Rai, 6.500 euro per ogni puntata di Cottarelli da Fazio

Rai, 6.500 euro per ogni puntata di Cottarelli da Fazio

Di questi giorni la polemica riguardo i compensi del professor Carlo Cottarelli a “Che tempo che fa”. Ogni puntata costa 6500 euro. Ma i soldi, versati dalla società Officina, controllata al 50 per cento da Fabio Fazio, vanno all’università Cattolica.  Questa la comunicazione fatta dalla Rai a un’interrogazione rivolta a Viale Mazzini dal senatore Maurizio Gasparri (Forza Italia) a proposito dell’onere finanziario sostenuto dall’azienda per avere come ospite il direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici.

Il contratto, come chiarito dalla Rai, è stato sottoscritto da Officina (la società controllata al 50% da Fabio Fazio che ha con la tv pubblica un accordo per la realizzazione delle puntate di Che Tempo Che Fa) e dalla Cattolica, mentre l’ex funzionario del Fondo monetario internazionale ha firmato una liberatoria con cessione dei diritti di immagine per la partecipazione al programma a titolo gratuito. Cottarelli ha spiegato che i soldi saranno usati per attivare borse di studio presso l’Osservatorio. Il contratto prevede appunto l’esclusiva, ma con tre deroghe da utilizzare in giornate diverse da domenica e lunedì oltre alla possibilità di intervenire nei telegiornali. Fuori dall’esclusiva anche “la trasmissione di una intervista già registrata per il programma Report“.

La partecipazione di Cottarelli da Fazio è stata contestata dal M5s. Il senatore grillino Gianluigi Paragone  ha attaccato: “Mi sembra che Fazio voglia fare con questa omelia della domenica di Cottarelli un lavaggio del cervello agli italiani per convincerli che le manovre di un governo populista facciano male. E non c’è neppure un contraddittorio!”


Articoli correlati

Inghilterra: morta italiana, è mistero

Una ragazza italiana di 25 anni, Debora Rastelli, è stata trovata morta nella sua abitazione di Glasgow. La donna era

Camera dei deputati nessun voto. A vuoto anche il voto al Senato

Fumata nera nell’Aula della Camera dei deputati alla prima votazione per eleggere il presidente. Nessuno ha raggiunto la maggioranza dei due terzi

Affitto estivo, il 50% sono in nero

Andare in vacanza in Salento può essere un problema se si incontra un proprietario delle cosiddette “case pollaio”, delle abitazioni