Europa in fibrillazione per il calo della Germania

Europa in fibrillazione per il calo della Germania

Nell’ultimo anno, i leader aziendali e i responsabili politici dell’Europa si sono chiesti per quanto tempo possono sfidare la sorte. Le economie della regione hanno trascorso gli ultimi anni nell’onda di un boom sostenuto e alimentato da un mix di tassi di interesse bassi, aumento della spesa dei consumatori e una ripresa nella zona euro. Ma dall’autunno scorso la Germania – il più grande partner commerciale per gran parte dell’Europa centrale – è scivolata verso la recessione e molti temono un effetto a catena.

È un detto popolare che se la Germania starnutisce, i [paesi] più piccoli nelle vicinanze prendono un raffreddore, ed è vero“, ha detto il ministro delle finanze ungherese Mihaly Varga in una recente conferenza per promuovere gli investimenti nel suo paese. “Stiamo aspettando questo periodo difficile.

L’inglobamento delle economie dell’Europa centrale con quella tedesca è stato uno dei fattori chiave della rapida crescita della regione negli ultimi tre decenni. Attirati da una forza lavoro qualificata ma relativamente economica, le case automobilistiche, i rivenditori, le banche e i produttori tedeschi si sono riversati, installando migliaia di impianti e uffici e aiutando a riempire gli ordini delle imprese locali.

Il risultato è che i Visegrad Four – Polonia, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca – inviano tutti tra il 20 e il 30% delle loro esportazioni in Germania. Ma mentre tutti hanno registrato una forte crescita nel 2018, i leader aziendali affermano che il rallentamento della più grande economia dell’UE sta iniziando ad aumentare con un evidente calo della sua catena di approvvigionamento. Gli analisti sostengono che occorreranno diversi mesi perché si verifichi un rallentamento reale dell’economia tedesca e i leader del settore ne avvertiranno l’impatto.

Tre mesi fa non abbiamo notato nessun rallentamento“, ha dichiarato Michal Krupinski, amministratore delegato di Bank Pekao, la terza banca della Polonia. “Ma ora lo vedi nei dati, e quando parliamo con i clienti, lo stanno già sentendo: ordini più lenti, scorte di merci invendute stanno salendo.”

“Possiamo vedere il rallentamento ma non lo sentiamo”, ha affermato Richard Jankovits, amministratore delegato di Jankovits Engineering, un’azienda produttrice di cilindri idraulici che fornisce gruppi automobilistici come Continental e Audi e impiega 13.000 persone nel suo stabilimento di Gyor, la più grande fabbrica di motori in Europa. L’industria automobilistica è stata a lungo un fondamento economico per le relazioni tra Germania e Europa centrale. Negli ultimi 30 anni gruppi come Volkswagen, Audi, Daimler e BMW hanno aperto una rete di impianti in tutta la regione, trasformandola in uno degli hub globali più importanti del settore. Tuttavia, con le case automobilistiche particolarmente a rischio a causa delle proteste politiche che hanno turbato il commercio globale e l’incertezza che circonda la Brexit, gli economisti affermano che il settore sarà probabilmente uno dei principali canali attraverso i quali il rallentamento tedesco si diffonde verso est e sud.

Se guardiamo alle cifre industriali quest’anno, il rallentamento tedesco è il fattore più importante nel calo di produzione in Slovacchia“, ha dichiarato Katarina Muchova, economista della Slovenska Sporitelna a Bratislava. “Il settore automobilistico è quello chiave, ma anche quelli che lo forniscono, come la lavorazione dei metalli sono stati colpiti”. Il rallentamento dell’economia tedesca arriva mentre l’Europa centrale si trova ad affrontare un mix di altri venti contrari. La carenza di manodopera sta iniziando a mordere in tutta la regione e le economie di Visegrad avranno probabilmente un aiuto minore per i fondi dell’UE nel prossimo bilancio pluriennale del blocco, attualmente in fase di negoziazione. Negli anni precedenti l’Europa ha vissuto una “situazione gloriosa” grazie ai fondi dell’UE, della crescita globale e degli aumenti salariali che hanno permesso di aumentare i consumi, ha affermato Andras Vertes, presidente di GKI Economic Research, una società di consulenza economica indipendente a Budapest. “Ora, tutto sta cambiando“, ha detto.

Il rallentamento coincide con un più ampio dibattito in Europa centrale su come le economie della regione possano andare oltre il modello di fornitura di manodopera a basso costo agli investitori stranieri che ha alimentato gli ultimi 30 anni di crescita. “Dobbiamo concentrarci per evitare la trappola del reddito medio“, ha dichiarato Varga.

Il tempo della forza lavoro a basso costo è finito e dobbiamo trovare un programma che possa aiutare e supportare i settori a valore aggiunto nel paese“. Nel tentativo di sostenere questo spostamento, il ministro degli esteri ungherese Peter Szijjarto ha recentemente annunciato che avrebbe iniziato a offrire sussidi in contanti per investimenti nel settore privato anche se non hanno creato nuovi posti di lavoro, purché si concentrino sull’innovazione. Gli economisti affermano che la regione potrebbe anche aumentare la sua capacità di resistenza agli shock esterni trovando nuovi partner commerciali e fonti di investimento a complemento di quelli tedeschi. In una certa misura questo sta già accadendo. Nella prima metà del 2019, per la prima volta, la Corea del Sud ha sostituito la Germania come principale investitore straniero del paese. Tuttavia, i leader aziendali affermano che le attività di produzione della regione possono ancora fare molto di più. “Andare oltre la zona euro è la risposta naturale al rallentamento tedesco”, ha affermato Krupinski. “Al momento, le nostre esportazioni sono troppo inclinate verso l’UE”.