Coronavirus. Spagna, 6.528 morti

Coronavirus. Spagna, 6.528 morti

La Spagna si è svegliata alla sua terza settimana con un blocco alla circolazione quasi totale, mentre il governo si è riunito per approvare un rafforzamento delle misure e il bilancio delle vittime del coronavirus è aumentato di 838 casi durante la notte per un totale di 6.528.

Seconda solo all’Italia per numero di vittime, anche la Spagna ha visto le infezioni salire a 78.797 da 72.248 del giorno prima.

Il primo ministro Pedro Sanchez, in un discorso televisivo alla nazione sabato sera, ha annunciato che tutti i lavoratori non essenziali devono rimanere a casa per due settimane, l’ultima misura del governo nella lotta contro il coronavirus.

Ha detto che i lavoratori avrebbero ricevuto i loro soliti stipendi ma avrebbero dovuto recuperare ore perse in un secondo momento. La misura sarebbe durata dal 30 marzo al 9 aprile.

I sindacati hanno accolto con favore le misure e i gruppi aziendali CEOE e CEPYME hanno affermato che, pur rispettandola la nuova norma, “genererà un impatto enorme senza precedenti sull’economia spagnola, in particolare in settori come l’industria“.

Il rallentamento “potrebbe portare a una crisi più profonda nell’economia che potrebbe diventare sociale“, hanno avvertito in una nota.

A Madrid, c’è un silenzio quasi irreale sulle strade deserte mentre la polizia rinforzava le pattuglie, fermando autobus e macchine per controllare che i passeggeri avessero ragione di uscire dalle loro case.

Scuole, bar, ristoranti e negozi che vendono articoli non essenziali sono stati chiusi dal 14 marzo e la maggior parte della popolazione è costretta a rimanere a casa mentre la Spagna cerca di frenare il virus.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.