Rai, 6.500 euro per ogni puntata di Cottarelli da Fazio

Rai, 6.500 euro per ogni puntata di Cottarelli da Fazio

Di questi giorni la polemica riguardo i compensi del professor Carlo Cottarelli a “Che tempo che fa”. Ogni puntata costa 6500 euro. Ma i soldi, versati dalla società Officina, controllata al 50 per cento da Fabio Fazio, vanno all’università Cattolica.  Questa la comunicazione fatta dalla Rai a un’interrogazione rivolta a Viale Mazzini dal senatore Maurizio Gasparri (Forza Italia) a proposito dell’onere finanziario sostenuto dall’azienda per avere come ospite il direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici.

Il contratto, come chiarito dalla Rai, è stato sottoscritto da Officina (la società controllata al 50% da Fabio Fazio che ha con la tv pubblica un accordo per la realizzazione delle puntate di Che Tempo Che Fa) e dalla Cattolica, mentre l’ex funzionario del Fondo monetario internazionale ha firmato una liberatoria con cessione dei diritti di immagine per la partecipazione al programma a titolo gratuito. Cottarelli ha spiegato che i soldi saranno usati per attivare borse di studio presso l’Osservatorio. Il contratto prevede appunto l’esclusiva, ma con tre deroghe da utilizzare in giornate diverse da domenica e lunedì oltre alla possibilità di intervenire nei telegiornali. Fuori dall’esclusiva anche “la trasmissione di una intervista già registrata per il programma Report“.

La partecipazione di Cottarelli da Fazio è stata contestata dal M5s. Il senatore grillino Gianluigi Paragone  ha attaccato: “Mi sembra che Fazio voglia fare con questa omelia della domenica di Cottarelli un lavaggio del cervello agli italiani per convincerli che le manovre di un governo populista facciano male. E non c’è neppure un contraddittorio!”


Articoli correlati

Legittima Difesa, via libera per Cambiare la Legge. Lega: “Procedere Spediti”

E’ iniziata il viaggio per cambiare la legge sulla legittima difesa con alcune differenze tra i due partiti della maggioranza. Nella giornata in

Istat, 40% lavoratrici precarie è mamma

Il lavoro precario, in termini tecnici ‘atipico’, è “più diffuso tra i giovani di 15-34 anni”, tanto che “circa 1

Pd: “Conte spieghi o occupiamo l’Aula”

Le opposizioni chiedono un intervento al Senato del ministro Tria sulla Manovra per sapere “a che punta sia la trattativa”