ArcelorMittal un calo del 60% nella redditività

ArcelorMittal un calo del 60% nella redditività

ArcelorMittal, multinazionale dell’acciaio salita alle cronache per l’affare Ilva, sta patendo un doppio colpo con proiezioni di ricavi in calo e margini inferiori. Si prevede che la redditività dell’azienda diminuirà di oltre il 60% in un anno, l’agenzia Trefis prevede che il reddito netto scenderà da 5,15 miliardi di dollari nel 2018 a 1,85 miliardi nel 2019, traducendosi in un margine di reddito netto del 2,5% nel 2019, significativamente inferiore a il 6,8% registrato nel 2018.

Il deterioramento delle sue finanze è probabilmente guidato da un calo dei prezzi dell’acciaio, a seguito della guerra commerciale USA-Cina e dal rallentamento della crescita economica globale, insieme a prezzi più alti del minerale di ferro, che dovrebbero ulteriormente mangiare i margini dell’azienda.

È stato un anno piuttosto difficile per le aziende siderurgiche, poiché le politiche protezionistiche negli Stati Uniti e dell’UE non hanno fatto molto per sostenere prezzi e domanda in calo. Ci sono comunque diverse differenze tra aziende ed aziende, ad esempio Steel Dynamics e Nucor hanno fatto meglio di ArcelorMittal fino ad ora. Gli analisti si aspettano ormai che ArcelorMittal riporti un brutto terzo trimestre, e non ci sono possibilità che il quarto trimestre sia molto meglio. Il pensiero di molti esperti è che il business di ArcelorMittal stia andando a fondo. Il gigante mondiale dell’acciaio potrebbe vedere una crescita dell’EBITDA (l’EBITDA può essere utilizzato per calcolare il risultato operativo di un’azienda) a due cifre nel 2019 e una crescita a una cifra nel 2020 e nel 2021, sebbene il rischio di recessione sia in Nord America che in Europa sia ancora un fattore di rischio significativo.

Prezzi dell’acciaio problematici

I prezzi dell’acciaio sono stati problematici per tutto l’anno, e i prezzi delle bobine laminate a caldo degli Stati Uniti in calo del 26% da inizio anno, non fanno prevedere nulla di ottimistico. Produttori come ArcelorMittal, Nucor e Steel Dynamics hanno avuto difficoltà a tenere gli aumenti di prezzo annunciati all’inizio dell’estate, e i risultati sono stati contrastanti. Sebbene parte dell’aumento dei prezzi abbia resistito (negli Stati Uniti sono aumentati di circa il 9% negli ultimi tre mesi), i prezzi sono calati più di recente (un calo a metà di settembre), e sia Nucor che Steel Dynamics hanno annunciato obiettivi inferiori del terzo trimestre (rispetto alle stime medie sul lato vendita) ed entrambi hanno accusato di questa situazione i prezzi ribassati.

La domanda è diminuita, aziende come Nucor hanno continuato a riaffermare le tendenze di buoni affari nell’edilizia non residenziale, ma mercati come automobili, macchinari pesanti, produzione pesante e così via si sono indeboliti. In quanto azienda siderurgica globale che genera poco meno della metà delle sue entrate dall’Europa, il Nord America è solo una parte del puzzle di ArcelorMittal. Sfortunatamente, il mercato europeo non ha una situazione migliore. I prezzi a caldo sono scesi di circa il 17% da inizio anno in Germania, e la tendenza si è accentuata di recente. Anche l’acciaio per lastre, in genere uno dei più pregiati tipi di acciaio non trattato, si è indebolito di prezzo, sebbene non allo stesso ritmo che negli Stati Uniti. Con le economie chiave europee come la Germania che sembrano più deboli, non si può credere che i recenti cambiamenti alle quote dell’UE faranno molto di più che compensare la macro debolezza.

I problemi con Ilva

L’azienda sta ora facendo una dura contrattazione con l’Italia da cui si vuole da tempo sfilare. Principale lamentela di ArcelorMittal, che molti ritengono solo una scusa, è che il governo ha rimosso uno scudo legale preesistente che gli garantiva l’immunità dall’accusa per i rischi ambientali mentre stava effettuando il risanamento a Taranto.

Lo scudo è stato introdotto nel 2015 quando lo Stato ha assunto la responsabilità e ha dato l’immunità legale agli allora manager e ai futuri acquirenti mentre hanno implementato “le migliori norme preventive in materia ambientale”.

Perché è così importante lo scudo penale?

Le norme ambientali sono state ignorate nel sito per decenni, lasciando Taranto esposta a inquinanti altamente tossici. Un rapporto redatto da un gruppo di esperti medici ha rilevato che tra il 2005 e il 2012, oltre 3.000 decessi sono direttamente collegati all’esposizione agli inquinanti.

ArcelorMittal afferma che non può correre il rischio di azioni legali legate all’inquinamento prima che abbia avuto la possibilità di chiarire i le problematiche e rendere sicuro il sito. Secondo ArcelorMittal però ci sono altri problemi. Un ordine del magistrato di luglio renderà inattiva una delle tre fornaci operative a Taranto a seguito dell’incidente mortale del 2015 questo, secondo l’azienda significa il non poter più attuare il piano industriale.

Un’ordinanza del tribunale a settembre ha annullato la richiesta di luglio e ha concesso all’azienda 90 giorni per rendere la fornace conforme alle norme di sicurezza. ArcelorMittal ha affermato di aver bisogno di più tempo per completare la revisione desiderata.

Cosa fa il governo?

Il primo ministro Giuseppe Conte afferma che l’immunità non faceva parte dell’accordo di acquisto, quindi non può essere utilizzata come motivo per recedere dall’accordo. 5Stelle affermano che ArcelorMittal sta cercando una scusa per fuggire dall’Italia in un momento di debolezza nei mercati globali dell’acciaio. Ilva ha registrato una perdita dell’EBITDA di circa 350 milioni di dollari nella prima metà del 2019. ArcelorMittal ha ridotto la sua produzione in Europa incolpando la domanda debole e le elevate importazioni. I critici dicono che sarebbe quindi nell’interesse dell’azienda se Taranto fosse chiusa. ArcelorMittal lo nega, dicendo che mirava a rendere Taranto il sito più economico d’Europa. Se ArcelorMittal si ritira, il caso finirà in tribunale. Nel frattempo, il governo dovrebbe riprendere il sito e presumibilmente cercare un nuovo acquirente o nazionalizzarlo. La coalizione dovrebbe anche affrontare un enorme contraccolpo politico.

Alessandro Trizio

Alessandro Trizio

Consulente Senior di diritto sul web e analisi informatiche forensi. E' direttore del reparto di bonifica reputazionale e crisis management.

Fact-Checking
20di 5

5

5 di 5
Eccellente