Africa orientale tedesca

Africa orientale tedesca

L’Africa orientale tedesca era una colonia tedesca nella regione dei Grandi Laghi africani, che comprendeva l’attuale Burundi, Ruanda e la parte continentale della Tanzania. L’area della colonia era di 994.996 chilometri quadrati, quasi tre volte l’area dell’attuale Germania e raddoppiava l’area della Germania metropolitana.

La colonia fu organizzata quando alla fine del 1880 fu chiesto ai militari tedeschi di reprimere una rivolta contro le attività della Compagnia tedesca dell’Africa orientale. Si concluse con la sconfitta della Germania imperiale nella prima guerra mondiale. Alla fine, fu divisa tra Gran Bretagna, Belgio e Portogallo e fu riorganizzata come mandato della Società delle Nazioni.

Come altre potenze coloniali, i tedeschi ampliarono il loro impero nella regione dei Grandi Laghi in Africa, apparentemente per combattere la schiavitù e la tratta degli schiavi. A differenza di altri poteri imperiali, tuttavia, non l’hanno mai nemmeno formalmente abolita, preferendo invece ridurre la produzione di nuove “reclute” e regolare l’attività di schiavitù esistente.

Cartina dell'Africa orientale tedesca
Cartina dell’Africa orientale tedesca

La colonia si istituì quando Carl Peters, un avventuriero che fondò la Society for German Colonization, firmò trattati con diversi capi nativi sulla terraferma di fronte a Zanzibar. Il 3 marzo 1885, il governo tedesco annunciò di aver concesso una carta imperiale, che fu firmata dal cancelliere Otto von Bismarck il 27 febbraio 1885. La carta fu concessa alla compagnia di Peters e aveva lo scopo di istituire un protettorato nei Grandi Laghi africani regione. Peters quindi reclutò specialisti che iniziarono a esplorare a sud verso il fiume Rufiji e a nord verso Witu, vicino a Lamu sulla costa.

Il sultano di Zanzibar protestò, sostenendo di essere il sovrano di Zanzibar e della terraferma. Il Cancelliere Bismarck inviò quindi cinque navi da guerra, che arrivarono il 7 agosto 1885 e puntarono le loro armi sul palazzo del Sultano. Gli inglesi e i tedeschi accettarono di dividere la terraferma tra di loro e il Sultano non ebbe altra scelta che concordare.

Il dominio tedesco fu rapidamente istituito su Bagamoyo, Dar es Salaam e Kilwa. Le roulotte di Tom von Prince, Wilhelm Langheld, Emin Pasha e Charles Stokes furono mandate a dominare “la strada delle roulotte”. La rivolta degli Abushiri del 1888 fu repressa con l’aiuto britannico l’anno successivo. Nel 1890, Londra e Berlino conclusero il trattato Heligoland-Zanzibar, che restituì Heligoland in Germania e decise il confine tra la colonia e il protettorato dell’Africa orientale controllato dalla Gran Bretagna, anche se i confini esatti rimasero inosservati fino al 1910.

Ascari

Tra il 1891 e il 1894, il popolo Hehe, guidato dal capo Mkwawa, resistette all’espansione tedesca. Furono sconfitti perché le tribù rivali sostenevano i tedeschi. Dopo anni di guerriglia, lo stesso Mkwawa fu messo alle strette e si suicidò nel 1898.

La ribellione Maji Maji avvenne nel 1905 e fu repressa dal governatore Gustav Adolf von Götzen, che ordinò di creare una carestia per schiacciare la resistenza; si contarono fino a 300.000 morti. Presto seguì lo scandalo, con accuse di corruzione e brutalità. Nel 1907, il cancelliere Bernhard von Bülow nominò Bernhard Dernburg per riformare l’amministrazione coloniale.

Gli amministratori coloniali tedeschi si affidarono pesantemente ai capi nativi per mantenere l’ordine e riscuotere le tasse. Al 1 ° gennaio 1914, a parte la polizia locale, le guarnigioni militari dello Schutztruppen a Dar es Salaam, Moshi , Iringa e Mahenge contavano 110 ufficiali tedeschi (inclusi 42 ufficiali medici), 126 ufficiali senza commissione e 2.472 Askari (uomini arruolati nativi).

Africa orientale tedesca. Sviluppo economico

I tedeschi hanno promosso il commercio e la crescita economica. Oltre 100.000 acri furono messi a coltivazione di sisal (una fibra vegetale), che forniva il più grande raccolto di denaro. Furono piantati due milioni di alberi di caffè, alberi della gomma crebbero su 8100 ettari e vi furono grandi piantagioni di cotone.

Per portare sul mercato questi prodotti agricoli, a partire dal 1888, la ferrovia Usambara fu costruita da Tanga a Moshi. La Ferrovia Centrale copriva 1.247 km e collegava Dar es Salaam, Morogoro, Tabora e Kigoma. Il collegamento finale con la sponda orientale del lago Tanganica fu completato nel luglio del 1914 e fu celebrata con una grande e festosa cerimonia nella capitale con una fiera agricola e una mostra commerciale. Le strutture portuali sono state costruite o migliorate con gru elettriche, con accesso ferroviario e magazzini. I moli furono ristrutturati a Tanga, Bagamoyo e Lindi. Nel 1912, Dar es Salaam e Tanga ricevettero 356 mercantili e piroscafi passeggeri e oltre 1.000 navi costiere e navi mercantili locali. Dar es Salaam divenne la città vetrina di tutta l’Africa tropicale. Nel 1914, Dar es Salaam e la provincia circostante avevano una popolazione di 166.000 abitanti, tra cui 1.000 tedeschi. In tutto la Africa orientale tedesca c’erano 3.579 tedeschi.

L’estrazione dell’oro in Tanzania risale al periodo coloniale tedesco, a partire dalle scoperte dell’oro vicino al Lago Vittoria nel 1894. La Kironda-Goldminen-Gesellschaft istituì una delle prime miniere d’oro nella colonia, la Miniera d’oro di Sekenke , che iniziò l’attività nel 1909 dopo la scoperta dell’oro nel 1907.

Africa orientale tedesca. Istruzione

La Germania ha sviluppato un programma educativo per gli africani che includeva scuole elementari, secondarie e professionali. “Qualifiche di istruttore, curricula, libri di testo, materiale didattico, tutti soddisfacevano gli standard senza pari in nessuna parte dell’Africa tropicale.” Nel 1924, dieci anni dopo l’inizio della prima guerra mondiale e sei anni dopo il dominio britannico, la Commissione americana Phelps-Stokes in visita riferì: “Per quanto riguarda le scuole, i tedeschi hanno realizzato meraviglie. Passò del tempo prima che l’educazione raggiungesse lo standard raggiunto sotto i tedeschi”.

La parola swahili “shule” significa scuola ed è stata presa in prestito dalla parola tedesca “schule”.

Popolazione alla vigilia della prima guerra mondiale

La colonia Africa orientale tedesca era la più popolosa dell’Impero tedesco, c’erano oltre 7,5 milioni di abitanti locali, circa il 30% dei quali erano musulmani e il resto apparteneva a varie credenze tribali o convertiti cristiani, rispetto a circa 10.000 europei, che risiedevano principalmente in località costiere e residenze ufficiali. Nel 1913, solo 882 agricoltori e piantatrici tedeschi vivevano nella colonia. Circa 70.000 africani hanno lavorato nelle piantagioni della colonia.

Africa orientale tedesca. Prima guerra mondiale

Il generale Paul von Lettow-Vorbeck, che aveva prestato servizio nell’Africa sud-occidentale tedesca e Kamerun, guidò l’esercito tedesco nella colonia durante la prima guerra mondiale. I suoi militari erano costituiti da 3.500 europei e 12.000 Askari e facchini nativi. Una delle più grandi vittorie di Lettow-Vorbeck fu la Battaglia di Tanga (3–5 novembre 1914), dove le forze tedesche sconfissero una forza britannica otto volte più grande.

Militari tedeschi in Africa
Militari tedeschi in Africa

La guerriglia di Lettow-Vorbeck costrinse la Gran Bretagna a destinare risorse significative a un teatro coloniale minore durante la guerra e provocò oltre 10.000 vittime. Alla fine, il peso dei numeri, soprattutto dopo che le forze provenienti dal Congo belga avevano attaccato da ovest (Battaglia di Tabora), e le scarse riserve hanno costretto Lettow-Vorbeck ad abbandonare la colonia. Si ritirò a sud nel Mozambico portoghese, poi nella Rhodesia del Nord dove accettò un cessate il fuoco tre giorni dopo la fine della guerra dopo aver ricevuto notizie dell’armistizio tra le nazioni in guerra.

Lettow-Vorbeck è stato acclamato dopo la guerra come uno degli eroi della Germania. Il suo Schutztruppe fu celebrato come l’unica forza coloniale tedesca durante la prima guerra mondiale che non fu sconfitta in combattimento aperto, anche se spesso si ritirarono quando superarono il numero. Le truppe coloniali Askari che avevano combattuto nella campagna dell’Africa orientale ricevettero in seguito pagamenti pensionistici dalla Repubblica di Weimar e dalla Germania occidentale.

L’ SMS Königsberg, un incrociatore leggero tedesco, combatté anche al largo della costa africana dei Grandi Laghi. Alla fine fu affondata nel delta di Rufiji nel luglio del 1915 dopo aver esaurito il carbone e i pezzi di ricambio e fu successivamente bloccata e bombardata dagli inglesi. L’equipaggio sopravvissuto spense le armi rimanenti della nave e le montò su carrozze, prima di unirsi alle forze di terra, aumentando notevolmente la loro efficacia. Un’altra campagna più piccola fu condotta sulle rive del lago Tanganica meridionale tra il 1914 e il 1915.

Africa orientale tedesca. Scissione della colonia

Il Consiglio supremo della Conferenza di pace di Parigi del 1919 assegnò tutta l’Africa orientale tedesca alla Gran Bretagna il 7 maggio 1919, a causa di strane obiezioni del Belgio. Il segretario coloniale britannico, Alfred Milner, e il ministro plenipotenziario belga alla conferenza, Pierre Orts, poi negoziarono l’accordo anglo-belga del 30 maggio 1919, dove la Gran Bretagna cedette il nord e i distretti occidentali di Ruanda e Urundi al Belgio. La commissione per i mandati della conferenza ratificò questo accordo il 16 luglio 1919. Il Consiglio Supremo accettò l’accordo il 7 agosto 1919.

Il 12 luglio 1919, la Commissione sui mandati concordò che il piccolo triangolo di Kionga a sud del fiume Rovuma sarebbe stato consegnato al Portogallo, e alla fine sarebbe diventato parte del Mozambico indipendente. La commissione sostenne che la Germania aveva praticamente costretto il Portogallo a cedere il triangolo nel 1894.

Il trattato di Versailles fu firmato il 28 giugno 1919, sebbene il trattato non entrò in vigore fino al 10 gennaio 1920. In quella data, la colonia fu trasferita ufficialmente alla Gran Bretagna, Belgio e Portogallo. Sempre in quella data, “Tanganica” divenne il nome del territorio britannico.