L’Iran aumenta i prezzi della benzina del 50%

L’Iran aumenta i prezzi della benzina del 50%

Gli iraniani si sono svegliati scoprendo che i prezzi della benzina sono aumentati del 50% dall’oggi al domani, poiché le autorità nella repubblica islamica hanno ridotto i sussidi come parte degli sforzi per compensare l’impatto delle sanzioni statunitensi e un forte calo delle sue entrate.

Giovedì a mezzanotte le autorità di Teheran hanno annunciato che ogni automobilista poteva acquistare 60 litri di benzina al mese a 15.000 IR al litro, con un aumento del 50%. Il carburante extra è ancora disponibile ma a 30.000 IR (0,65 Euro) al litro.

La mossa arriva dopo che il presidente Hassan Rouhani ha ammesso che l’Iran ha dovuto affrontare un enorme calo del suo flusso di petrodollari – la linea vitale del paese – a causa delle sanzioni statunitensi introdotte lo scorso anno.

Il presidente nelle ultime settimane ha concentrato i suoi discorsi pubblici sulla necessità di dialogare con i nemici, ampiamente intesi come un chiaro riferimento agli Stati Uniti. Ma ha affrontato la resistenza dei sostenitori della linea dura che hanno chiarito che non vogliono scendere a compromessi sulle politiche regionali e di difesa dell’Iran.

Un aumento dei prezzi del carburante può generare maggiori entrate per il governo per acquistare materie prime e medicine e pagare dipendenti pubblici, lavoratori e pensionati. Ma potrebbe anche mettere le famiglie iraniane sotto pressione. L’inflazione è già al di sopra del 40% e l’economia in “grave pericolo”, secondo il FMI, che ha previsto che l’economia iraniana si contrarrà del 9% quest’anno.

Sebbene il governo di Rouhani sia riuscito a stabilizzare l’economia, è sotto pressione crescente la sua politica per rendere la vita più normale agli iraniani.

Molti iraniani sui social media hanno attaccato il presidente e il suo fallimento nel mantenere le promesse di migliorare l’economia. “Questo è un governo che si è definito il governo della speranza. Nessun altro governo ci ha deluso così tanto ” – “Non voterò mai più per nessuno“.

Nonostante l’aumento dei prezzi, la benzina in Iran rimane tra le più economiche al mondo ed è ancora fortemente sovvenzionata. Gli iraniani utilizzano l’energia a buon mercato e sostengono che qualsiasi confronto con altri paesi è irrilevante perché il loro reddito è molto più basso rispetto l’Occidente.

Molti disoccupati fanno affidamento su benzina a basso costo per lavorare come tassisti privati. I breadwinner delle città più piccole vanno nelle grandi città durante la settimana e dormono nelle loro auto di notte per lavorare di giorno.

Mohammad Bagher Nobakht, vicepresidente iraniano per gli affari di bilancio, ha affermato che circa 60 milioni di persone della popolazione di 82 milioni godranno di bonus mensili extra per compensare l’aumento dei prezzi della benzina. “Il presidente insiste sul fatto che tutte le entrate extra debbano essere restituite alle persone“, ha annunciato Nobakht con una chiara mossa per dissipare le preoccupazioni del pubblico circa un ulteriore declino del loro potere d’acquisto. “I primi pagamenti saranno gestiti entro la prossima settimana o 10 giorni.

Alessandro Capuano

Alessandro Capuano

Romano d’adozione, mi occupo di digitale da quando, a 12 anni, mi hanno regalato la prima console. Sono un fotografo incompetente ma curioso. La politica economica mi appassiona da sempre.