Israele. Muore un giornalista, altri 31 uccisi negli scontri

Israele. Muore un giornalista, altri 31 uccisi negli scontri

Un giornalista palestinese è deceduto con altre nove persone negli scontri tra i manifestanti palestinesi e le forze israeliane lungo il confine tra Israele e Gaza.

Le truppe israeliane hanno sparato colpi di arma da fuoco contro i palestinesi che tentavano di sfondare la barriera di confine, ha detto l’esercito israeliano, una settimana dopo che la violenza ha portato al giorno più sanguinoso a Gaza dal 2014.
In risposta a una domanda riguardante la morte del giornalista, le Forze di Difesa Israeliane hanno detto: “L’esercito israeliano non colpisce intenzionalmente ai giornalisti: le circostanze in cui i giornalisti sono stati colpiti dal fuoco dell’IDF saranno esaminate da una inchiesta

Alcune foto pubblicate mostravano il giornalista quando è stato ferito ed indossava un gilet con la scritta: “STAMPA”.
In tutto, 31 persone sono state uccise nelle violenze a Gaza da quando è iniziata la protesta alla barriera di confine il 30 marzo, secondo le cifre date dal ministero della Sanità palestinese.

Altri 1.356 sono rimasti feriti nelle violenze di questi giorni ha detto il ministero. Di questi, 399 sono stati feriti da colpi di armi da fuoco vivi e 16 da proiettili di gomma.
I feriti comprendono 24 donne e 81 bambini, secondo il ministero, così come un altro giornalista, che è stato moderatamente ferito ad est di Rafah nel sud di Gaza.
L’esercito israeliano ha detto di aver contrastato numerosi tentativi di “attacco terroristico” e tentativi da parte dei palestinesi di sfondare la barriera di confine sotto la copertura di fumo. I militari hanno detto che i palestinesi hanno lanciato ordigni esplosivi e bombe incendiarie contro le truppe israeliane.
I militari e i funzionari israeliani hanno ripetutamente affermato che non permetteranno alcuna violazione della barriera e che coloro che non si attengono alle regole  saranno colpiti.

Le tensioni si erano accumulate su entrambi i lati del confine tra Gaza e Israele, davanti a quello che alcuni palestinesi chiamavano alternativamente “Friday of Fire” o “Friday of Tires” – un riferimento alle gomme incendiate nel tentativo di oscurare la mira dei cecchini israeliani. Era il secondo di una serie di azioni “March of Return” programmate a metà maggio.
L’obiettivo delle proteste della “Marcia di ritorno”, dicono i palestinesi, è di attraversare la barriera di confine e tornare alle loro terre, che sono diventate parte di Israele sett’antanni fa.
Israele accusa Hamas e la Jihad islamica della violenza, e ha avvertito che se verrà provocato, entrerà in profondità a Gaza.
Il funzionario anziano di Hamas, Mahmoud al-Zahar, ha minacciato Israele dicendo che Hamas avrebbe colpito Israele se fosse entrato a Gaza.
Una portavoce dell’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Liz Throssell, ha affermato che l’ufficio del commissario è “gravemente preoccupato” che nei prossimi giorni potrebbe verificarsi una maggiore violenza e ha esortato Israele a rispettare i diritti dei dimostranti ai sensi del diritto internazionale.

Dato il gran numero di feriti e morti, le minacciose dichiarazioni rilasciate dalle autorità israeliane nei giorni precedenti alla protesta, nonché indicazioni che le persone uccise o ferite erano disarmate o non rappresentavano una seria minaccia per la sicurezza – e in alcuni casi stavano addirittura scappando dalla recinzione – ci sono forti indicazioni che le forze di sicurezza hanno usato una forza eccessiva “, ha detto Throssell.
Facciamo eco all’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite per un’indagine indipendente e trasparente su questi incidenti, al fine di responsabilizzare i responsabili. Invitiamo inoltre i leader di entrambe le parti a fare tutto il possibile per prevenire ulteriori infortuni e perdite della vita.”


Articoli correlati

Salvini, con noi mano libera alle forze dell’ordine

Si è concluso il raduno leghista di Pontida. Il segretario Matteo Salvini ha terminato da poco il suo intervento ringraziando

Renzi: “Berlusconi potrebbe rivivere per masochismo sinistra”

Il premier Matteo Renzi ha dichiarato nei giorni scorsi che solo la parte “masochista” della sinistra italiana può far rivivere

Burkina Fasu. Michel Santomenna è il bambino italiano ucciso

Burkina Faso e Mali hanno deciso di lavorare insieme per contrastare la crescente minaccia dei militanti islamici in Africa occidentale