Trizio Consulting

Coronavirus: la Germania aggiunge la Croazia all’elenco di quarantena

Coronavirus: la Germania aggiunge la Croazia all’elenco di quarantena
ilBuonsenso

La Germania ha aggiunto le regioni costiere croate di Sibenik-Knin e Split-Dalmatia all’elenco delle aree “ad alto rischio”, il che significa che tutti i viaggiatori devono sottoporsi a test e una quarantena di 14 giorni all’arrivo nel paese.

Questa decisione è stata presa dopo che la Germania ha annunciato giovedì 1.707 nuovi casi COVID nelle 24 ore precedenti, il numero più alto dalla fine di aprile.

L’ultimo aumento porta il numero totale di infezioni nel paese a 228.621 dall’inizio della pandemia. Si sa anche che altre 10 persone sono morte a causa di COVID-19, portando il bilancio delle vittime del paese a 9.253.

La Germania è stata ampiamente vista come un modello per contenere il virus in Europa, in parte a causa di una politica precoce, aggressiva, di test e tracciamento. Ma come nella maggior parte dei paesi dell’Unione europea, nelle ultime settimane è stato osservato un aumento delle infezioni.

Il Robert Koch Institute (RKI), l’agenzia di sanità pubblica che compila il numero COVID-19 in Germania, afferma che il numero di nuovi casi segnalati quotidianamente è in aumento dal 20 luglio.

Mercoledì, ha valutato il tasso di incidenza cumulativo di sette giorni COVID-19 a 9,3 casi per 100.000 abitanti. Il 12 agosto era a 7.0.

“Questo sviluppo è molto preoccupante e in aumento nella dinamica. Un ulteriore peggioramento della situazione deve essere evitato”, ha scritto RKI nel suo rapporto quotidiano.

Ha segnalato che l’età media dell’infezione è diminuita e che l’incidenza nei gruppi di età più giovane è aumentata ed è ora “molto più alta” che nei gruppi di età più avanzata.

“Da un lato è necessario fermare l’aumento delle fasce di età più giovani, dall’altro è necessario prevenire la trasmissione nei gruppi più anziani e vulnerabili. Non appena il numero di infezioni aumenta tra gli anziani, i ricoveri e il numero di probabilmente aumenteranno anche le morti “, ha avvertito.

L’ondata di casi ha portato il governo federale a inserire tutta la Spagna – ad eccezione delle Isole Canarie – così come vaste aree dei Balcani nella sua lista di aree ad alto rischio.

Queste destinazioni sono particolarmente apprezzate dai vacanzieri tedeschi.

Il cancelliere Angela Merkel ha detto all’inizio di questa settimana che “una maggiore mobilità e contatti stanno portando a un aumento del numero di casi” e ha sottolineato che le priorità per il governo federale sono “mantenere la vita economica e abilitare scuole e asili nido”.

La pandemia ha devastato l’economia globale. Il prodotto interno lordo (PIL) tedesco è diminuito di un record del 10,1% nel secondo trimestre rispetto al precedente, la più grande contrazione mai registrata nel paese.

La Commissione UE prevede che la zona euro si contrarrà dell’8,7% quest’anno.