Gerard Depardieu la carriera di attore

Gerard Depardieu la carriera di attore

Gérard Depardieu, (nato il 27 dicembre 1948, Châteauroux, Francia), attore cinematografico francese noto per la sua versatilità e per la sua inusuale combinazione di gentilezza e fisicità. Figlio di lavoratori migranti, Depardieu ricevette poca istruzione formale e all’età di 15 anni andò a Parigi, dove studiò recitazione. Ha fatto il suo debutto sul grande schermo nel cortometraggio Le Beatnik et le minet (1965) e nei primi anni ’70 ha iniziato ad apparire un po’ come attore di lungometraggi.

La sua esibizione come un giovane delinquente a Les Valseuses (1973; Going Places) gli ha dato il suo primo vero colpo di notorietà, e successivamente è apparso in film importanti come 1900 di Bernardo Bertolucci (1976), Le Dernier Métro di François Truffaut (1980; The Last Metro) , Loulou (1980), Le Retour de Martin Guerre (1981; Il ritorno di Martin Guerre), Andrzej Wajda’s Danton (1983), Jean de Florette (1986), e il suo sequel, Manon des Sources (1986; Manon of the Spring) . Ha recitato in Camille Claudel (1989) e nel 1990 ha vinto il premio come miglior attore al festival di Cannes per il suo ruolo in Cyrano de Bergerac (1990).

Depardieu ha interpretato una grande varietà di ruoli, inclusi personaggi storici (dai contadini al leader rivoluzionario francese Georges Danton e l’artista Auguste Rodin) e figure contemporanee (dai compositori ai delinquenti). Era degno di nota per proiettare un’immagine cinematografica della forza maschile che era tuttavia permeata di dolcezza e sensibilità.

Ha recitato in ben sei film all’anno, e alla fine degli anni ’80 era diventato l’attore più popolare in Francia e aveva raggiunto una reputazione internazionale. Durante gli anni ’90 e nel 21 ° secolo, Depardieu ha continuato la sua prolifica carriera di attore. Le sue interpretazioni nei film francesi Le Colonel Chabert (1994; Colonnello Chabert), su un soldato che torna a casa dalla guerra per trovare sua moglie sposata con un altro uomo, e Quand j’étais chanteur (2006; The Singer), sono stati ben accolti a Francia. In La Môme (2007, uscito anche come La Vie en rose) ha interpretato l’impresario del locale notturno che ha scoperto Edith Piaf.

In seguito è apparso come boss del crimine nel film di gangster La Instinct de mort (2008: Mesrine: Killer Instinct), come detective della polizia titolare nel thriller di Claude Chabrol Bellamy (2009; Inspector Bellamy), e come attivista sindacale di fronte alla costar frequente Catherine Deneuve nella commedia Potiche (2010). Depardieu ha anche recitato in film americani come Green Card (1990), My Father the Hero (1994), Crime Spree (2003) e Last Holiday (2006).


Articoli correlati

Tav, via libera Telt agli avvisi

Si tratta di 2,3 miliardi di lavori per completare le due canne della galleria tra l’imbocco di Saint Jean de

Carige. Si all’aumento di capitale

L’assemblea degli azionisti Carige ha approvato la proposta di aumento di capitale per 700 milioni di euro, legata al piano

Udine: via la “identità alias” per i dipendenti comunali transgender

Il Comune di Udine ha tolto, con una delibera di Giunta approvata ieri con i voti di tutta l’aula, l’istituto