Di Maio: troppo nervosismo nelle piazze

Di Maio: troppo nervosismo nelle piazze

Di Maio avverte “molto nervosismo” nel Paese e su Fb rivolge un appello a “tutte le forze politiche e anche all’ interno del governo:Basta slogan, basta polemiche, vogliamo lavorare”. “Alla Sapienza oggi sono tornate le camionette delle forze dell’ordine come non accadeva da tempo. C’è una tensione sociale palpabile, come non si avvertiva da anni. Sequestri di telefonini, persone segnalate, striscioni ritirati. Nelle piazze è tornata una divisione tra estremismi che non fa bene a nessuno”, ha scritto su Facebook.

«Questo è un appello che lancio a tutte le forze politiche e anche all’interno del governo. La politica deve occuparsi dei problemi degli italiani, deve dare risposte, non deve inseguire ogni polemica, non deve rincorrere media o tv. La politica deve fare le cose. Siamo stati eletti per questo», continua il vicepremier. Che poi ricorda i suoi tre punti che intende portare al tavolo dell’ultimo Consiglio dei ministri prima del voto sulle Europee. «Noi le stiamo facendo e domani parleremo di sanità, dicendo una cosa chiara: le nomine nella sanità devono basarsi sul merito e su nient’altro. Per troppo tempo sono state decise da politici che a tutto pensavano, tranne alla nostra salute — sostiene —. E annunceremo una cosa importante; il 15 maggio ci sarà il primo tavolo per stanziare un miliardo in favore delle famiglie italiane. C’è il salario minimo pronto, che fissa a 9 euro lordi la paga minima oraria per ogni lavoratore (dai camerieri ai magazzinieri)».


Articoli correlati

Bambini lasciati soli in macchina. Proposta di legge Meloni per contrastare il fenomeno

Ci sono stati casi, l’ultimo pochi giorni fa, che hanno portato alle cronache gli incidenti in cui vittime sono stati

Migranti: Ue, progressi ma tanto da fare

Al Consiglio europeo della settimana scorsa sono stati raggiunti dei “progressi ma resta molto da fare”. Così Margaritis Schinas, portavoce

Brexit. No a nuovo referendum. Rimpasto tra i Labour

La Gran Bretagna non tornerà per nessun motivo al voto. Impossibile dunque l’ipotesi di una nuova consultazione elettorale dopo lo