Giappone. Studentesse accoltellate da un uomo a Tokyo, due morti

Giappone. Studentesse accoltellate da un uomo a Tokyo, due morti

Un uomo giapponese con due coltelli si è buttato su una folla di studentesse ad una fermata dell’autobus fuori Tokyo e ha iniziato a pugnalarle una ad una, ferendone più di una dozzina e uccidendo un uomo e un dodicenne.

L’uomo di mezza età, a quanto pare, si è suicidato accoltellandosi al collo, ha detto l’emittente NHK, citando la polizia.

I bambini, con un’età compresa tra i 6 ei 12 anni, erano studenti di una scuola cattolica privata e salivano a bordo del loro scuolabus quando l’uomo ha attaccato i piccoli nella città di Kawasaki.

Dai Nagase, un funzionario dei vigili del fuoco della città di Kawasaki, ha detto che 19 persone sono state ferite, tre dei quali sembravano molto gravi. Un uomo sui 50 anni, probabilmente l’aggressore, è morto e quattro persone sono rimaste gravemente ferite, tra cui tre ragazze e una donna di 40 anni, mentre un altro uomo adulto di 30 anni era stato anche confermato morto.

NHK ha parlato anche di un autista di autobus dicendo di aver visto l’uomo con due coltelli avvicinarsi ai bambini e iniziare a pugnalarli uno per uno. I coltelli sono stati trovati nelle vicinanze in mezzo a pozze di sangue sulla scena.

Ho sentito un uomo e una donna che urlavano“, ha detto una donna di 50 anni che vive nel quartiere. “Sono corsa fuori di casa e ho visto molte ambulanze.

L’attacco è avvenuto mentre il presidente Trump era in visita in Giappone per una visita di stato di quattro giorni.

A nome della first lady e mip, voglio dedicare un momento per inviare le nostre preghiere e le nostre condoglianze alle vittime dell’attentato di stamattina a Tokyo“, ha detto Trump in un discorso a bordo di una portaerei giapponese. “Tutti gli americani stanno con il popolo del Giappone e si addolorano per le vittime e per le loro famiglie“.

Hiroaki Takamatsu, direttore generale della Caritas Elementary School di Kawasaki, ha detto ai giornalisti di non avere parole per l’accaduto, di non sapere neanche cosa dire ai genitori, aggiungendo che la scuola li avrebbe incontrati questa sera.

Un crimine del genere è raro in Giappone e le leggi sulle armi sono molto severe, ma ci sono occasionalmente attacchi che  spesso usano coltelli o automobili come armi.

All’inizio di questo mese, un uomo ha lasciato due coltelli sul banco di un giovane principe giapponese. La polizia ha detto che l’uomo ha confessato di aver intenzione di pugnalare il dodicenne principe Hisahito, che un giorno erediterà il trono, perché era in disaccordo con il sistema imperiale.

Un altro ha guidato un furgoncino addosso a un gruppo di persone che stavano seguendo le celebrazioni di Capodanno a Tokyo poco dopo la mezzanotte del 1 gennaio, ferendo otto persone, in quella che ha detto essere una protesta contro la pena di morte.

Nel 2016, un uomo che sosteneva di voler uccidere le persone disabili ha compiuto un attacco con un coltello in una struttura di assistenza in cui aveva lavorato, uccidendo 19 anni e ferendone altri 26.


Articoli correlati

Bezos e le foto con l’amante. L’Enquirer nega estorsioni

Il National Enquirer non ha commesso né estorsioni né ricatti minacciando di pubblicare foto intime del CEO di Amazon Jeff

Cagliari: il tecnico Zeman lascia

Brutte notizie per i numerosi tifosi del Cagliari. Zeman lascia la squadra. In una nuvola di delusione e amarezza, senza

Renzi: bisogna combattere gli schiavisti

In vista del consiglio europeo straordinario, previsto per domani, il nostro presidente del Consiglio si esprime sul bisogno politico  di