Trizio Consulting

Decine di rapimenti di bambini in Nigeria

Decine di rapimenti di bambini in Nigeria
Trizio Consulting

Dozzine di scolari e personale scolastico sono stati rapiti da uomini armati nella Nigeria centro-settentrionale, l’ultimo di una serie di rapimenti nelle scuole superiori che hanno sconvolto gli stati settentrionali del paese più popoloso dell’Africa.

Gli uomini armati hanno preso d’assalto il Government Science College nel distretto di Kagara nello stato del Niger intorno alle 2 del mattino e hanno sopraffatto la sicurezza della scuola, uccidendo uno studente prima di portare studenti e personale nella tentacolare foresta di Rugu. “La situazione è molto grave … Sono stati rapiti circa 27 studenti, 3 dipendenti e 12 membri della loro famiglia“, ha detto Abubakar Sani Bello, governatore dello stato del Niger.

Le scuole in tutta la regione sono state chiuse e gli aerei di sorveglianza sono stati inviati per setacciare la foresta, mentre le forze di sicurezza cacciavano i dispersi a piedi.

Non c’è stata una rivendicazione immediata di responsabilità, ma gli analisti hanno affermato che i colpevoli erano probabilmente uno dei gruppi di banditi pesantemente armati che sono diventati sempre più potenti in aree del nord-ovest della Nigeria e non i gruppi jihadisti con sede nel nord-est.

La notizia arriva quando il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari ha tranquillamente dichiarato che secondo lui le insurrezioni del paese sono tecnicamente sconfitte ma ha ammesso che la nazione è in “uno stato di emergenza”. Il Paese, uno degli eserciti più forti dell’Africa e un forte alleato antiterrorismo degli Stati Uniti, sta lottando per contenere molteplici minacce: una ribellione jihadista di 10 anni e un crescente banditismo e illegalità che si sono trasformati in un conflitto di gruppi militanti sovrapposti.

Dopo mesi di critiche sulla crescente insicurezza negli stati settentrionali del paese, il mese scorso Buhari ha accettato con riluttanza di rimescolare i suoi capi militari.

Shehu Sani, un ex senatore che ha studiato a Kagara da ragazzo, ha detto che la sicurezza nella regione è diventata un disastro e che il rapimento per il riscatto è diventato un affare multimilionario. “Le zone rurali del nord-ovest sono ora virtualmente sotto il controllo di questi banditi”, ha detto.

Il rapimento arriva due mesi dopo che 344 ragazzi sono stati portati via da una scuola nella vicina Katsina, lo stato di origine di Buhari, e poi liberati dopo una settimana. Tre dei ragazzi rapiti hanno detto che i rapitori hanno detto loro che era stato pagato un riscatto per il loro rilascio. Funzionari governativi hanno negato di aver pagato un riscatto e hanno detto che i rapitori hanno rilasciato gli scolari perché i militari li avevano circondati.

La crescente insicurezza ha trasformato la pratica del rapimento a scopo di estorsione in un’industria in forte espansione e ha segnalato la crescente integrazione di criminalità e terrorismo nella regione.

“I pagamenti del riscatto sono diventati così normalizzati e istituzionalizzati che ora portano i segni distintivi di un’impresa legale, tranne che è più redditizio”, ha detto Bulama Bukarti, analista del terrorismo e editorialista del Daily Trust, il giornale più popolare della Nigeria settentrionale.

Secondo il Nigeria Security Tracker, compilato dal Council on Foreign Relations con sede a Washington, 114 persone sono state rapite dall’inizio di febbraio nel nord della Nigeria. Il rapimento a scuola nella regione di Kagara arriva pochi giorni dopo che 21 viaggiatori sono stati trascinati giù da un autobus e rapiti da banditi armati di mitragliatrici e granate. I rapitori hanno pubblicato un video che mostrava i loro ostaggi, comprese donne con bambini piccoli.

Gli ultimi incidenti sono avvenuti sei anni dopo il rapimento di 276 studentesse nella città di Chibok, nello stato nord-orientale del Borno, un rapimento che ha innescato la campagna globale #BringBackOurGirls . La protesta ha portato alla formazione della Safe Schools Initiative, che è sostenuta dall’ex primo ministro britannico Gordon Brown e ha raccolto oltre 30 milioni di dollari per proteggere le scuole.

Il numero di bambini che non vanno a scuola nel Paese è salito a più di 10,5 milioni, il più alto al mondo, secondo le Nazioni Unite. “Uno su cinque dei bambini che non vanno a scuola nel mondo è in Nigeria”, ha affermato l’agenzia in un recente rapporto.

Alcuni legislatori nigeriani hanno chiesto indagini sulla Safe Schools Initiative tra accuse di cattiva gestione, ma nessuna indagine è stata autorizzata dal governo.

Il rapimento di mercoledì segna il primo rapimento di massa in una scuola nello stato del Niger, adiacente alla capitale della Nigeria, Abuja.

Buhari, criticato per aver reagito lentamente ai precedenti rapimenti, ha inviato i capi militari del paese a coordinare un’operazione di salvataggio. In recenti rapimenti, i governatori e gli ufficiali di sicurezza hanno cercato di negoziare con i rapitori per evitare vittime piuttosto che avviare operazioni di salvataggio potenzialmente rischiose.

“Le agenzie di sicurezza sono già sul campo e stanno lavorando per vedere come gli studenti possono essere rilasciati”, ha detto Mary Noel Barje, addetta stampa del governatore dello stato della Nigeria.