Il Mes. Fondo salva stati. Cos’è e come funziona

Il Mes. Fondo salva stati. Cos’è e come funziona

Già alle prese con le turbolenze finanziarie che erano arrivate sull’Europa dal crollo dei mutui subprime negli Stati Uniti del 2008-2009, una nuova crisi di origine locale è scoppiata in Europa nel 2010.

L’ European Stability Mechanism (ESM o Mes) è un’organizzazione intergovernativa situata nella città di Lussemburgo, che opera in base al diritto internazionale pubblico per tutti gli Stati membri dell’Eurozona che hanno ratificato uno speciale trattato intergovernativo Mes. È stato istituito il 27 settembre 2012 come scudo permanente per la zona euro, per salvaguardare e fornire accesso immediato ai programmi di assistenza finanziaria per gli Stati membri della zona euro in difficoltà finanziaria, con una capacità di prestito massima di 700 miliardi di euro.

Sostituto di due programmi

Sostituisce due precedenti programmi di finanziamento temporanei dell’UE: lo strumento europeo di stabilità finanziaria (FESF) e il meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria (MESF). Tutti i nuovi salvataggi per qualsiasi stato membro dell’Eurozona saranno ora coperti dall’ESM, mentre l’EFSF e l’EFSM continueranno a gestire i trasferimenti di denaro e il monitoraggio del programma per i prestiti di salvataggio precedentemente approvati in Irlanda, Portogallo e Grecia.

Il trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità stabiliva che l’organizzazione sarebbe stata istituita se gli Stati membri che rappresentavano il 90% dei suoi requisiti patrimoniali avessero ratificato il trattato istitutivo. Questa soglia è stata superata con il completamento da parte della Germania del processo di ratifica il 27 settembre 2012, che ha portato in vigore il trattato in quella data per sedici dei diciassette membri della zona euro. Il restante stato, l’Estonia, che aveva impegnato solo lo 0,19% del capitale, ha completato la ratifica il 4 ottobre 2012.

Un trattato separato, che modifica l’articolo 136 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) per autorizzare l’istituzione del MES ai sensi del diritto dell’UE, era prevista l’entrata in vigore il 1° gennaio 2013. Tuttavia, l’ultimo dei 27 Stati membri dell’Unione europea a completare la loro ratifica di questo emendamento, la Repubblica ceca, non lo ha fatto fino al 23 aprile 2013, rinviando la sua entrata in vigore fino al 1o maggio 2013.

L’inizio delle operazioni

Il Mes ha iniziato le sue operazioni dopo una riunione inaugurale dell’8 ottobre 2012. Il primo 40% del capitale versato è stato trasferito da tutti gli Stati membri del Mes prima della scadenza regolamentata dal trattato del 12 ottobre 2012. Gli Stati membri possono richiedere un piano di salvataggio se si trovano in difficoltà finanziarie o il loro settore finanziario è una minaccia di stabilità che necessita di ricapitalizzazione. I salvataggi del Mes sono subordinati alla prima firma da parte degli Stati membri di un protocollo d’intesa (MoU), che delinea un programma per l’attuazione delle riforme o del risanamento di bilancio necessari al fine di ripristinare la stabilità finanziaria. Un’altra condizione preliminare per ricevere un salvataggio del MES è che lo Stato membro deve aver ratificato il Patto fiscale europeo. Nel presentare domanda di sostegno al MES, il paese in questione viene analizzato e valutato su tutte le questioni relative alla stabilità finanziaria dalla cosiddetta Troika (Commissione europea , BCE e FMI) al fine di decidere quali dei suoi cinque diversi tipi di programmi di sostegno dovrebbero essere offerti.

A partire da aprile 2013, il MES ha approvato due programmi dell’accordo di assistenza finanziaria (FAFA), con un massimo di 100 miliardi di euro stanziati per la ricapitalizzazione delle banche spagnole, e 9 miliardi di euro in esborsi per Cipro per un programma di salvataggio statale sovrano. La ricapitalizzazione bancaria di Cipro è stata finanziata convertendo i depositi bancari in azioni.

Storia del Mes

A seguito della crisi del debito sovrano europeo che ha portato al prestito di denaro agli Stati dell’UE, c’è stato un impulso a riformare il funzionamento della zona euro in caso di crisi. Ciò ha portato alla creazione, tra le altre cose, di un meccanismo di prestito (chiamato “salvataggio” dai media): il meccanismo europeo di stabilità finanziaria (FESF) e il meccanismo europeo di stabilità finanziaria (MESF). Questi, insieme al Fondo monetario internazionale, presterebbero denaro agli Stati dell’UE in difficoltà, allo stesso modo in cui la Banca centrale europea può prestare denaro alle banche europee. Tuttavia, l’EFSF e l’EFSM erano intesi solo come misura temporanea, in parte a causa della mancanza di una base giuridica nei trattati dell’UE.

La soluzione tedesca

Per risolvere il problema, il governo tedesco ha ritenuto necessario un emendamento del trattato. Dopo la difficile ratifica del trattato di Lisbona, molti stati si sono opposti alla riapertura della modifica del trattato e il governo britannico si oppose ai cambiamenti che interessavano il Regno Unito. Tuttavia, dopo aver ottenuto il sostegno del presidente francese Nicolas Sarkozy la Germania ottenne il sostegno del Consiglio europeo nell’ottobre 2010 per un nuovo trattato.

Il trattato sarebbe stato progettato in modo tale da evitare la necessità di referendum, fornendo la base per un rapido processo di ratifica, con l’obiettivo di farlo approvare completamente ed entrare in vigore nel luglio 2012. In quel caso, doveva coesistere con il meccanismo di prestito temporaneo (EFSF) per un anno, poiché l’EFSF doveva scadere solo come struttura di salvataggio al 1° luglio 2013.

Organizzazione del Mes

Il Mes è un’organizzazione intergovernativa istituita dal diritto internazionale pubblico e situata nella città di Lussemburgo. Ha circa 145 dipendenti, che sono anche responsabili dell’EFSF.

L’organizzazione è guidata da un amministratore delegato nominato per un mandato di 5 anni. Il primo amministratore delegato Klaus Regling è stato nominato nel 2012.

Ogni stato membro nomina un governatore (e supplente) per il consiglio di amministrazione, che può essere presieduto dal presidente dell’Eurogruppo o da un presidente eletto separato tra i governatori stessi. Nel 2012, Jean-Claude Juncker (Lussemburgo) è stato nominato per questa posizione. Il consiglio è composto dai ministri delle finanze degli Stati membri. Il Consiglio di amministrazione è composto da 19 membri “di elevata competenza in materia economica e finanziaria”. Ogni stato membro nomina un direttore e un supplente.

Strumenti di sostegno finanziario

Gli Stati membri del Mes possono richiedere un salvataggio del Mes se si trovano in difficoltà finanziarie o il loro settore finanziario è una minaccia di stabilità che necessita di ricapitalizzazione. I salvataggi sono subordinati alla prima firma da parte degli Stati membri di un protocollo d’intesa (MoU), che delinea un programma per l’attuazione delle riforme o del risanamento di bilancio necessari al fine di ripristinare la stabilità finanziaria. Un’altra condizione preliminare per ricevere un salvataggio del MES, a partire dal 1° marzo 2013, è che lo stato membro deve aver ratificato integralmente il patto fiscale europeo. Nel presentare domanda di sostegno al MES, il paese in questione sarà analizzato e valutato su tutte le questioni relative alla stabilità finanziaria dalla cosiddetta Troika (Commissione europea , BCE eFMI ) al fine di decidere se uno / più di questi 5 diversi tipi di programmi di sostegno debbano essere offerti:

Prestito di sostegno alla stabilità nell’ambito di un programma di aggiustamento macroeconomico (prestito di salvataggio sovrano):

Da concedere se non è più sostenibile per lo Stato attingere ai mercati dei capitali, quando si cerca di coprire le esigenze finanziarie dello Stato. L’accordo deve concentrarsi sui requisiti per il risanamento di bilancio e le riforme strutturali per migliorare la stabilità finanziaria sovrana.

Programma di ricapitalizzazione bancaria

Può essere concesso se le radici di una situazione di crisi si trovano principalmente nel settore finanziario e non sono direttamente correlate alle politiche fiscali o strutturali a livello statale, con il governo che cerca di finanziare una ricapitalizzazione a costi di prestito sostenibili. Il Mes offrirà solo un pacchetto di sostegno alla ricapitalizzazione bancaria, se si può stabilire che né il mercato privato né lo Stato membro saranno in grado di condurre da soli la necessaria ricapitalizzazione, senza causare un aumento dello stress / instabilità finanziaria. Le dimensioni della ricapitalizzazione necessaria sono determinate da un stress test, calcolando l’importo necessario per una completa riparazione del settore finanziario per eliminare tutte le vulnerabilità. Il supporto di questo pacchetto Mes è destinato alla ricapitalizzazione delle banche e non può essere utilizzato per altri scopi. Anche l’accordo condizionale del protocollo d’intesa coprirà solo i requisiti per le riforme / i cambiamenti nel settore finanziario, nell’ambito della vigilanza finanziaria, del governo societario e delle leggi nazionali in materia di ristrutturazione / risoluzione.

Assistenza finanziaria precauzionale (PCCL / ECCL)

Fornire sostegno sotto forma di istituzione di linee di credito disponibili su cui lo Stato membro Mes può avvalersi se necessario. Tale sostegno sarà offerto ai membri Mes le cui condizioni economiche sono sufficientemente solide da mantenere un accesso continuo al finanziamento del mercato, ma si trova in una situazione fragile che richiede la creazione di un’adeguata rete di sicurezza (garanzia finanziaria), per contribuire a garantire un accesso continuo al finanziamento del mercato. e a riforme strutturali per migliorare la stabilità finanziaria sovrana.

Strumento di supporto al mercato primario (PMSF):

Le operazioni di acquisto di obbligazioni nel mercato primario potrebbero essere effettuate dall’ESM, a complemento dell’offerta di prestiti regolari nell’ambito di un programma di aggiustamento macroeconomico o di prelievo di fondi nell’ambito di un programma precauzionale. Questo strumento verrebbe utilizzato principalmente verso la fine di un programma di aggiustamento per facilitare il ritorno di un paese ad attingere al mercato e ridurre il rischio di un’asta di obbligazioni fallita. L’obiettivo è che il mercato privato sottoscriva il 50% dell’asta di obbligazioni mentre il Mes copre il restante 50%. Non vi sarà alcun accordo MoU aggiuntivo per questo pacchetto di supporto, poiché le condizioni saranno identiche alla pre -esistente prestito di salvataggio sovrano.

Strumento di sostegno al mercato secondario (SMSF):

Questo strumento mira a sostenere il buon funzionamento dei mercati del debito pubblico dei membri del MES in circostanze eccezionali in cui la mancanza di liquidità del mercato minaccia la stabilità finanziaria, con il rischio di spingere i tassi di interesse sovrani verso livelli insostenibili e creando problemi di rifinanziamento per il sistema bancario del membro Mes interessato. Un intervento sul mercato secondario del MES ha lo scopo di consentire la creazione di mercati che garantiscano una certa liquidità del mercato del debito e incentivi agli investitori a partecipare ulteriormente al finanziamento dei membri del MES. Sia come supporto autonomo, sia in combinazione con il supporto di uno qualsiasi degli altri 4 strumenti.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.