Come creare annunci Facebook che vendono. Esempi pratici | ExpoitalyOnline

Come creare annunci Facebook che vendono. Esempi pratici

Come creare annunci Facebook che vendono. Esempi pratici

Come creare annunci Facebook che vendono? La domanda e gli esempi pratici sono decisamente importanti, perchè secondo Hubspot, il numero di aziende che considera Facebook come un fattore chiave del loro business è aumentato del 75%. Perché?

Perché Facebook ha un totale di 1,44 miliardi di utenti attivi al mese. Ci sono cioè 1,44 miliardi di possibilità di pubblicizzare il vostro prodotto e indirizzare potenziali clienti verso la vostra landing page. Non importa che il vostro cliente target sia una mamma casalinga o un amministratore delegato: è probabile che ogni giorno si connettano ai loro account di Facebook. Questa è la ragione principale per cui su Facebook ci sono 30 milioni di aziende con pagine attive.

Come creare annunci Facebook che vendono. Esempi pratici

Le aziende usano la loro pagina Facebook, tra le altre cose, per aggiornare i clienti sull’uscita dei loro prodotti, sulle novità in arrivo e persino su concorsi sponsorizzati a tema.Ma postare su Facebook non è abbastanza per far arrivare sulla vostra landing page i potenziali clienti: qui entrano in gioco le ads (gli annunci) ottimizzati. In questo post vogliamo sviscerare per voi l’argomento degli annunci su Facebook: vi mostreremo come impostare un annuncio e qualche esempio di ads di successo.

Cosa sono gli annunci di Facebook?

Gli annunci Facebook offrono uno strumento potente e unico per raggiungere i propri clienti ideali. Con gli ads, potete raggiungere le persone filtrando per luogo, età, genere, interessi e molto altro. Inoltre, avete accesso a strumenti per analizzare la performance delle vostre ads e quindi migliorarle.

Cominciate decidendo un budget. Facebook ha un sistema di aste dove potete offrire una cifra per far sì che il vostro annuncio venga mostrato al pubblico che preferite. Queste offerte sono basate sul costo per click (CPC) o sul costo per impressioni (CPI) del vostro annuncio. Facebook vi dà anche la possibilità di interrompere la vostra campagna in qualsiasi momento. Le vostre ads appaiono davanti al pubblico sia sul telefonino che sullo schermo del computer. Potete mostrare le vostre ads nel newsfeed dei vostri clienti o nella colonna sulla destra.

Posizione delle Facebook Ads

Una volta che avete impostato il target dei vostri annunci e deciso un budget, potete cominciare a creare il vostro annuncio.

Creare un annuncio Facebook che vende. Le regole

Un annuncio Facebook ottimale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche per generare il maggior numero di clienti:

Deve avere immagini

Non create un annuncio di solo testo. Rendetelo visuale con un’immagine pertinente e accattivante. L’immagine principale del vostro annuncio dovrebbe far sentire qualcosa al vostro visitatore. Se siete in dubbio, usate un primo piano: persone sorridenti o animali felici funzionano sempre (sul serio, questo trucco funziona, indipendentemente dalla pertinenza dell’immagine).

Provate anche a usare più di una foto nei vostri annunci. Facebook mostrerà versioni differenti del vostro annuncio a persone diverse e potrete rendervi conto di quale foto ottiene la CTR (click-through rate, ovvero percentuale di clic) più alta. Pensate a questo sistema come a un test A/B di Facebook.

Dev’essere pertinente

Volete che la vostra ad abbia successo sui social network? Fate in modo che sia pertinente. Se non lo è, rischia di non ottenere un buon punteggio con il recente sistema introdotto da Facebook per calcolare la pertinenza di un annuncio. Facebook afferma che il punteggio di pertinenza è calcolato sulla base dei feedback positivi o negativi che un annuncio genera nel pubblico target.

Facebook Ads: Punteggio di pertinenza

Più Facebook registra feedback positivi, più alto sarà il punteggio di quell’annuncio (gli indicatori positivi possono variare in base agli obiettivi dell’ad ma possono includere visualizzazioni video, conversioni, ecc.). Più ne riceve di negativi, minore sarà il punteggio dell’ad. Il punteggio varia da 1 a un massimo di 10. Più la vostra immagine, il vostro testo, il vostro pulsante della call to action (CTA) e la vostra landing page sono pertinenti per il vostro pubblico target, più alto sarà il vostro punteggio.

Deve comunicare subito qualcosa che vi distingua

Per fare in modo che i visitatori clicchino sulla vostra offerta, dovete creare un titolo irresistibile. Lavorate su ciò che vi distingue o che dà un valore aggiunto rispetto alla concorrenza, all’interno del titolo, per far sapere fin da subito ai vostri clienti qual è il valore aggiunto del vostro prodotto o servizio.

Nelle vostre headline potete anche aggiungere una riprova sociale. Per esempio, se il vostro prodotto è un software di help desk, invece di dire “Questo è il miglior software helpdesk” (che non suona molto credibile), provate ad arricchire la vostra headline con un “Il cliente XY ha venduto il 20% di biglietti in più con il nostro software helpdesk”.

L’annuncio avere un pulsante call to action chiaro

Senza un chiaro pulsante che inviti all’acquisto o all’azione, state abbandonando il vostro visitatore a se stesso, perché non sa cosa fare. Una buona idea è aggiungere al pulsante un senso di urgenza per aumentare la vostra percentuale di clic.  Ad esempio, potreste usare un testo del tipo: “Compra ora e avrai il 20% di sconto” oppure “L’offerta prova gratis’ scade oggi”.

Esempi pratici di annunci Facebook corretti

NatureBox

Facebook Ads di NatureBox

L’immagine dell’ad è effettivamente stuzzicante, con l’etichetta “prova gratis”: sai subito cosa otterrai cliccandoci sopra. Il titolo contiene subito il valore aggiunto del prodotto: snack deliziosi in consegna ogni mese. Il testo indica il prezzo della consegna e informa il visitatore che può avere 5 snack in omaggio – cosa che è un’ottima idea. Questa ad funziona al 100%.

Jetsetter

Facebook Ads di Jetsetter

Il titolo dice da subito al visitatore cosa andrà ad ottenere cliccando sull’annuncio e cioè un risparmio del 40% sugli hotel di lusso nella prossima vacanza. È un’offerta a cui molte persone non sapranno dire di no. L’immagine ritrae una tranquilla stanza di un hotel di lusso, cosa che aiuta il visitatore a visualizzare come sarà la sua prossima vacanza. Vuoi una vacanza di stile nell’isola di Santorini? Clicca qui e l’avrai.

OutBound Engine

Facebook Ads di OutBound Engine

La headline è chiara e va dritta al punto. Automatizza il tuo marketing e passa il resto del tempo a rilassarti. L’immagine della donna che si rilassa in piscina rinforza il messaggio. Il testo spiega perché avete bisogno di automatizzare il vostro marketing, mentre il pulsante della call to action vi dice che cliccandoci sopra avrete più informazioni sul servizio. Questo è un esempio di ad Facebook efficace.

Ora sapete come creare un annuncio Facebook che funzioni, ma non finisce qui. Dovete collegare il vostro annuncio Facebook a una landing page ottimale. Per questo potete leggere un’altra guida che vi aiuterà ad arricchire il vostro sito/landing page con alcuni elementi che aumentano drasticamente i risultati.

Francesco Salassa

Francesco Salassa

Vivo nel senese con tre gatti ma sono originario della Val Grande (per chi non lo sapesse, è l’area più selvaggia d’Europa). Il magnifico mondo dei freelance mi ha aperto le sue porte nel 2009, quando ho cominciato a collaborare con un giornale locale. Ora, anche volendo, non potrei più uscirne - ma forse è un bene.


Articoli correlati

Ecco cosa i giovani nativi digitali si aspettano da voi nei Social network

Il grande enigma di questi giorni è come il marketing e gli inserzionisti possono ricorrere attivamente alla fascia cosiddetta “nativi digitali”.

Le Keywords nei meta tag. Google le considera ancora?

Le Keywords inserite nei meta tag. Google le considera ancora ai fini del posizionamento fra i risultati? Una volta erano considerate

E-Commerce. Ridurre e recuperare i carrelli abbandonati

Per la maggior parte dei venditori e di e-commerce, la domanda è: come azzerare i carrelli abbandonati? non c’è niente