Mistero missilistico: quale arma stava testando la Russia nell’Artico?

Mistero missilistico: quale arma stava testando la Russia nell’Artico?

Cinque ingegneri nucleari russi sono morti nell’esplosione di un razzo lanciato durante un test e sono stati sepolti a Sarov, una città deserta, dove vengono costruite testate nucleari a 373 km a est di Mosca.

L’agenzia nucleare statale russa, Rosatom, ha affermato che gli esperti hanno testato un motore a propulsione nucleare. Ma non ha fornito ulteriori dettagli tecnici ne sull’incidente ne sull’arma che testavano.

Il test si è svolto su una piattaforma offshore nell’Artico. La Russia, nella stessa zona, ha precedentemente testato un missile da crociera a propulsione nucleare, “Burevestnik”.

Ma i funzionari non hanno specificato il sistema coinvolto nel disastroso test di giovedì.

L’esplosione è stata seguita da un picco di radiazioni di 40 minuti a Severodvinsk, una città a 40 km a est di Nyonoksa, sul Mar Bianco.

Funzionari di Severodvinsk hanno detto che le radiazioni in città hanno raggiunto 2 microsievert all’ora, quindi sono tornate ai normali 0,11 microsievert. Entrambi i livelli sono troppo bassi per causare malattie da radiazioni.

Altri tre ingegneri sono rimasti feriti nell’esplosione e ora sono in ospedale. Esperti in Russia e in Occidente affermano che il test era molto probabilmente collegato al Burevestnik 9M730, che significa “petrel”, un tipo di uccello marino. Il presidente Vladimir Putin ha descritto il missile in un discorso al parlamento russo nel marzo 2018. La NATO gli ha dato la designazione SSC-X-9 Skyfall. Il prof. Mark Galeotti, un importante analista e ricercatore russo presso il Royal United Services Institute (Rusi), afferma che la propulsione nucleare pone enormi sfide tecniche. “C’è il rischio di avere un missile che sparge scarico radioattivo ovunque vada”.

Cosa si sa dell’esplosione?

I cinque ingegneri nucleari che sono morti erano esperti che conoscevano i rischi e avevano condotto test precedenti in “condizioni straordinariamente difficili”, ha detto Valentin Kostyukov, alto funzionario del Rosatom.

Dirige il centro nucleare di Sarov – una struttura segreta dell’era della guerra fredda responsabile dell’arsenale russo della bomba all’idrogeno.

I nomi degli scienziati

I nomi degli studiosi sono: Alexei Vyushin (designer e specialista di software); Yevgeny Korotayev (ingegnere elettrico senior); Vyacheslav Lipshev (capo del gruppo di test scientifici); Sergei Pichugin (ingegnere collaudatore); Vladislav Yanovsky (vicedirettore del dipartimento di sperimentazione scientifica).

Al funerale, il capo del Rosatom Alexei Likhachev ha affermato che “il modo migliore per ricordarli è quello di continuare il loro lavoro su nuovi tipi di armi, che saranno completate sicuramente“.

Inizialmente il ministero della difesa ha dichiarato che l’esplosione dell’8 agosto aveva coinvolto un motore a combustibile liquido.

Successivamente, Rosatom ha affermato che il test ha coinvolto una “sorgente di propellenti radio-isotopici” e si è svolto su una piattaforma offshore. Gli ingegneri avevano completato i test, ma all’improvviso è scoppiato un incendio e il motore è esploso, gettando gli uomini in mare, ha detto Rosatom.

Poco dopo l’esplosione, l’amministrazione Severodvinsk ha riportato un picco di 40 minuti di radiazioni in città e la notizia ha spinto la gente del posto a comprare scorte di iodio nelle farmacie.

Le pillole di iodio offrono una minima protezione dallo iodio radioattivo e sono diventate “famose” per il loro uso durante il disastro di Chernobyl del 1986. Prima del test, il ministero della difesa ha imposto una zona di sicurezza nella baia di Dvina, le acque a nord della gamma di test di Nyonoksa. La zona rimarrà chiusa alle spedizioni civili fino all’inizio di settembre.