Gli iraniani al voto. Vincerà al linea dura?

Gli iraniani al voto. Vincerà al linea dura?

Gli iraniani hanno iniziato a votare per le elezioni parlamentari che probabilmente aiuteranno i lealisti del leader supremo a stringere la presa sul potere mentre il paese deve affrontare l’aumento della pressione degli Stati Uniti sul suo programma nucleare e il crescente malcontento in patria.

Con migliaia di potenziali candidati squalificati a favore degli alleati del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, il voto non dovrebbe influenzare il conflitto del Paese con gli Stati Uniti o la politica estera.

Anche se il potere del parlamento è limitato, i guadagni dei falchi della sicurezza potrebbero indebolire i pragmatici e i conservatori che appoggiano la teocrazia dominante ma sostengono un maggiore impegno con il mondo esterno.

Un numero maggiore di seggi fissi nell’Assemblea può anche aiutarli nel concorso 2021 per il presidente, un lavoro con un ampio controllo quotidiano del governo. Il presidente Hassan Rouhani, della fazione pragmatica, ha vinto le ultime due elezioni sulla promessa di aprire l’Iran al mondo esterno.

Il ritiro di Washington del 2018 dall’accordo iraniano con le potenze mondiali e la sua reimposizione delle sanzioni hanno colpito duramente l’economia iraniana e provocato disagi diffusi.

Le tensioni tra Iran e Stati Uniti sono aumentate drammaticamente quando un attacco con dei droni degli Stati Uniti ha ucciso il comandante militare più importante del paese, Qassem Soleimani, all’aeroporto di Baghdad il 3 gennaio.

L’Iran si è vendicato l’8 gennaio attaccando obiettivi statunitensi in Iraq con missili balistici costruiti in patria, ferendo più di 100 soldati.

Incoraggiando gli iraniani a partecipare al voto, la TV di Stato ha mostrato filmati di persone in fila per votare in diversi seggi elettorali istituiti principalmente nelle moschee.

Sono qui per votare. È mio dovere seguire il cammino del martire Soleimani ”, ha detto un giovane elettore nella moschea situata in un cimitero, dove Soleimani è sepolto nella sua città natale.

Soleimani, architetto delle operazioni clandestine e militari all’estero di Teheran come capo della Forza Quds delle Guardie rivoluzionarie, è diventato un eroe nazionale per molti iraniani. Era la figura più potente della Repubblica islamica dopo Khamenei.

La televisione di stato ha dichiarato che la votazione durerà 10 ore, con circa 58 milioni di iraniani che possono votare per i rappresentanti nel parlamento di 290 membri. La votazione può essere estesa per un paio d’ore a seconda dell’affluenza.