Gli elettori di Hong Kong supportano i candidati democratici

Gli elettori di Hong Kong supportano i candidati democratici

Gli elettori hanno chiaramente indicato cosa vogliono. E questo porta ad una clamorosa sconfitta del governo e una grande spinta di sostegno al movimento di protesta. In milioni si sono presentati per le elezioni locali che sono diventate un referendum sul governo da parte della città.

Il risultato eserciterà maggiori pressioni sul governo per negoziare con i manifestanti che chiedono un’indagine sulla violenza della polizia e le elezioni democratiche per la legislatura e l’amministratore delegato della città, il principale leader della città. È stato anche un rimprovero a Pechino, che ha spinto la città a reprimere le proteste.

Gli elettori hanno praticamente cancellato dozzine di candidati pro-Cina in lizza per 452 seggi del consiglio distrettuale e hanno consegnato la maggioranza ai democratici, la prima volta che i partiti dell’opposizione ottengono il controllo politico ad Hong Kong. I consigli sono entità di basso livello che in genere gestiscono le questioni locali, ma le elezioni sono le uniche a Hong Kong ad offrire il suffragio universale e ciò ha dato loro un’importanza fuori misura come una dichiarazione di opinione rispetto gli atteggiamenti del pubblico.

Questo rinvigorirà il movimentoe mostra che la crisi attuale non finirà molto presto, a meno che il governo non sia disposto a proporre soluzioni politiche autentiche per riparare le tensioni nella società“, ha detto Jeffrey Ngo, un attivista che è anche capo ricercatore per Demosisto, un gruppo politico giovanile locale. “I numeri record non solo mostrano quanto i cittadini desiderino essere ascoltati, ma riflettono anche il nsotro entusiasmo di partecipare al processo elettorale“.

Il sentimento antigovernativo che è esploso per le strade si è tradotto nel voto, facendo emergere un record di 2,9 milioni di elettori, oltre il 70% degli aventi diritto.

I candidati dell’opposizione hanno vinto 390 seggi, ha riferito l’emittente locale Radio Television Hong Kong, più del triplo di quello che avevano nel 2015. Tutti erano precedentemente sotto controllo di deputati pro Cina.

È una vittoria schiacciante, ma penso sia ancora importante notare che il 40% ha votato a favore dell’establishment“, ha affermato Samson Yuen, assistente professore di scienze politiche alla Lingnan University di Hong Kong. “Questo potrebbe non fermare le proteste, ma calmerà i manifestanti e ridurrà le loro azioni perché ora esiste una strada alternativa al dissenso“.

Mentre i consiglieri distrettuali in genere gestiscono solo questioni locali e mancano di potere legislativo, detengono quasi il 10% dei seggi nel comitato elettorale di 1.200 membri che sceglie l’amministratore delegato. La vittoria dei democratici significa che potranno scegliere tutti i membri che detengono quei seggi. I consiglieri distrettuali hanno anche sei seggi nella legislatura della città, composta da 70 membri.

Le elezioni sono state indette dopo alcune delle peggiori violenze da ogni parte in causa in quasi sei mesi di disordini. I manifestanti hanno combattuto con la polizia in battaglie campali nelle università, dove hanno assemblato armamenti improvvisati di Molotov e attrezzature per tiro con l’arco.