La nave Alex di Mediterranea in arrivo a Lampedusa

La nave Alex di Mediterranea in arrivo a Lampedusa

“Siamo partiti. Mediterranea Saving Humans è tornata in mare”, ha annunciato l’ONG sui social media, spiegando che le operazioni di salvataggio dei migranti non saranno effettuate con la nave” Mare Jonio”, che rimane assurdamente dietro il cancello di un porto dopo aver salvato 30 vite “, ma con una nave, l ‘” Alex “, che finora è stato usato solo come supporto. ” Ancora una volta siamo in mare per salvare ”, ha detto la ONG, aggiungendo che ” Open Arms e Aylan Kurdi di Sea-Eye saranno con noi ”. 

La missione della Mediterranea, ha detto la ONG, è di “monitorare e denunciare le violazioni dei diritti umani in un mare che i governi europei hanno trasformato in un cimitero e in un deserto e fornire il primo soccorso, se incontreremo qualcuno che ha bisogno di aiuto. Raggiungeremo la cosiddetta SAR libica (zona di ricerca e soccorso), un’area controllata dalle milizie insieme ai trafficanti di esseri umani legittimati dalle politiche italiane e dell’Unione europea. 

La nostra presenza è l’unico vero deterrente della loro azione “.
” Ancora una volta – ha proseguito la Mediterranea – siamo andati dove preferiremmo non essere, perché nessuno dovrebbe essere ridotto come naufrago per fuggire bombe e torture, e nessuno dovrebbe essere costretto ad andare in mare per difendere i diritti e la dignità della gente contro violenza e scelte politiche arbitrarie, crudeli e illegittime “. 
La dichiarazione continua dicendo che “siamo andati dove dobbiamo essere: in quel Mediterraneo dove oggi è in gioco il futuro di tutti, perché la nostra umanità sta affogando in quel mare, la parte migliore della nostra civiltà giuridica, la speranza di vivere in un mondo libero e più giusto “.