Trizio Consulting

Il bilancio delle vittime del coronavirus spagnolo supera quello cinese

Il bilancio delle vittime del coronavirus spagnolo supera quello cinese

Il bilancio delle vittime di coronavirus in Spagna è balzato a 738 in una notte ed ha superato quella della Cina, dove ha avuto origine la malattia, mentre il paese ha lottato per far fronte a un’accelerazione della crisi sanitaria.

Con 3.434 morti, la Spagna ha ora il secondo numero più alto di decessi a livello globale dopo i 6.820 italiani. Le case di cura in tutto il paese sono state travolte da casi e una pista di pattinaggio a Madrid è stata trasformata in un obitorio di fortuna.

Mercoledì la polizia ha sorvegliato la pista di pattinaggio della Palacio de Hielo, di solito un luogo popolare per le feste di compleanno dei bambini, mentre arrivavano all’edificio carrozze e ambulanze.

Grandi viali a Madrid e Barcellona erano praticamente deserti, così come le città e i villaggi di tutta la Spagna, mentre le autopompe e i trattori spruzzavano disinfettante per pulire le strade.

Le autorità hanno iniziato a eseguire test di massa per i lavoratori pubblici in un quartiere fieristico requisito a Madrid, una delle regioni più colpite.

Il personale medico spagnolo, che a sua volta rappresenta migliaia di casi infetti, ha avviato azioni legali contro il governo, lamentando la mancanza di dispositivi di protezione di base come maschere, scrub e guanti.

L’esercito spagnolo ha chiesto alla NATO ventilatori, equipaggiamento protettivo e kit di collaudo, ha detto il capo delle forze armate Miguel Villarroya.

Il governo ha ordinato che vengano consegnate maschere, guanti, kit di test e ventilatori per un valore di 432 milioni di euro nelle prossime otto settimane, con il primo grosso lotto atteso questa settimana, ha dichiarato il ministro della Salute Salvador Illa.

In un esempio di come le aziende stanno cambiando le linee di assemblaggio per produrre prodotti medici, una fabbrica di scarpe nel nord della Spagna è passata alla realizzazione di semplici maschere protettive, prima per il proprio personale e poi per la distribuzione.

Ora stiamo lavorando duramente per creare qualcosa di un po’ più sofisticato per raggiungere un uso medico“, ha detto a Reuters Basilio Garcia, amministratore delegato della fabbrica di scarpe Callaghan.

La Spagna è al suo giorno 11 di un blocco nazionale di 15 giorni che probabilmente verrà esteso a 30 giorni. Scuole, bar, ristoranti e la maggior parte dei negozi sono chiusi. Le riunioni sociali sono vietate. Le persone sono confinate nelle loro case.

Abbiamo raggiunto una riduzione pressoché totale dei contatti sociali”, ha dichiarato il capo dell’emergenza sanitaria Fernando Simon in una conferenza stampa, aggiungendo che la Spagna si stava avvicinando al picco dell’epidemia.

Tuttavia, il tasso di infezione è ancora in aumento con il numero di casi di coronavirus che aumenta di un quinto in 24 ore a 47.610 di mercoledì.

A parte il devastante impatto sulla salute, il blocco ha inferto un duro colpo all’economia spagnola, con decine di migliaia di lavoratori temporaneamente licenziati mentre settori come la vendita al dettaglio, il turismo e l’industria manifatturiera si fermano.

All’aeroporto di Malaga, nel sud della Spagna, una porta di accesso alla regione turistica della Costa del Sol, migliaia di viaggiatori hanno atteso voli verso casa, molti dormendo sui sedili o sul pavimento.

La Banca di Spagna ha dichiarato mercoledì che si sono verificate gravi perturbazioni dell’economia dall’inizio di marzo e una forte contrazione della spesa per consumi.