Libano. Le proteste mettono in pericolo il potere

Libano. Le proteste mettono in pericolo il potere

Con l’aumentare delle dimensioni e della portata delle proteste antigovernative in Libano, cresce anche la sensazione che un vaso di Pandora possa aprirsi verso l’élite al potere del paese. Avviata dalla situazione finanziaria sempre più disastrosa del paese, la rabbia diffusa ha messo radici in tutto il Libano e ha apparentemente raggiunto il punto in cui qualsiasi decisione del governo viene percepita come una promessa senza basi reali e rischia solo di aggiungere benzina sul fuoco. Ciò, a sua volta, ha lasciato i leader di Beirut con pochi mezzi per riguadagnare la fiducia dei cittadini, escludendo riforme politiche radicali che ora stanno richiedendo per le strade.

I manifestanti affrontano una dura battaglia per raggiungere i loro ambiziosi obiettivi di cambiamento strutturale, poiché i precedenti tentativi di attuare anche piccole riforme politiche in Libano si sono rivelate ampiamente senza successo. Ma data l’intensità e lo slancio delle manifestazioni, c’è la possibilità che i disordini possano trasformarsi in un movimento politico a tutti gli effetti e che sposti tangibilmente il livello politico del Libano. In effetti, le elezioni anticipate sono già in discussione; e se venissero mantenute nell’attuale clima politico, potrebbero benissimo minacciare tutte le posizioni di coloro che le hanno accuratamente conquistate nel complicato sistema politico libanese, compresi i sostenitori esterni come l’Iran e l’Arabia Saudita.

Battaglie politiche guidate dall’estero

Il Libano è stato a lungo considerato un prezioso teatro politico per gli stati più potenti e ricchi della regione, tra cui Iran, Arabia Saudita, Turchia e (in misura minore) Israele. Ognuno di questi paesi ha una storia di sfruttamento delle divisioni settarie del Libano per il proprio guadagno. L’Iran, tuttavia, attualmente mantiene il maggior potere decisionale nel paese attraverso il suo potente delegato politico, Hezbollah.

Hezbollah è salito al potere in Libano all’inizio degli anni ’80 come patrono degli sciiti, che era stato continuamente escluso dagli accordi di condivisione del potere tra sunniti e cristiani. I violenti scontri scoppiati nel quadro della crisi politica del Libano del 2008 hanno poi lasciato Hezbollah come la fazione armata dominante in Libano, uno status che mantiene ancora oggi.

Il ruolo dell’Arabia saudita

L’Arabia Saudita, da parte sua, ha sostenuto il Primo Ministro Saad al-Hariri (che ha investimenti e proprietà nel regno) e i suoi alleati sunniti in Libano come mezzo per incanalare la sua influenza nel paese e contrastare il potere sciita appoggiato dall’Iran sotto Hezbollah. Ma il coinvolgimento dell’Arabia Saudita in Libano e il sostegno al governo di al-Hariri sono diminuiti. Negli anni più recenti, l’influenza politica dell’Arabia Saudita in Libano si è indebolita. Ciò è dovuto in parte alla percezione di Beirut rispetto Riyad. E di conseguenza, la sua posizione politica in Libano è diminuita in contrasto con Hezbollah, che ha rafforzato la sua posizione.

Il vaso di Pandora?

Ma la decisione dell’Arabia Saudita di stare fuori dalla politica libanese potrebbe ora essere a suo vantaggio vista l’ondata di proteste di massa che hanno preso piede in Libano nelle ultime settimane. Le misure di austerità proposte e le tasse intese ad aiutare Beirut a mitigare la sua recessione finanziaria hanno fornito la scintilla iniziale il 18 ottobre. Ma nei giorni successivi i raduni si sono evoluti in una spinta anticorruzione molto più grande contro l’élite al potere del Libano. Nel tentativo disperato (e senza successo) di reprimere i disordini, Beirut propose nuove riforme economiche e benefici. I manifestanti, tuttavia, hanno visto la mossa come insufficiente e hanno continuato a protestare in strada per esprimere il loro crescente dissenso e avanzare le loro richieste.

I sunniti (sotto il movimento futuro di al-Hariri) e gli sciiti (sotto Hezbollah), così come i cristiani (sotto il movimento patriottico libero), sono diventati tutti simboli corrotti dell’ira dei manifestanti. E mentre il sentimento del pubblico continua a precipitare accanto alle tristi cifre finanziarie del paese, la posizione politica di Hezbollah – e quindi quella dell’Iran – potrebbe soffrire insieme al resto dei leader del Libano. Nel frattempo, le sanzioni statunitensi hanno ostacolato la capacità dell’Iran di sostenere finanziariamente la sua base sciita in Libano. Questa mancanza di finanziamenti, combinata con il clima politico ormai marcio, porta come conseguenza che la principale delegazione dell’Iran nel paese sarà costretta ad adattare la sua posizione politica se i disordini continueranno e produrranno cambiamenti politici.

Una finestra di opportunità?

L’Arabia Saudita, a sua volta, trarrà beneficio da un potenziale declino del peso popolare di Hezbollah. Ma Riyad non è l’unica potenza regionale che si consolerebbe nell’offuscare l’influenza politica dell’Iran in Libano. Israele, per esempio, ha combattuto numerose guerre con Hezbollah. E nel corso degli anni, il crescente coinvolgimento dell’Iran in Libano ha motivato Israele ad approfondire la sua campagna contro gli alleati e le risorse regionali iraniane. Se gli attuali disordini generassero un altro drammatico cambiamento nell’equilibrio politico del Libano, c’è una possibilità che Israele possa riconsiderare nuovamente il suo approccio al paese, proprio come ha fatto a seguito dei precedenti sconvolgimenti politici di Beirut nel 1982 e nel 2006.

Area di controllo di Hezbollah

In contrapposizione all’influenza sciita appoggiata dall’Iran, la Turchia ha anche cercato di influenzare la politica sunnita in Libano, ma non è riuscita a ottenere il sostegno politico, economico e di sicurezza necessario per farlo. Una presenza iraniana più debole nel paese, tuttavia, potrebbe garantire alla Turchia un’apertura per rafforzare la propria presenza.

In effetti, la prospettiva di beneficiare dell’indebolimento dell’influenza politica dell’Iran potrebbe essere una grande ragione per cui i nemici dell’Iran nel Golfo Arabo – vale a dire, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti – non sembrano desiderosi di aiutare a salvare finanziariamente il paese a corto di liquidità. Riyad, in particolare, ha una comprovata esperienza nel trattenere il supporto quando pensa che Hezbollah ne trarrà beneficio. Nel 2016, ad esempio, Riyad ha reindirizzato bruscamente 5 miliardi di dollari in aiuti di sicurezza destinati al Libano al Sudan, citando preoccupazioni sulla crescente influenza di Hezbollah (e dell’Iran) in Libano. Per al-Hariri e il presidente Michel Aoun, questa mancanza di finanziamenti dagli stati del Golfo è un’arma a doppio taglio. Da un lato, un salvataggio in contanti potrebbe fare miracoli per il governo fortemente indebitato del Libano. Ma dall’altro, non avere un evidente sostegno saudita o degli Emirati aiuta ad allontanare Beirut dalle narrazioni di interferenze geopolitiche e corruzione che i manifestanti stanno attualmente manifestando per le strade.

Il problema interno

Tuttavia, gli attuali disordini in Libano, sebbene caotici, rimangono un problema interno. Questo più ampio impatto geopolitico dei disordini libanesi emergerà solo se e quando l’attuale instabilità produrrà un vero rimpasto politico – che si tratti di una dimissione dell’attuale governo, di un riaggiustamento nell’equilibrio del potere confessionale, o (nella parte più estrema) fondamentale ristrutturazione del funzionamento del governo libanese.

Dato il sentimento anti-elitario che si sta diffondendo in Libano, c’è una possibilità che gli attuali disordini possano persino portare alla nascita di un movimento non settario che respinge del tutto l’influenza esterna nella politica libanese. Un simile risultato, ovviamente, sarebbe uno scenario senza vincite per tutti i pretendenti regionali del Libano, tra cui l’Iran e l’Arabia Saudita. In effetti, con tanta incertezza, ci sono innumerevoli scenari che potrebbero ancora svolgersi nelle prossime settimane. Ma poiché l’Iran ha costruito la capitale più politica del paese nel corso degli anni, dovrebbe perdere di più nel caso in cui le proteste persistessero e alla fine si trasformasse in una riforma politica. Nel frattempo, i rivali regionali iraniani probabilmente continueranno a rimanere in silenzio sperando che qualunque forma prenderà il sistema politico libanese dopo avrà un posto più piccolo per Hezbollah.