Il Vaticano ammette: linee guida per preti con figli

Il Vaticano ammette: linee guida per preti con figli

Il Vaticano ha delle linee guida segrete per i preti che hanno figli, nonostante i loro voti di celibato. Vincent Doyle, il fondatore di un gruppo di sostegno per i figli dei sacerdoti, ha detto ai giornali americani che un funzionario del Vaticano gli ha mostrato le istruzioni confidenziali.

Doyle ha detto che sta spingendo la Chiesa a sostenere pubblicamente quei bambini, che spesso crescono vivendo nella vergogna e nella segretezza. 

Sarah Thomas è una di quei bambini. Ha detto Doyle che è la prova che i sacerdoti a volte infrangono i loro voti alla Chiesa, che per quasi nove secoli ha proibito ai suoi ecclesiastici di fare sesso e contrarre matrimonio.

A mia madre era stato detto di tenerlo segreto dalla Chiesa“, ha detto a Sarah.

Thomas aveva 14 anni quando incontrò per la prima volta suo padre, un prete in Inghilterra.

“È apparso presto evidente che non poteva o non voleva o non gli era stato permesso di essere un qualsiasi tipo di padre per me in alcun senso significativo”, ha detto Thomas, aggiungendo che la parte più difficile della sua gioventù è stata “sentirsi molto isolata. Ho letteralmente pensato che fossi l’unica figlia di un prete al mondo. “

Ma ora crede che potrebbero esserci migliaia di bambini come lei, e stanno lentamente venendo riconosciuti – a partire dall’Irlanda.   

Nel 2017, la Chiesa cattolica irlandese ha pubblicato linee guida rivoluzionarie per i sacerdoti, dichiarando che se “un sacerdote diventa padre di un bambino, il benessere di suo figlio dovrebbe essere la sua prima considerazione”, e dovrebbe “affrontare le sue responsabilità – personale, legale, morale e finanziario. “

Con la pubblicazione delle linee guida era la prima volta che la Chiesa cattolica ammetteva pubblicamente che potevano esserci anche dei bambini figli di sacerdoti. 

Doyle dice: “il primo problema con i figli dei preti è che non sono riconosciuti”.

Quando sei nascosto … sei un vero e proprio segreto“, ha aggiunto. Quello, ha detto, “toglie e scava nel loro senso del valore personale”.

Quasi due anni dopo che la Chiesa cattolica in Irlanda ha approvato le linee guida per i sacerdoti che hanno bambini, i funzionari della Chiesa di tutto il mondo stanno ora confessando che sapevano.

La Chiesa cattolica in America sta guardando un modello simile, e il Vaticano ha confermato che esistono linee guida per tutto il clero cattolico.

Il portavoce del Vaticano Alessandro Gisotti ha confermato l’esistenza di “un documento per uso interno, che riassume la pratica formata negli anni nella Congregazione ma non è destinata alla pubblicazione”.

Gisotti ha affermato che “il principio fondamentale alla base di queste linee è la protezione del bambino: per questo motivo il documento richiede di norma che il sacerdote presenti una richiesta di dispensa dai doveri dello stato clericale e, in quanto laico, si assuma le sue responsabilità di genitore dedicandosi esclusivamente al proprio figlio.”

Doyle ha sollecitato papa Francesco ad annunciare tali linee guida lui stesso, pubblicamente, e martedì ha detto che le linee guida vaticane “sono un riconoscimento di un problema globale, ora chiedo alla Congregazione per il Clero (ufficio del Vaticano) di rilasciarli pubblicamente senza indugio. ” 

Chiedendo ciò Doyle ha detto che ci vorrebbero solo “due parole, tre parole, quattro parole, per cui questi bambini siano riconosciuti”, riconosciamo il tuo dolore, condanniamo questo dolore e vogliamo risolvere questo dolore.”

Per aiutarli Doyle ha creato il sito web ” Coping International “, offrendo risorse e consulenza. Ora c’è una comunità di persone in tutto il mondo, in crescita.

Thomas fa parte di quella comunità e sta facendo un dottorato.

“Quello che sta venendo fuori sempre di più è che questi bambini sono pronti per qualche cambiamento”. “Il cambiamento è molto difficile per la Chiesa cattolica, ma il cambiamento sta arrivando”.


Articoli correlati

Milano. Carlotta Benusiglio trovata morta impiccata

E’ stata trovata impiccata martedì con una sciarpa in una piazza di Milano, ma ora sulla sua morte si aprono inquietanti

I due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre finalmente in Italia

Salvatore Girone torna a casa. La svolta nella lunga vicenda giudiziaria che si trascina da più di quattro anni, con

Neonati morti, ministro invia il Nas

Il ministro della Salute Grillo ha inviato a Brescia il Nas e ha avviato l’ ispezione ministeriale agli Spedali Civili