Trizio Consulting

Regno Unito: non paghiamo chi fa il test per COVID-19

Regno Unito: non paghiamo chi fa il test per COVID-19
Trizio Consulting

Il governo britannico ha comunicato che non ha intenzione di pagare 500 sterline a tutti colore che in Inghilterra risultassero positivi per COVID-19, respingendo le indiscrezioni dei media secondo cui l’idea era stata presa in considerazione per incoraggiare le persone a fare il test.

I giornali hanno citato un documento che, secondo loro, mostrava che il governo stava considerando l’idea che siccome molte persone ignorano l’autoisolamento dopo essere risultati positivi ad un test Covid per evitare il blocco lavorativo.

“Non ci sono piani per introdurre un pagamento extra di 500 sterline”, ha detto il portavoce del primo ministro Boris Johnson. “La stragrande maggioranza del pubblico continua a rispettare le regole e si isola quando gli viene chiesto”.

Alcune persone a basso reddito ricevono già un pagamento di 500 sterline se hanno bisogno di autoisolarsi, ma i giornali hanno detto che il documento politico aveva proposto di renderlo un pagamento universale perché un sondaggio aveva indicato che solo il 17% delle persone con sintomi si stava facendo avanti per ottenere un test.

Un sondaggio separato ha rilevato che solo una persona su quattro rispettava le regole per autoisolarsi per 10 giorni, con il 15% che avrebbe lavorato normalmente.

Il ministro dell’Ambiente George Eustice ha detto venerdì che il governo ha riconosciuto che l’autoisolamento è “una sfida finanziaria per alcuni”.

I casi sono aumentati in Gran Bretagna alla fine dello scorso anno, alimentati da un nuovo ceppo altamente trasmissibile del coronavirus, che ha portato a blocchi in tutto il Regno Unito.

L’Office for National Statistics ha detto venerdì che il numero di persone risultate positive in Inghilterra è diminuito leggermente nell’ultima settimana, ma la prevalenza nel complesso è rimasta elevata, con circa 1 persona su 55 che ha il virus. Giovedì, la Gran Bretagna ha registrato 37.892 nuovi casi con 1.290 morti.

Johnson ha detto che era troppo presto per dire quando le restrizioni potrebbero essere revocate, ma spera che un programma di vaccinazioni di massa spianerà la strada per un ritorno a un certo grado di normalità entro la primavera.