Cagliari: il tecnico Zeman lascia

Cagliari: il tecnico Zeman lascia

Brutte notizie per i numerosi tifosi del Cagliari. Zeman lascia la squadra. In una nuvola di delusione e amarezza, senza però alcuna vena di rabbia. Il tecnico boemo non ha però cercato o accampato scuse, nonostante il blitz degli ultrà, durante il ritiro di Assemini di venerdì, gliene avesse servito molte. “Ringrazio la Sardegna per l’accoglienza, ma lascio – ha detto – perché non mi sento utile in questo momento: le prestazioni di queste settimane non sono state pari al calcio che ho sempre pensato di proporre”, questa la sua motivazione durante la sua ultima conferenza stampa.

Nel salutare la squadra, Zeman, ha assicurato di non essere stato tradito da nessuno e che le sue dimissioni non sono legate a quanto accaduto venerdì scorso, anche se in merito a quella vicenda è stato chiamato a depositare la sua versione in questura. Nel chiudere il suo discorso di addio, un messaggio di augurio e speranza, rivolto a giocatori e tifosi: “Questa squadra non è scarsa, lo ha dimostrato a Empoli e Milano. Ce la può fare”

Per quanto riguarda la sua sostituzione, non sarà un problema. La società ha già pronti due allenatori, ex giocatori: David Suazo e Gianluca Festa, i cui nuovi incarichi sono già stati resi noti e ufficializzati. Due nomi già conosciuti quindi: Suazo collaborò con Ivo Pulga durante lo scorso campionato, mentre Festa allenò il cagliari nella stagione 2009-2010 insieme a Melis.

 


Articoli correlati

Champions: Chiellini infortunato non giocherà con il Barca

Roma, 4 giugno – Il difensore della Juventus, Giorgio Chiellini, non disputerà la finale di Champions League di Berlino, contro

Cessioni di unità navali alla Libia. Ecco gli accordi stipulati

Il Trattato di Amicizia, partenariato e cooperazione tra la Repubblica italiana e la Grande Giamahiria libica popolare socialista firmato a

Renzi: bisogna combattere gli schiavisti

In vista del consiglio europeo straordinario, previsto per domani, il nostro presidente del Consiglio si esprime sul bisogno politico  di