Il Congo non si ferma. Le miniere vanno avanti

Il Congo non si ferma. Le miniere vanno avanti

Il ministro delle miniere della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato che i possibili fermi delle miniere a causa della pandemia di COVID-19 scatenerebbero una crisi economica e sociale “catastrofica” nel paese, al momento le esportazioni hanno avuto un calo del 15% per il cobalto nel primo trimestre.

Le esportazioni di cobalto sono crollate del 15,2% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso mentre le esportazioni di rame sono aumentate del 12,8% su base annua. Il Congo è il più grande produttore al mondo di cobalto, un metallo usato nelle batterie.

La RDC non sarebbe in grado di resistere a una brusca interruzione della produzione mineraria dei progetti di punta “, ha scritto Samsoni nel promemoria.

Tra le compagnie minerarie nella zona meridionale del Congo si trovano la consociata Glencore Katanga Mining, la Tenke Fungurume China Molybdenum, la MMG, la Ivanhoe e la Chemaf.

I progetti minerari in fase di sviluppo e pianificati per il 2020-2021, come il progetto della miniera di rame Kamoa-Kakula di Ivanhoe, saranno probabilmente posticipati a causa dei prezzi bassi, ha predetto Samsoni.

Un portavoce di Ivanhoe ha rifiutato di commentare, riferendo a che dal 2 aprile hanno bloccato il sito di Kamoa-Kakula con tutto il personale chiave in loco.

Ciò doveva garantire la continuità operativa e ridurre al minimo l’impatto dell’epidemia sul programma di sviluppo, ha affermato nella nota.