Epa

L’Agenzia per la protezione ambientale americana si sta preparando ad adottare nuove regole che annullerebbero i regolamenti per le emissioni di gas metano, inclusi i requisiti che i produttori di petrolio e gas devono mantenere, ed avere sistemi e procedure per rilevare le perdite di metano nei loro condotti.

Le modifiche alle regole si applicheranno ai pozzi perforati dal 2016 in poi e saranno esonerati i più grandi gasdotti, siti di stoccaggio e altre parti del sistema di trasmissione dalla supervisione dell’EPA sullo smog e sulle emissioni di gas serra. Le modifiche facilitano anche i requisiti di reporting per l’industria e, per alcune strutture, la frequenza con cui un impianto deve verificare la presenza di perdite di altri inquinanti.

Le nuove regole, che dovrebbero essere firmate ed emanate questa settimana, adottano la maggior parte degli elementi fondamentali di due proposte del 2018 e del 2019. I funzionari dell’agenzia stanno seguendo una direttiva del presidente Trump per allentare le normative sui produttori di energia statunitensi e togliere duplicati di altre regole federali e statali.

Le precedenti regole sono state adottate nel 2016 sotto l’ex presidente Obama, tra le preoccupazioni più forti ci sono le fughe di gas metano che contribuiscono al cambiamento climatico.

Il metano rappresenta circa il 10% delle emissioni di gas serra degli Stati Uniti ed è circa 25 volte più potente dell’anidride carbonica nell’intrappolare il calore terrestre, secondo le stime dell’EPA. I dati dell’agenzia mostrano che l’industria del petrolio e del gas è stata a lungo il più grande emettitore di metano della nazione, anche prima del boom dello scisto.

Poiché il boom della perforazione ha provocato un’impennata della produzione di gas naturale, nel 2016 l’EPA ha risposto con l’obbligo per le aziende di fare piani per ridurre le emissioni nei nuovi pozzi e nelle condutture che alimentano. Ciò includeva controlli regolari per chiudere valvole, condutture e serbatoi che perdevano nella rete tentacolare che copre milioni di chilometri e che fornisce forni domestici, centrali elettriche, siti industriali e altri consumatori.

L’annullamento di questi requisiti era una priorità per i produttori di petrolio e gas di piccole e medie dimensioni, che affermano che i requisiti sono così costosi che sarebbe stato poco redditizio perforare in America.

Ma i produttori più grandi, inclusi i giganti internazionali Exxon Mobil Corp., Royal Dutch Shell PLC e BP PLC, sono invece favorevoli al mantenimento delle regole, affermando che la mancanza di regolamentazione del clima mina la loro promessa che il gas naturale statunitense che vendono sia una fonte di energia pulita.

Negli ultimi giorni, i funzionari dell’EPA e della Casa Bianca hanno concordato, provvisoriamente, un pacchetto di regole definitive dopo negoziati a volte controversi.

È in attesa dell’approvazione finale da parte dell’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca, dove venerdì l’EPA ha inviato una bozza finale del regolamento.

Come parte di queste discussioni, la Casa Bianca ha accettato di abbandonare i piani che avrebbero alleggerito ulteriormente le regole, riducendo le ispezioni a una volta all’anno dalle attuali due volte all’anno. L’EPA ha affermato che i benefici ambientali delle ispezioni biennali sono così grandi che sarebbe difficile legalmente giustificare un minor numero di ispezioni.

I funzionari della Casa Bianca hanno ceduto dopo che l’amministratore dell’EPA Andrew Wheeler ha detto loro che la creazione di una logica per un minor numero di ispezioni potrebbe ritardare lo sviluppo del metano dopo le elezioni del 3 novembre e forse oltre il mandato di Trump.

Il loro compromesso richiede ispezioni due volte all’anno per quasi tutta l’industria del petrolio e del gas. Ciò mantiene lo status quo per la maggior parte delle operazioni; facilita quello che era stato un mandato di ispezione trimestrale alle stazioni di compressione, che spingono il gas naturale dai pozzi attraverso le condutture.

I funzionari dell’amministrazione si sono largamente schierati con i produttori più piccoli e hanno spinto per revocare il più possibile le regole sul metano. Il principio centrale della loro nuova politica è che l’amministrazione Obama ha commesso un errore all’inizio quando ha affermato che l’EPA aveva l’autorità per regolare il metano dalle operazioni di petrolio e gas.

L’amministrazione Obama non ha seguito il corretto processo scientifico e legale necessario per giustificare le regole del 2016 determinando innanzitutto che le emissioni di gas serra dell’industria petrolifera e del gas naturale, principalmente metano, causano o contribuiscono a un inquinamento atmosferico pericoloso, afferma l’EPA.

Questa determinazione renderebbe più difficile per una nuova amministrazione rivendicare quell’autorità senza un mandato del Congresso. E, cosa più importante, dicono gli esperti del settore e legali, la nuova politica impedisce all’EPA di richiedere alle aziende di aggiungere sistemi di prevenzione delle perdite ai pozzi perforati anni fa, qualcosa che non è attualmente richiesto, ma che alla fine l’EPA sarebbe stata obbligata a fare se fosse stato permesso alla politica dell’era Obama di continuare ad esistere.

Il monitoraggio delle perdite sarebbe ancora necessario, ma non direttamente per il metano. La proposta del 2018 adottata in questo pacchetto ha mantenuto i requisiti di monitoraggio per i composti organici volatili, gli inquinanti che causano lo smog. I leader dell’agenzia hanno affermato che un vantaggio di tale monitoraggio è che intrappolerà anche la maggior parte delle emissioni di metano.

L’accordo sulla frequenza di tali ispezioni ora pone le basi affinché l’EPA finisca ufficialmente di stipulare il regolamento questa settimana. E i leader dell’agenzia hanno esplorato la possibilità di un evento per celebrare il momento, con il signor Wheeler che li ha firmati giovedì nell’area di Pittsburgh, cuore del più grande giacimento di gas naturale del paese, il Marcellus Shale.

Molte delle più grandi compagnie petrolifere del paese hanno uffici e operazioni importanti vicino a Pittsburgh e la regione è una fonte chiave del sostegno politico di Trump.

La Pennsylvania è uno degli stati più importanti del paese e Trump ha guidato fino alla vittoria nel 2016. Ha promesso una piattaforma pro-combustibili fossili e ha colto l’entusiasmo per i repubblicani nella Pennsylvania occidentale che è cresciuto insieme all’industria petrolifera e del gas .

Lascia un commento