La corte nigeriana rinvia a giudizio 47 uomini accusati di omosessualità

La corte nigeriana rinvia a giudizio 47 uomini accusati di omosessualità

Dopo mesi di ritardo, i pubblici ministeri nigeriani hanno iniziato a presentare le loro prove contro 47 uomini accusati di manifestazioni pubbliche di comportamento omosessuale, ma hanno chiesto un aggiornamento dopo aver richiamato un testimone.

L’avvocato Ilyas Abdulrahman ha dichiarato che il loro testimone principale, l’ispettore di polizia che ha guidato il raid in cui gli uomini sono stati arrestati, comparirà in tribunale.

Il processo a Lagos è visto come un caso principe per una legge che criminalizza l’omosessualità, che è messa al bando in molte società africane socialmente conservatrici in cui alcuni gruppi religiosi lo marchiano come una corruzione occidentale.

L’accusa ha chiamato l’ispettore di polizia Ade Adegboye, che ha dichiarato di conoscere tre degli imputati dal suo lavoro di “anti-cultismo”. Ha rifiutato di rispondere alle domande della difesa e non ha detto nulla riguardo alle accuse contro gli uomini, che rischiano fino a 10 anni di reclusione se condannati.

Gli uomini sono stati arrestati in un raid della polizia in un hotel nel distretto di Egbeda a Lagos nell’agosto 2018. La polizia ha dichiarato di essere stata “avvisata” della presenza degli uomini in un club gay, ma gli arrestati hanno affermato che stavano partecipando a una festa di compleanno.

Il loro caso è visto come un test per una legge nigeriana che vieta il matrimonio gay, punibile con una pena detentiva di 14 anni e “relazioni amorose” tra persone dello stesso sesso.

La legge ha causato una protesta internazionale quando è entrata in vigore nel 2014. Nessuno è stato ancora condannato da allora.

Il processo è stato precedentemente rinviato due volte senza aprire osservazioni perché l’accusa non ha portato i suoi testimoni in tribunale.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione