Trizio Consulting

Il Fronte Polisario dichiara guerra al Marocco per il Sahara occidentale

Il Fronte Polisario dichiara guerra al Marocco per il Sahara occidentale
Trizio Consulting

Nota ad alcuni come l’ultima colonia dell’Africa, quasi l’80% del Sahara occidentale è stato annesso al Marocco nel 1975. Un’area più piccola è controllata dall’autoproclamata Repubblica Araba Saharawi Democratica, un movimento di liberazione del popolo sahariano. Nel fine settimana, il loro esercito ha rotto un cessate il fuoco di 29 anni e ha dichiarato guerra al Marocco.

Può sembrare un vasto deserto dell’Atlantico, ma la regione è ricca di fosfati, banchi di pesca e si ritiene che abbia depositi di petrolio in mare aperto. Dopo la partenza del potere coloniale spagnolo negli anni ’70, il Marocco ha annesso oltre tre quarti del Sahara occidentale. Supportato dall’Algeria, il Fronte Polisario è il movimento di liberazione nazionale del popolo saharawi che controlla il resto.

Nel 1991, l’ONU ha mediato un cessate il fuoco tra marocchini e saharawi e ha istituito una missione di mantenimento della pace che avrebbe aiutato a organizzare un referendum sul futuro del territorio. Ma non è mai successo.

Il giornalista investigativo spagnolo Jose Antonio Bautista ha parlato a Euronews della dichiarazione.

“L’annuncio del Fronte Polisario (Frente Popular de Liberación de Saguía el Hamra y Río de Oro) è arrivato dopo che l’esercito marocchino ha lanciato un’operazione per sbloccare il passo di Guerguerat, una zona cuscinetto pattugliata dalle Nazioni Unite, che era stata bloccata per tre settimane dagli attivisti saharawi”.

Nel frattempo, l’ONU e l’Unione europea chiedono il rispetto del cessate il fuoco per non rilanciare un conflitto che è stato congelato per decenni.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione