Trizio Consulting

Moderna: primi dati mostrano che il suo vaccino coronavirus è efficace al 94,5%

Moderna: primi dati mostrano che il suo vaccino coronavirus è efficace al 94,5%
Trizio Consulting

Un potenziale vaccino contro il coronavirus è stato ritenuto efficace al 94,5% nell’impedire alle persone di contrarre il virus.

La società statunitense di biotecnologie Moderna ha presentato la dichiarazione – sulla base di dati preliminari.

Arriva solo una settimana dopo un annuncio simile da parte del concorrente Pfizer, che ha stabilito che il suo vaccino è efficace al 90%.

Questo è un momento cruciale nello sviluppo del nostro vaccino COVID-19. Dall’inizio di gennaio, abbiamo inseguito questo virus con l’intento di proteggere quante più persone possibile in tutto il mondo. Abbiamo sempre saputo che ogni giorno conta “, Ha affermato Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna.

Questa positiva analisi ad interim del nostro studio di Fase 3 ci ha dato la prima convalida clinica che il nostro vaccino può prevenire la malattia COVID-19, inclusa la malattia grave“, ha aggiunto Bancel.

Le notizie di speranza da entrambe le società arrivano poiché molti paesi europei sono nel mezzo di un secondo blocco per prevenire la diffusione di COVID-19, con gli ospedali quasi al completo.

Nel frattempo, anche gli Stati Uniti hanno registrato un numero record di infezioni giornaliere, con il paese che ora raggiunge più di 11 milioni di casi.

Gli studi di fase tre di Moderna – per determinare la sicurezza e l’efficacia del vaccino – avevano arruolato più di 30.000 partecipanti negli Stati Uniti. Pfizer aveva iscritto più di 43.500 partecipanti.

I rappresentanti di entrambe le società hanno salutato i risultati come un’importante “pietra miliare” nello sviluppo del loro vaccino.

L’efficacia del vaccino Moderna è determinata dalla comparsa di 95 casi COVID-19 tra i partecipanti, di cui 90 casi “sono stati osservati nel gruppo placebo contro 5 casi osservati” in coloro a cui è stato somministrato il vaccino candidato.

Ci sono stati 11 casi gravi tra i partecipanti a cui è stato somministrato un placebo e nessuno tra quelli che avevano ricevuto due dosi di vaccino.

Questa efficacia potrebbe cambiare, tuttavia, man mano che gli studi continuano e più casi COVID-19 vengono registrati tra i partecipanti.

Gli effetti collaterali del vaccino erano generalmente “lievi o moderati” e includevano dolore nel punto di iniezione, affaticamento, dolore muscolare e mal di testa.

Il vaccino si basa su una nuova tecnologia che contiene mRNA o istruzioni genetiche che aiutano il corpo a riconoscere la proteina spike del coronavirus, che utilizza per entrare nelle cellule del corpo.

Quando potrebbe diventare disponibile il vaccino?

Sulla base dei primi dati, la società richiederà un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) con la Food and Drug Administration (FDA) statunitense e presenterà le domande alle agenzie di regolamentazione globali.

Il processo di autorizzazione del processo negli Stati Uniti potrebbe richiedere due mesi. Moderna ha affermato di essere sulla buona strada per sviluppare da 500 milioni a 1 miliardo di dosi a livello globale nel 2021.

L’Agenzia europea per i medicinali ha annunciato lunedì di aver avviato una “revisione continua” del vaccino Moderna che continuerà “fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per sostenere una domanda formale di autorizzazione all’immissione in commercio”.

Pfizer prevedeva la scorsa settimana una produzione di 50 milioni di dosi nel 2020 e fino a 1,3 miliardi nel 2021. L’UE ha annunciato un accordo per 300 milioni di dosi del vaccino sperimentale dopo che sono state diffuse notizie sulla sua efficacia.

Se tutto va bene e, naturalmente, questo è in attesa di autorizzazione da parte dell’Agenzia europea per i medicinali una volta che si presentano per essere autorizzati, ci aspetteremmo di poter avere vaccini disponibili, possibilmente alla fine del 2020, all’inizio del 2021“, ha detto il commissario europeo per la Salute Stella. Kyriakides solo la scorsa settimana.

Kyriakides ha twittato lunedì che le notizie da Moderna sono state ancora una volta “incoraggianti” e che l’UE stava “facendo tutto il possibile per garantire vaccini sicuri ed efficaci”.

.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione