India firma un accordo per l'acquisto di greggio dalla Russa Rosneft

India firma un accordo per l'acquisto di greggio dalla Russa Rosneft

L’Indian Oil Corp, di proprietà statale, ha siglato un accordo con il gruppo petrolifero russo Rosneft per acquistare fino a 2 milioni di tonnellate, o 40.000 barili al giorno (bpd) di greggio nel 2020.

L’India ha diversificato le sue fonti di importazione di petrolio greggio, al fine di coprire i rischi politici che minacciano di soffocare le forniture da una particolare regione o paese.

“Questo è solo l’inizio”, ha detto Dharmendra Pradhan dopo aver incontrato Igor Sechin, presidente di Rosneft, nella capitale indiana di Nuova Delhi.

Opzione per milioni di tonnellate

Il raffinatore indiano eserciterà la sua opzione per acquistare il greggio degli Urali nell’ambito di questo primo accordo annuale con Rosneft ogni volta che il prezzo sia abbastanza basso da compensare i costi di trasporto, ha detto una fonte del CIO.

Il contratto prevede che ci sia la possibilità di prendere fino a 40.000 bpd di petrolio quest’anno, ha detto la fonte, che ha rifiutato di essere nominato perché non è autorizzato a parlare con i media.

Le raffinerie dello stato indiano in genere acquistano petrolio russo attraverso il mercato spot piuttosto che sotto contratto. Le importazioni di greggio dalla Russia sono state generalmente basse poiché i costi di trasporto tendono a superare quelli per le forniture in Medio Oriente.

Il più grande importatore

L’India è il terzo più grande consumatore e importatore di petrolio al mondo. Importa l’80% dei suoi bisogni di greggio, facendo affidamento sul Medio Oriente per la maggior parte delle sue forniture.

L’anno scorso, tuttavia, la quota del Medio Oriente delle importazioni di greggio dell’India si è ridotta al 60%, in calo dal 65% nel 2018 e il più basso dal 2015, poiché la produzione record dagli Stati Uniti e da paesi come la Russia ha offerto alternative agli importatori.

Sechin ha dichiarato di essere pronto a lavorare con le compagnie petrolifere e del gas indiane per rafforzare ulteriormente la sicurezza energetica del Paese, ha dichiarato Pradhan su Twitter dopo il loro incontro.

Le due parti hanno anche discusso degli investimenti indiani nei progetti del cluster orientale della Russia, in particolare nell’Artico.

Raffineria in vendita

Pradhan ha anche riferito a Rosneft del piano del governo federale di vendere la sua partecipazione nella raffineria di stato Bharat Petroleum Corp.

Rosneft ha affermato che esaminerà l’offerta senza impegnarsi a fare un’offerta per BPCL.

Il primo ministro Narendra Modi ha incontrato i dirigenti di aziende tra cui Exxon Mobil Corp, BP Plc, Royal Dutch Shell, Rosneft Oil Co, Saudi Aramco e Abu Dhabi National Oil Co (Adnoc) a Houston.