Presentati i simboli per le elezioni. Bocciati e promossi

Presentati i simboli per le elezioni. Bocciati e promossi

Prima ‘scrematura’ per i 103 simboli inviati lo scorso fine settimana al Viminale dai partiti che intendono partecipare alle elezioni politiche del 4 marzo. Nove contrassegni sono stati ‘rifiutati’ per “carenza nella documentazione” e non accederanno dunque alla presentazione delle liste, 75 sono stati ammessi e 19 non ammessi. Chi ha depositato questi ultimi ha 48 ore di tempo per integrarli o sostituirli: tra di loro anche simboli storici come lo scudo crociato della Democrazia Cristiana e la fiamma del Movimento sociale italiano.

Nelle apposite bacheche al piano terra del Ministero è stato inserito il quadro che riassume lo stato di tutti i simboli. Due di quelli tradizionali – Dc e Msi – non hanno avuto il via libera perché simili ad altri già depositati. Lo Scudo crociato si trova infatti nel contrassegno redatto da Noi con l’Italia-Udc di Lorenzo Cesa, mentre la Fiamma tricolore è presente in quello presentato da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. La legge vieta la presentazione di simboli “identici o confondibili con quelli presentati in precedenza ovvero con quelli riproducenti simboli usati tradizionalmente da altri partiti“.

I simboli non ammessi

Fanno parte dei non ammissibili, anche, i Forconi, Pensionati Consumatori, Indipendenza del Veneto. Tra i nove invece definitivamente ‘bocciati’ c’è La Margherita – Democrazia è Libertà, Fronte Verde, Ragione e Libertà. La nuova legge elettorale prescrive che entro 10 giorni dalla scadenza del termine per il deposito dei contrassegni, sulla sezione Elezioni trasparenti del sito del Ministero dell’Interno saranno pubblicati per ciascun partito, movimento e gruppo politico organizzato che ha presentato le liste: il contrassegno depositato, con l’indicazione del soggetto che ha conferito il mandato per il deposito; lo statuto ovvero la dichiarazione di trasparenza depositati; il programma elettorale con il nome e cognome della persona indicata come capo della forza politica depositati. Nella stessa sezione, entro 10 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle liste dei candidati, saranno pubblicate per ciascun partito, movimento e gruppo politico organizzato, le liste di candidati presentate per ciascun collegio.


Articoli correlati

Chi è Michele Emiliano, il nuovo governatore della Puglia

Chi è Michele Emiliano,  il nuovo governatore della Puglia che prenderà il posto di Nichi Vendola alla guida della giunta regionale per

Genova. Sfollati ponte morandi. Torri faro potrebbero essere la soluzione

La situazione di chi ha perso la casa dal crollo del ponte Morandi di Genova è davvero critica. Il fatto

Deutsche Bank, trattamento di favore dalla vigilanza Bce negli stress test

Deutsche Bank avrebbe ricevuto un trattamento di favore da parte della Vigilanza bancaria europea della Bce in occasione degli stress