettare gli impegni congiunti UE-Cina già esistenti. Ciò comprende riformare l’Organizzazione mondiale del commercio, in particolare in materia di sovvenzioni e trasferimenti forzati di tecnologia, concludendo con gli accordi bilaterali sugli investimenti entro il 2020, e quelli sulle indicazioni geografiche e sulla sicurezza aerea nelle prossime settimane.

Azione 6: per promuovere la reciprocità e aprire opportunità di appalto in Cina, il Il Parlamento europeo e il Consiglio dovrebbero adottare gli strumenti per gli appalti internazionali entro la fine del 2019.

Azione 7: Per garantire che non solo il prezzo ma anche livelli elevati di lavoro e gli standard ambientali vengano presi in considerazione, la Commissione pubblicherà gli le linee guida entro  entro la metà del 2019 sulla partecipazione di offerenti esteri e sulle merci nel mercato degli appalti dell’UE.  La Commissione, insieme agli Stati membri, effettuerà una panoramica del attuazione del quadro attuale per identificare le carenze entro la fine del 2019.

Azione 8: Per affrontare nella loro completezza gli effetti distorsivi della proprietà appartenente a stati stranieri ed i finanziamenti di Stato nel mercato interno la Commissione identificherà entro la fine del 2019 quale sia il metodo migliore per colmare le lacune della legislazione europea in tal settore.

Azione 9: Per salvaguardare da potenziali gravi implicazioni di sicurezza le infrastrutture digitali cruciali, è necessario un approccio comune dell’UE alla sicurezza delle reti 5G.

Azione 10: Per rilevare i rischi per la sicurezza  posti dagli investimenti esteri in risorse, tecnologie e infrastrutture essenziali e sensibilizzare a riguardo, gli Stati membri dovrebbero garantire la rapida, piena ed efficace attuazione del regolamento relativo allo screening degli investimenti stranieri diretti.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione

Fact-Checking
20di 5

5

5 di 5
Eccellente