Lisippo, Cassazione boccia ricorso Getty Museum

Lisippo, Cassazione boccia ricorso Getty Museum

Respinto dalla Cassazione il ricorso avanzato dai legali del Getty Museum per la restituzione della statua dell’Atleta vittorioso,del IV secolo a.C.,attribuita allo scultore greco Lisippo. L’opera è da anni al centro di una contesa tra l’Italia e il museo americano. Il ricorso era stato presentato contro la decisione del gip di Pesaro di confiscare il bronzo. “Il Lisippo deve tornare in Italia, è l’ultima parola della giustizia italiana” dice il pm di Pesaro, che ha seguito la lunga battaglia giudiziaria.
Respinti quindi i ricorsi dei legali del Museo di Malibù, gli avvocati Alfredo Gaito di Roma ed Emanuele Rimini di Milano, che hanno lottato con ogni arma del diritto per far rimanere il bronzo sul piedistallo del Getty Museum dove è ben avvitato da fine anni Settanta. Fano-Davide vince contro il Golia della California. Una vittoria storica che arriva a mettere un punto su una contesa decennale.

Atleta di Fano o Vittorioso, scolpito da Lisippo

La decisione dei giudici della Cassazione rende definitiva la confisca immediatamente esecutiva della statua “ovunque si trovi” disposta dal gip pesarese Giacomo Gasparini lo scorso giugno. “Abbiamo buone speranze – aggiunge il pm Cecchi – stiamo preparando la rogatoria internazionale”. Per il Museo Getty di Malibu, dove l’Atleta vittorioso è esposto, potrebbe aprirsi la strada di un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.


Articoli correlati

Pasqua. Allarme alto per terrorismo a Roma

Ora in Italia non è più un ricercato e a Tunisi i parenti si indignano: «Ma quale terrorista! È sempre

Camera dei deputati nessun voto. A vuoto anche il voto al Senato

Fumata nera nell’Aula della Camera dei deputati alla prima votazione per eleggere il presidente. Nessuno ha raggiunto la maggioranza dei due terzi

Perché è giusto togliere i finanziamenti ai giornali. Di Maio, la Rai e l’informazione

Il 14 dicembre si è tenuta l’audizione del Ministro del Mise Luigi Di Maio presso la commissione di vigilanza Rai.