250.000 siriani fuggono verso la Turchia

250.000 siriani fuggono verso la Turchia

Il presidente Tayyip Erdogan ha detto giovedì che fino a 250.000 migranti fuggono verso la Turchia dalla regione di Idlib nord-occidentale della Siria dopo settimane di rinnovati bombardamenti da parte delle forze governative russe e siriane.

La Turchia ospita già circa 3,7 milioni di rifugiati siriani, la più grande popolazione di rifugiati nel mondo, ed Erdogan ha affermato di aver preso provvedimenti con qualche difficoltà per impedire a un’altra ondata di attraversare il suo confine.

Con l’inverno che sta peggiorando e una crisi crescente, le Nazioni Unite hanno dichiarato che circa 284.000 persone sono fuggite dalle loro case. Fino a 3 milioni di persone vivono a Idlib, l’ultima fascia di territorio detenuta dai ribelli dopo la guerra civile di quasi nove anni della Siria.

In questo momento, da 200.000 a 250.000 migranti si stanno muovendo verso i nostri confini“, ha detto Erdogan ad una conferenza ad Ankara. “Stiamo cercando di prevenirli con alcune misure, ma non è facile. È impossibile non aiutarli

Città e villaggi sono stati colpiti da attacchi russi e da artiglieria siriana da un rinnovato assalto del governo il mese scorso, nonostante un accordo firmato lo scorso settembre dai leader di Turchia, Russia e Iran per allentare le tensioni.

Almeno otto persone, tra cui cinque bambini, sono state uccise nella città di Idlib quando l’esercito siriano ha lanciato missili che hanno colpito un rifugio per famiglie sfollate.

In un rapporto, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha affermato che la città di Maarat al-Numan e la campagna circostante “sono quasi vuote”.

Lo spostamento durante l’inverno sta ulteriormente esacerbando la vulnerabilità delle persone colpite. Molti di coloro che sono fuggiti hanno un urgente bisogno di sostegno umanitario, in particolare i servizi di riparo, cibo, salute, non alimentari e svernamento ”, ha affermato l’OCHA.

Gli sfollati stanno fuggendo verso la Turchia, altre parti del nord Idlib o verso altre aree nel nord della Siria come Afrin e al-Bab che la Turchia aveva sequestrato in precedenti operazioni militari transfrontaliere.

Il presidente siriano Bashar al-Assad, sostenuto da Russia e Iran, ha promesso di riconquistare Idlib. La Turchia ha sostenuto per anni i ribelli siriani che lottano per estromettere Assad.

Erdogan ha dichiarato che il mese scorso il suo Paese non è stato in grado di gestire una nuova ondata di migranti dalla Siria, avvertendo l’Europa che subirà l’impatto di un tale afflusso se i bombardamenti non saranno fermati.

Mosca e Damasco negano entrambe le accuse di bombardamento indiscriminato di aree civili e affermano che stanno combattendo i militanti islamisti ispirati ad al Qaeda. Tuttavia, i loro progressi aumentano anche la pressione sulla Turchia, che ha 12 posti militari nell’area.