Gerrymandering

La manipolazione elettorale è nata principalmente negli Stati Uniti, per motivi tecnici elettorali, ma è stata ampiamente ripresa in tutto il mondo, in Italia gli studiosi indicano la legge elettorale più compromessa quella chiamata Rosatellum.

Il gerrymandering è la manipolazione politica dei confini dei collegi elettorali con l’intento di creare un vantaggio indebito per un partito, gruppo o classe socio-economica all’interno del collegio elettorale. La manipolazione può consistere nel “cracking”, ovvero diluendo il potere di voto dei sostenitori del partito avversario in molti collegi diversi o nel “packing” concentrando il potere di voto del partito avversario in una zona per ridurre il loro potere di voto in altri collegi.

Il gerrymandering può essere utilizzato anche per proteggere nomi eccellenti che non si vuol mettere a rischio di mancata elezione. Gli studiosi lo descrivono come il metodo per cui i politici scelgono i loro elettori invece che degli elettori che scelgono i loro politici.

Il termine gerrymandering prende il nome dal politico americano Elbridge Gerry, vicepresidente degli Stati Uniti che, come governatore del Massachusetts nel 1812, firmò un disegno di legge che creò un distretto a Boston che veniva paragonato alla forma di una mitologica salamandra. Il termine ha connotazioni negative e il gerrymandering è quasi sempre considerato una corruzione del processo democratico. Il distretto risultante è noto come gerrymander.

Come funziona il Gerrymandering

Il gerrymandering in un disegno del 1800
Vignetta satirica del marzo 1812, per evidenziare il gerrymandering

Gli obiettivi primari del gerrymandering sono massimizzare l’effetto dei voti dei sostenitori e ridurre al minimo l’effetto dei voti degli oppositori. Lo scopo principale di un gerrymander è quello di influenzare non solo il risultato delle elezioni ma l’intera valenza del voto in sé, non sarà più una decisione collegiale.

Questo obiettivo può essere realizzato in diversi modi:

Il “cracking” implica la diffusione di elettori di un tipo particolare tra molti collegi per negare loro un blocco elettorale sufficientemente ampio in un determinato luogo. I partiti politici incaricati di ridisegnare le linee distrettuali possono creare distretti più “craccati” come mezzo per mantenere, e possibilmente anche espandere, il loro potere legislativo. Con il “cracking” dei distretti, un partito politico potrebbe mantenere, o ottenere, il controllo assicurandosi che gli elettori del partito opposto non siano la maggioranza in distretti specifici. Ad esempio, gli elettori in un’area urbana potrebbero essere divisi in più collegi in ciascuno dei quali la maggioranza degli elettori è concentrata verso una coalizione o partito, presumendo che i due gruppi votino in modo diverso si possono diluire o concentrare i voti di un determinato partito.

Il “packing” invece si attiva concentrando molti elettori di un tipo specifico in un unico collegio elettorale per ridurre la loro influenza in altre zone. In alcuni casi, ciò può essere fatto per ottenere la rappresentanza di una comunità di interesse comune, piuttosto che diluire tale interesse su diversi distretti fino al punto di inefficacia. Quando il partito che controlla il collegio ha una maggioranza il partito di minoranza può generalmente essere “craccato”. È quindi più probabile che il packing venga utilizzato a vantaggio di chi ha una generale debolezza verso un territorio. Questo riduce la presenza in zone deboli e riunisce invece tutta la forza disponibile in una regione specifica.

Il “dirottamento” ridisegna due collegi in modo tale da costringere due specifici candidati a correre l’uno contro l’altro assicurandosi così che uno di loro venga eliminato. Pensiamo a due nomi “scomodi” che devono però essere presentati per motivi di opportunità politica, con questo scontro diretto si dirotta il voto verso l’eliminazione di uno dei due piuttosto che l’elezione.

Il “Rapimento” sposta il collegio naturale di un nome importante in un altro collegio. La rielezione può diventare più difficile quando l’incumbent non risiede più nella zona dove solitamente viene votato, o eventualmente affronta la rielezione da un nuovo distretto con una nuova base di elettori. Questo è spesso impiegato contro i politici che rappresentano più aree urbane, in cui le città più grandi verranno divise in più collegi per rendere il voto più complesso. Il “dirottamento” ridisegna due collegi in modo tale da costringere due incumbent a correre l’uno contro l’altro in un distretto, assicurandosi che uno di loro venga eliminato. Può sembrare molto simile al “dirottamento” ma in realtà qui si agisce più sul candidato che sull’elettore.

Queste tattiche sono tipicamente combinate tra loro, creano alcuni seggi “sicuri” per la presenza di elettori di un tipo al fine di garantire più seggi e una maggiore rappresentanza per gli elettori di un altro tipo. Ciò si traduce in candidati di un partito che vincono con piccole maggioranze nella maggior parte dei distretti e un altro partito che vince a larga maggioranza solo in alcuni collegi. Qualsiasi partito che si sforza di rendere un distretto più favorevole a votare per loro in base al confine fisico è responsabile gerrymandering.

Effetti della manipolazione

Il Gerrymandering è efficace a causa dell’effetto del voto sprecato. I voti sprecati sono voti che non hanno contribuito all’elezione di un candidato, o perché eccedenti il ​​minimo indispensabile per la vittoria, o perché il candidato ha perso. Spostando i confini geografici, il partito in carica raggruppa gli elettori dell’opposizione in alcuni distretti che già vinceranno, sprecando i voti in più. Altri distretti sono costruiti più collegati con il partito di opposizione sprecando così tutti i voti di minoranza per il candidato perdente.

Una misura quantitativa dell’effetto del gerrymandering è il divario di efficienza, calcolato dalla differenza dei voti sprecati per due diversi partiti politici sommati su tutti i distretti. Citando in parte un divario di efficienza compreso tra l’11,69% e il 13%, un tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel 2016 si è pronunciato contro le votazioni del 2011 dei distretti legislativi del Wisconsin.

Mentre l’effetto del voto sprecato è più forte quando un partito vince con margini ristretti, manipolare può essere rischioso quando gli elettori sono meno prevedibili. Per ridurre al minimo il rischio che cambiamenti demografici o politici portino un collegio all’opposizione, i politici possono creare dei supercollegi, più affollati, portando a margini più comodi.

Alcune ricerche di scienze politiche suggeriscono che, contrariamente alla credenza comune, il gerrymandering non diminuisce la competizione elettorale anzi può persino aumentarla. Alcuni dicono che, piuttosto che ammassare gli elettori del loro partito in collegi non competitivi, i leader di partito tendono a preferire di distribuire gli elettori del loro partito in più zone, in modo che il loro partito possa vincere un numero maggiore di collegi. Ciò può portare a una maggiore concorrenza.

Alcuni ricercatori hanno visto che altri fattori, come la polarizzazione e il vantaggio di chi è in carica, hanno guidato le diminuzioni della competizione elettorale. Allo stesso modo, uno studio del 2009 ha rilevato che “la polarizzazione è principalmente una funzione delle differenze nel modo in cui i partiti rappresentano le stesse istanze politiche o geografiche.”

Il gerrymandering nel mondo e in Italia

I casi accertati di manipolazione delle elezioni tramite i collegi o il conteggio dei voti, mischiando uninominale con proporzionale sono comuni in tutte le nazioni, compresa l’Italia. La gestione dei voti in Europa è più complessa in quanto i territori sono più piccoli e la disomogeneità dei voti è alta.

Regno Unito, Spagna, Francia ma anche Sri Lanka, Singapore e tanti altri sono stati terreno di manipolazione elettorale. Ovviamente ci sono manipolazioni più o meno pesanti, quasi tutte queste tecniche non hanno invalidato le elezioni ma ne hanno solo modificato gli effetti, cosa non meno grave ma comunque più gestibile.

Lascia un commento