Nigeria. Legge sulle “fake news” prevede il carcere per aver mentito sui social media

Nigeria. Legge sulle “fake news” prevede il carcere per aver mentito sui social media

I timori di censura e una repressione autoritaria sul dissenso sono scoppiati su Twitter dopo che il parlamento nigeriano ha proposto una legge che colpirebbe gli utenti di Internet con multe salate o addirittura la prigione per aver diffuso ciò che le autorità decidono sia una Fake News.

La legge sui social media, che il Senato nigeriano ha proposto la scorsa settimana, prevede che la polizia possa arrestare persone i cui post sui social sono pensati per minacciare la sicurezza nazionale, influenzare le elezioni o “diminuire la fiducia del pubblico” nel governo.

Le autorità potrebbero anche togliere l’accesso a Internet a coloro che violano il regolamento.

I sostenitori hanno affermato che la misura ha lo scopo di proteggere i nigeriani da bugie che seminano disordini in un momento in cui i paesi di tutto il mondo sono alle prese con la minaccia della disinformazione, ma celebrità nigeriane, attivisti tecnologici e organizzazioni civiche hanno sostenuto online che una tale legge potrebbe mettere a tacere la libertà di parola.

Una petizione online per fermare il disegno di legge ha superato le 70.000 firme in un giorno mentre il dibattito si è diffuso su Twitterverse della Nigeria:

Questo disegno di legge sui social media è molto preoccupante“, ha detto la cantante Simi a 1,3 milioni di follower . “La libertà di parola è quasi tutto il potere che ci rimane“.

Se la legge sui social media venisse approvata, le forze dell’ordine hanno il diritto di chiudere Internet in qualsiasi momento“, ha dichiarato il conduttore televisivo Bolanle Olukanni al suo pubblico di 199.000 spettatori.

Quando il governo inizia a giudicare su ciò che è falso e ciò che è vero, il loro potere sta deviando e l’effetto agghiacciante“, ha pubblicato EiE Nigeria, un gruppo di difesa dei giovani.

Il senatore Mohammed Sani Musa, un membro del partito politico del presidente Muhammadu Buhari che rappresenta il distretto del Niger Est, ha introdotto la legislazione all’inizio di questo mese, citando le preoccupazioni che la Nigeria potrebbe cadere vittima del tipo di cyberforze che hanno sconvolto gli Stati Uniti.

Non è un tentativo di soffocare la libertà di parola“, ha detto Musa in un’intervista telefonica. “È un’opportunità per affrontare le crescenti minacce nel nostro paese che potrebbero minare la convivenza pacifica“.

Chiunque fosse accusato di infrangere la proposta di legge avrebbe avuto la possibilità di difendersi in tribunale, ha affermato. Coloro che sono stati giudicati colpevoli di aver distribuito consapevolmente informazioni false potrebbero rischiare multe fino a 300.000 naira nigeriani – circa 825 dollari – e fino a tre anni di carcere. (Le aziende, compresi i media, potrebbero essere colpite con sanzioni di 27.500 dollari.)

Il disegno di legge, che è sostenuto dalla maggioranza del Senato, è stato trasferito al Comitato del Senato per la magistratura, i diritti umani e le questioni legali, che è tenuto a tenere un’audizione pubblica sulla questione nelle prossime quattro settimane.

È stato in parte ispirato da ciò che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha definito “armi di distrazione di massa” dopo aver accusato la Russia di interferire nelle elezioni presidenziali del 2016.

La Nigeria richiede una risposta più forte alle campagne di fake news, ha affermato Musa, sia che si manifestino in patria che all’estero. Una bufala che Buhari sia morto e che è stato sostituito con un clone, ad esempio, è diventata virale l’anno scorso.

La democrazia americana esiste da 200 anni e la nostra ha solo 20 anni“, ha detto il senatore nigeriano. “Il problema è insopportabile per la Nigeria“.

Il senatore Chimaroke Nnamani, che rappresenta il Partito popolare democratico dell’opposizione nel distretto di Enugu East, ha anche invocato gli Stati Uniti quando ha criticato il disegno di legge la scorsa settimana nella capitale nigeriana, Abuja.

La mossa legislativa arriva a meno di due mesi da quando Singapore ha adottato una misura simile, suscitando preoccupazioni che il governo potrebbe usare il suo nuovo potere per eliminare il dissenso prima delle elezioni.

Le persone che pubblicano contenuti che il Paese asiatico considera dannosi per gli interessi nazionali potrebbero essere condannate a dieci anni di reclusione.

Dopo che la legge è passata questa primavera, Google ha affermato che potrebbe anche ostacolare l’innovazione digitale