Decreto Genova fermo per le coperture finanziarie. Le reazioni politiche

Decreto Genova fermo per le coperture finanziarie. Le reazioni politiche

Il decreto legge sulle emergenze che comprende anche le norme per la ricostruzione del ponte Morandi di Genova è fermo al Ministero del Tesoro per la mancanza di coperture.

Il provvedimento è arrivato al Mef del tutto privo di coperture finanziarie: con i puntini di sospensione al posto delle cifre. La Ragioneria dello Stato ha dovuto quindi soffermarsi a lungo tra le righe del testo alla ricerca dei finanziamenti necessari. Un testo incompleto non si può bollinare e quindi a metà pomeriggio in Parlamento è trapelata la notizia che la Ragioneria generale dello Stato aveva bloccato il decreto. Pochi minuti ed ecco la «categorica» smentita di via XX Settembre: «La Ragioneria non ha bloccato il decreto, lo sta sbloccando».

Nessuna intenzione di stopparlo, assicurano gli spin doctor del Mef, anzi tutta la collaborazione possibile perché «vada in porto». Essendo arrivato negli uffici del ministero guidato da Giovanni Tria «in una versione molto incompleta», i tecnici sono al lavoro per valutare «attivamente» i costi delle singole voci e per individuare le possibili coperture. Dopodiché, prima di essere spedito al Colle dove il presidente Mattarella lo aspetta da giorni per il definitivo via libera, il decreto avrà ancora un po’ di strada da fare. Dovrà essere vagliato da Palazzo Chigi e dal ministero delle Infrastrutture, firmato dal capo dello Stato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Sui social le reazioni delle opposizioni all’attacco del governo

Gelmini (Fi): «M5S, una banda di dilettanti»

«Il decreto su Genova non solo non è ancora arrivato al Quirinale, come promesso ieri per l’ennesima volta dal premier Conte, ma a quanto si apprende al testo all’esame della Ragioneria generale dello Stato mancano la relazione tecnica e le coperture su molti articoli: dalla ricostruzione del ponte alle misure economiche per il rilancio della città. Toninelli e i suoi amichetti del Movimento 5 stelle si dimostrano ancora una volta una banda di dilettanti allo sbaraglio, buoni solo a fare annunci ai quali regolarmente poi non seguono i fatti». Lo afferma Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, che aggiunge: «La Ragioneria dovrà suggerire alcune ipotesi di coperture? Una roba da terza media, quando i primi della classe aiutavano i compagni impreparati passando bigliettini durante le verifiche. Basta con queste inaccettabili prese per i fondelli».


Articoli correlati

Intelligenza artificiale e blockchain: selezionati gli esperti

Si sono concluse le selezioni per i Gruppi di esperti di alto livello che insieme al Ministero dello Sviluppo Economico

Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple vuole investire un miliardo di dollari per creare contenuti audiovisivi originali nel 2018, entrando così in un campo per

Lampedusa. Il film con Claudio Amendola che racconta la tragedia

Sta per arrivare in televisione una nuova fiction prodotta da Rai Uno che avrà come protagonista principale il noto attore