Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel

Le autorità cinesi hanno bloccato un video del discorso di apertura del presidente del Consiglio europeo che avrebbe parlato della “guerra illegale” della Russia in Ucraina e chiesto una riduzione della dipendenza commerciale dell’UE dalla Cina.

Il video preregistrato di Charles Michel doveva essere uno dei tanti di leader mondiali e capi di organizzazioni internazionali, incluso il presidente cinese Xi Jinping, all’apertura della China International Import Expo (CIIE).

Il presidente Michel è stato invitato a parlare al 5° Hongqiao Forum/CIIE a Shanghai“, ha detto Barend Leyts, un portavoce di Michel. “Come richiesto dalle autorità cinesi, avevamo infatti fornito un messaggio preregistrato che alla fine non è stato mostrato. Abbiamo affrontato questo problema attraverso i normali canali diplomatici“.

Nessuno dei co-organizzatori della fiera, il ministero del Commercio cinese e il governo della città di Shanghai, hanno risposto alle richieste di commento da parte dei giornali.

Non sono a conoscenza della situazione“, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian durante una conferenza stampa a Pechino. “Non posso commentare su questo.

Il bielorusso Alexander Lukashenko è un fedele alleato del presidente russo Vladimir Putin e il suo paese ha ospitato migliaia di truppe russe prima e durante quella che Mosca chiama la sua “operazione speciale” in Ucraina.

Il discorso del presidente del Consiglio europeo doveva essere fortemente critico nei confronti della “guerra illegale della Russia contro l’Ucraina” e affermare che l’Europa ne sta imparando “lezioni importanti”.

L’Europa è stata eccessivamente dipendente dalla Russia per i combustibili fossili, portando a uno squilibrio commerciale, avrebbe detto Michel.

In Europa, vogliamo equilibrio nelle nostre relazioni commerciali, per evitare dipendenze eccessive” – “Questo vale anche per le nostre relazioni commerciali con la Cina“.

Michel avrebbe anche chiesto alla Cina di fare di più per porre fine allo spargimento di sangue in Ucraina.

La Cina si è costantemente rifiutata di criticare l’aggressione russa, che ha devastato città in tutta l’Ucraina e ucciso migliaia di soldati e civili da quando è iniziata il 24 febbraio.

“La Cina ha un ruolo nell’usare la sua influenza per fermare la guerra brutale della Russia attraverso la cosiddetta partnership “no-limits” con la Russia”, avrebbe detto Michel nel video, riferendosi a un patto annunciato da Xi e Putin a Pechino prima del iniziò la guerra. “Tu, Cina, puoi contribuire a porre fine a questo.”

Il presidente del Consiglio europeo è uno dei massimi funzionari dell’Unione europea il cui ruolo include la rappresentanza del blocco ai vertici internazionali e ai vertici bilaterali con altri capi di stato.

Dal 2019 l’UE considera ufficialmente la Cina un partner, un concorrente economico e un rivale sistemico.

Il servizio di politica estera dell’UE ha affermato in un documento il mese scorso che Pechino dovrebbe ora essere considerata principalmente come un concorrente che sta promuovendo “una visione alternativa dell’ordine mondiale”.

Lascia un commento