Fiat Chrysler una fusione con la Renault molto difficile

Fiat Chrysler una fusione con la Renault molto difficile

Fiat Chrysler Automobiles è una creatura della crisi finanziaria del 2008 e dell’ingegnosa mente finanziaria del defunto CEO Sergio Marchionne.

Marchionne vide Chrysler in bancarotta e volle salvarla, il paniere del crollo dell’industria automobilistica americana, lo vide come un obiettivo allettante. Il suo progetto di acquisizione è stato addolcito dal desiderio del governo degli Stati Uniti di pagare prontamente miliardi di dollari per non far cadere Chrysler.

La nuova entità, Fiat Chrysler Automobiles, è stata un successo. I marchi Jeep e RAM hanno assistito a un aumento delle vendite negli Stati Uniti e Marchionne è riuscito a far brillare la Ferrari, il gioiello della corona, in una IPO che ha sbloccato quello che ora è un capital market da quasi 30 miliardi di dollari.

Ma quel successo ha alcuni problemi. FCA è forte nel mercato statunitense, ma è fortemente esposta in Europa, dove Fiat ha faticato. Il gruppo è molto indietro in Cina e FCA ha utilizzato le partnership per tenere il passo con lo sviluppo.

La FCA, come i rivali di Detroit Ford e General Motors, è stata in grado di accumulare denaro in quanto i pickup e i SUV sono stati venduti bene negli ultimi anni, ma Marchionne ha anche speso gran parte del suo tempo cesellando il debito di FCA. La capacità della casa automobilistica di investire in modo aggressivo nella trasformazione globale della mobilità è passata in secondo piano rispetto all’istinto da banchiere di Marchionne di riordinare il bilancio di FCA.

La linea di fondo è che i marchi di camion e SUV hanno mantenuto l’intera impresa sulla buona strada, mentre gli sforzi per ristabilire Fiat e Alfa Romeo negli Stati Uniti sono falliti. Lo spinoff Ferrari è stato un momento clou, che ha portato alla speculazione che Maserati potrebbe seguire ma il mercato del lusso è diventato più competitivo e il mercato cinese ha rallentato.

FCA e Renault si unirebbero 50/50, con una nuova società madre che deterrebbe l’entità combinata. Tuttavia, c’è la questione dell’alleanza di Renault con Nissan e Mitsubishi, creata dal CEO Carlos Ghosn, che è stato arrestato l’anno scorso in Giappone e che da allora è in attesa di processo per accuse di malversazione finanziaria.

FCA riconosce la posizione e le conquiste dei partner di Groupe Renault e vede significativi benefici per tutte le parti dalla partnership allargata. La combinazione FCA e Groupe Renault insieme con i suoi partner Nissan e Mitsubishi sarebbe la più grande alleanza OEM globale, con più di 15 milioni veicoli venduti ogni anno. 

Ciò potrebbe significare che stiamo assistendo alla promulgazione di un piano che Ghosn ha ideato per sostenere la Renault a spese dei suoi soci giapponesi. Ma Nissan è stata più che felice di tagliare i legami con la Renault, diminuendo la partecipazione e segnando la fine della più grande casa automobilistica combinata del mondo per vendite.

Per quanto riguarda FCA e Renault, una fusione potrebbe funzionare, è meglio di niente, e crea un modo per la Renault di dettare i termini al lato Nissan o di liberare la Renault da un’alleanza che aveva finito il suo valore. Ma non è una divisione senza rischi significativi.


Articoli correlati

Immigrazione. L’Europa si riunisce per decidere

I leader europei si sono confrontati lunedì sulla crisi umanitaria nel Mediterraneo. Ben 900 migranti sono morti al largo della costa libica

Riforma della Scuola. Approvata la nuova legge alla Camera

Nella seduta odierna la Camera ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge recante Riforma del sistema nazionale di

Neve “gelida come la morte” ridacci i nostri figli

La natura è bella, è amica dell’Uomo, dei fiori, del mare, quale pensiero contorto e perverso, Neve, ti ha fatto