L’Amazzonia sta bruciando perché il mondo mangia troppa carne

L’Amazzonia sta bruciando perché il mondo mangia troppa carne

Gli incendi nella foresta pluviale amazzonica iniziano a costituire una “crisi internazionale”, ma non sono certo un incidente.

La stragrande maggioranza degli incendi è stata provocata da taglialegna e allevatori per liberare la terra per il bestiame. La pratica è in aumento, incoraggiata da Jair Bolsonaro, presidente pro-business populista brasiliano, che è sostenuto dal cosiddetto “caucus di manzo” del paese.

Mentre questo può essere un affare per i coltivatori di carne brasiliani, il resto del mondo guarda con orrore gli avvenimenti.
Quindi, per coloro che si chiedono come potrebbero aiutare a salvare la foresta pluviale, nota come “i polmoni del pianeta” che produce circa il 20% dell’ossigeno del mondo, la risposta è semplice. Mangia meno carne.

È un’idea che la Finlandia ha già esposto. Il ministro delle finanze finlandese ha chiesto all’Unione europea di “rivedere urgentemente la possibilità di vietare le importazioni di carne di manzo brasiliana“.
Il Brasile è il più grande esportatore mondiale di carne bovina, fornendo quasi il 20% delle esportazioni globali totali, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti una cifra che potrebbe aumentare nei prossimi anni.

L’anno scorso il Brasile ha spedito 1,64 milioni di tonnellate di carne bovina, il volume più alto della storia, generando ricavi per 6,57 miliardi di dollari.

La Cina e Hong Kong trainano le esportazioni

La crescita del settore delle carni bovine brasiliane è stata trainata in parte dalla forte domanda proveniente dall’Asia, principalmente dalla Cina e da Hong Kong. Questi due mercati rappresentavano da soli quasi il 44% di tutte le esportazioni di carne bovina dal Brasile nel 2018.

E un accordo commerciale concluso a giugno tra il blocco di paesi del Mercosur in Sud America e l’Unione Europea potrebbe aprire ancora più mercati per l’industria del confezionamento di carni bovine in Brasile.
Parlando dopo l’accordo il capo di Abiec, Antônio Camardelli, ha affermato che il patto potrebbe aiutare il Brasile ad accedere a potenziali nuovi mercati, come l’Indonesia e la Thailandia, aumentando nel contempo le vendite con partner esistenti, come l’UE.

Una volta attuato, l’accordo solleverà un prelievo del 20% sulle importazioni di carne bovina nell’UE.
L’Irlanda però ha dichiarato di essere pronta a bloccare l’accordo a meno che il Brasile non abbia preso provvedimenti in Amazzonia.
Il Primo Ministro irlandese Leo Varadkar ha descritto come “Orwelliano” il tentativo di Bolsonaro di incolpare degli incendi i gruppi ambientalisti. Varadkar ha affermato che l’Irlanda monitorerà le azioni ambientali del Brasile per determinare se bloccare l’accordo con il Mercosur.

A giugno l’Irish Farmers Association ha invitato l’Irlanda a non ratificare l’accordo, sostenendo che le sue condizioni avrebbero svantaggiato gli allevatori di carni bovine europei.

Secondo le previsioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), l’industria della carne bovina brasiliana dovrebbe continuare ad espandersi, sostenuta da risorse naturali, disponibilità di prati e domanda globale .
E con quella crescita arrivano i costi ambientali.
Il centro di ricerca spaziale brasiliana (INPE) ha dichiarato questa settimana che il numero di incendi in Brasile è superiore dell’80% rispetto allo scorso anno. Più della metà si trova nella regione amazzonica, causando disastri per l’ambiente locale e l’ecologia.
Alberto Setzer, scienziato dell’INPE, ha dichiarato alla CNN che la combustione può variare da una pratica agricola su piccola scala a una nuova deforestazione per progetti di industria agroalimentare meccanizzata e moderna.

Gli agricoltori attendono fino alla stagione secca per iniziare a bruciare e sgombrare le aree in modo che il loro bestiame possa pascolare, ma la distruzione di quest’anno è stata senza precedenti. Gli attivisti ambientalisti danno la colpa a Bolsonaro, che secondo loro ha incoraggiato allevatori, agricoltori e taglialegna a sfruttare e bruciare la foresta pluviale come mai prima d’ora con un senso di impunità.

Bolsonaro ha respinto le accuse di responsabilità per gli incendi, ma sembra che sia in atto un chiaro cambiamento.
E se salvare la foresta pluviale non è abbastanza per convincere a smettere di mangiare carne di manzo brasiliana, potrebbero esserlo le emissioni di gas serra che il bestiame crea.

La carne bovina è responsabile del 41% delle emissioni di gas serra del bestiame e il bestiame rappresenta il 14,5% delle emissioni globali complessive. E il metano è 25 volte più potente dell’anidride carbonica.
Un rapporto allarmante pubblicato lo scorso anno dal rapporto del Centro intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC), afferma che il cambiamento delle nostre diete potrebbe contribuire al 20% dello sforzo necessario per impedire alle temperature globali di salire di 2° C al di sopra dei livelli preindustriali. Vale a dire, mangiare meno carne.

Tuttavia, il consumo globale di carne bovina dovrebbe aumentare nel prossimo decennio secondo le proiezioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).
Un rapporto congiunto ha previsto che la produzione globale aumenterà del 16% tra il 2017 e il 2027.
La maggior parte dell’espansione avverrà nei paesi in via di sviluppo, come il Brasile.