Khamenei vuole una punizione esemplare per gli Usa

Khamenei vuole una punizione esemplare per gli Usa

Invece delle solite tattiche iraniane di nascondersi dietro altri personaggi, il leader supremo del paese vuole che qualsiasi rappresaglia venga eseguita apertamente dalle forze iraniane per l’uccisione di Qasem Soleimani.

Nelle ore successive all’uccisione da parte degli americani del comandante militare iraniano, il supremo leader del paese, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha fatto una rara apparizione in una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale del governo per stabilire i parametri per eventuali ritorsioni. Deve essere un attacco diretto e proporzionato agli interessi americani, ha detto, apertamente condotto dalle stesse forze iraniane.

Sin dalla fondazione della Repubblica islamica nel 1979, Teheran ha quasi sempre occultato i suoi attacchi dietro le azioni di “delegati” che aveva nella regione. Ma nella furia generata dall’uccisione del comandante militare, il Mag. Gen. Qassim Suleimani, uno stretto alleato e amico personale del leader supremo, l’ayatollah è ora disposto a mettere da parte quelle tradizionali cautele.

La rabbia della nazione per la morte del comandante è in piena evidenza, mentre milioni di iraniani si riversano nelle strade di Teheran per una processione funebre e tutti i reporter hanno pubblicato le immagini di Khamenei che piangeva apertamente sulla bara del militare ucciso.

Fermate le proteste per corruzione

Dopo settimane di furiose proteste in tutto il paese contro la corruzione e il maltrattamento di oppositori politici, sia quelli che avevano criticato che quelli che avevano sostenuto il governo marciavano insieme, uniti per l’attacco al loro Paese. I treni della metropolitana e le stazioni erano piene di persone in lutto poche ore prima dell’alba e le famiglie portavano bambini che mostravano fotografie del generale Suleimani.

Un politico riformista, Sadegh Kharazi, ha affermato di non aver visto folle di queste dimensioni dal funerale del 1989 del fondatore della Repubblica islamica, l’Ayatollah Ruhollah Khomeini.

Siamo pronti a vendicarci ferocemente contro l’America”, ha dichiarato alla folla il generale Hamid Sarkheili della Guardia rivoluzionaria. “Le truppe americane nel Golfo Persico e in Iraq e Siria sono alla nostra portata.

Nessun negoziato o accordo, solo guerra con l’America“, hanno inneggiato i partecipanti al funerale in un video.

Un famoso membro della Guardia Rivoluzionaria, Sadegh Ahangaran, ha esortato le folle ad alzare la voce in modo che “l’America maledetta possa sentirti” e “sventolare le bandiere in preparazione alla guerra“.

Le minacce di Trump

Nel fine settimana il presidente Trump ha ripetutamente minacciato di vendicarsi di eventuali attacchi contro gli interessi americani ordinando attacchi aerei contro ben 52 potenziali obiettivi, uno per ogni ostaggio americano tenuto dopo il sequestro dell’ambasciata degli Stati Uniti a Teheran nel 1979.

In risposta, il presidente moderato iraniano, Hassan Rouhani, lunedì ha risposto con la sua numerologia. “Coloro che fanno riferimento al numero 52 dovrebbero anche ricordare il numero 290”, ha detto su Twitter, un riferimento alle 290 persone uccise nel 1988 nell’abbattimento accidentale di un aereo di linea iraniano da parte di una nave da guerra americana. “Non minacciare mai la nazione iraniana“, ha aggiunto Rouhani.

Dove, quando e anche se l’Iran può scegliere di vendicarsi rimane una questione di speculazione. Mentre i leader iraniani soppesavano esattamente la forma che poteva assumere, gli analisti hanno affermato che gli obiettivi includevano truppe americane nella vicina Siria e Iraq, basi americane nel Golfo Persico o ambasciate o diplomatici americani quasi ovunque.

Quando precedenti tentativi di attacchi diretti o omicidi si sono rivelati infruttuosi, alcuni hanno notato che i militanti sostenuti dall’Iran si sono rivolti alla tattica più semplice di uccidere civili con attacchi terroristici.

Questa è stata la sequenza nel 2012 con il gruppo libanese Hezbollah, appoggiato dall’Iran. Dopo aver fallito nei tentativi di attaccare obiettivi israeliani o uccidere funzionari israeliani in segno di vendetta per l’uccisione di uno dei leader del gruppo, i militanti alla fine hanno optato per il lavoro più facile di bombardare un carico di turisti israeliani in Bulgaria, ha affermato Afshon Ostovar, uno studioso dell’Iran presso la Naval Postgraduate School.

Siamo in un territorio inesplorato e la verità della questione è che nessuno sa come l’Iran risponderà. Non credo che nemmeno l’Iran lo sappia “, ha affermato Ostovar. “Ma penso che ci sia una brama di sangue in questo momento nelle Guardie Rivoluzionarie.”

In Iraq, dove il Parlamento aveva precedentemente chiesto l’immediata espulsione delle 5.000 truppe americane di stanza nel Paese, il primo ministro Adel Abdul Mahdi lunedì ha elencato le misure per limitare i movimenti delle truppe.

Mentre si stavano preparando i piani per la partenza degli americani, ha affermato, ora si sarebbero limitati a “addestrare e consigliare” le forze irachene, obbligate a rimanere all’interno delle basi e interdette dallo spazio aereo iracheno.