Gli Stati Uniti indagano su Harvard e Yale su finanziamenti esteri

Gli Stati Uniti indagano su Harvard e Yale su finanziamenti esteri

Gli Stati Uniti hanno avviato indagini sulle università di Harvard e Yale. Si indaga su fondi non dichiarati ricevuti da paesi stranieri, tra cui Arabia Saudita e Cina.

Il Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti ha affermato che le scuole d’élite non hanno riportato interamente centinaia di milioni di dollari in doni e contratti stranieri.

Secondo la legge degli Stati Uniti, le università sono tenute a segnalare tutte le donazioni e i contratti da fonti straniere che superano i 250.000 dollari.

Da luglio, il Dipartimento della Pubblica Istruzione ha dichiarato di aver scoperto circa 6,6 miliardi di dollari in donazioni precedentemente non segnalati da paesi come Qatar, Cina, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Questa cifra potrebbe essere “significativamente sottovalutata”.

I funzionari hanno precedentemente descritto la spesa estera nelle università statunitensi come un “buco nero.

“Si tratta di trasparenza. Se college e università accettano denaro e doni stranieri, i loro studenti, donatori e contribuenti meritano di sapere quanto e da chi”, ha dichiarato il segretario alla Pubblica Istruzione USA Betsy DeVos.

“Sfortunatamente, più scaviamo, più scopriamo che troppi sono sottostimati o non riportano affatto le cifre percepite”, ha detto.

Di cosa sono accusati Harvard e Yale?

Il Dipartimento della Pubblica Istruzione ha dichiarato che l’Università di Yale ha scelto di non segnalare alcun finanziamento straniero negli ultimi quattro anni ed è sospettata di non aver divulgato almeno 375 milioni di dollari in doni e contratti stranieri.

L’agenzia ha affermato di essere preoccupata anche per il fatto che ad Harvard mancassero “adeguati controlli istituzionali sul denaro straniero” e che non fossero riusciti a dichiarare appieno donazioni e contratti stranieri.

All’inizio di questo mese, il presidente del dipartimento di chimica di Harvard e due ricercatori cinesi sono stati accusati di fare false dichiarazioni sui legami con il governo cinese.

Il Dipartimento della Pubblica istruzione li ha invitati a fornire i nomi e gli indirizzi delle fonti straniere coinvolte in contratti e regali, nonché le attività sostenute dal finanziamento dall’agosto 2013.

Ad Harvard è stato chiesto di divulgare documenti riguardanti i governi di Cina, Qatar, Russia, Arabia Saudita e Iran, nonché aziende tra cui il colosso della tecnologia cinese Huawei.

Yale non ha commentato l’accusa di non aver riportato 375 milioni in doni e contratti stranieri, ma ha detto che stava preparando una risposta alla domanda del governo. Harvard ha detto che stava anche lei preparando una risposta.