Expo 2015, Mattarella: “Facciamo crescere generazione ‘fame zero'”

Expo 2015, Mattarella: “Facciamo crescere generazione ‘fame zero'”
Il discorso di Mattarella a Expo 2015

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Expo 2015

Rho, 5 giugno – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato nella giornata di oggi il sito Expo. Il suo discorso ai presenti si è incentrato sul tema di cui si è parlato nei giorni scorsi, ovvero il progetto “fame zero”, per eliminare la fame nel mondo entro il 2025, promosso dalla FAO.

“Vogliamo far crescere la generazione fame zero” ha detto il Presidente, “e sappiamo che l’impegno educativo e culturale ha bisogno di grandi ideali”. Mattarella ha parlato anche di Expo, dicendo che la fiera deve essere una rincorsa iniziale per spiccare questo salto verso l’obiettivo. “Senza una grande motivazione ideale – ha continuato il Presidente – senza una condivisione, non riusciremo a contrattaccare la povetà, non porremo argini al cambiamento climatico, non rispetteremo le biodiversità che arricchiscono e mettono energie vitali nel pianeta”.

Il capo della Stato ha poi fatto riferimento alle responsabilità, che certamente devono partire dagli Stati, ma devono anche essere prese in mano dai cittadini. “Abbiamo la facoltà di scegliere” ha detto infine Mattarella “e dunque premiare i beni prodotti in maniera rispettosa dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente”.

Non è mancata anche una critica nei confronti delle divisioni politiche e sociali. Sergio Mattarella ha detto che è necessario trovare una coesione per poter combattere tutti insieme e raggiungere l’obiettivo. Il Presidente ha visitato l’area Expo prima di fare questo discorso ai presenti. Era la prima volta per il Presidente della Repubblica, che non era presente nella giornata inaugurale.


Tag assegnati a questo articolo:
Expo 2015Fame ZeroSergio Mattarella

Articoli correlati

Decreto Salvini, ecco le norme presentate

Si è svolta, a Palazzo Chigi, la riunione del Consiglio dei Ministri n.20. Al termine il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ed il

Ecco come abbiamo preso Battisti

Mail e telefonate, così è stato beccato Cesare Battisti, dopo la sua fuga in Bolivia, dagli uomini della polizia di Milano che erano

Bezos e le foto con l’amante. L’Enquirer nega estorsioni

Il National Enquirer non ha commesso né estorsioni né ricatti minacciando di pubblicare foto intime del CEO di Amazon Jeff