Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

“L’Arno è molto basso e non fornisce al 100% le cisterne di alimentazione dell’aria condizionata. Il sistema non ha guasti, ma è un problema di mancanza d’acqua, di siccità”. Parla coi turisti delusi dalla chiusura e staziona nel piazzale per dare “un senso di sicurezza” ai visitatori, Eike Schmidt, il direttore degli Uffizi, prova a spiegare il perché la Galleria degli Uffizi resterà chiusa fino a domani. “Adesso arriveranno dei camion cisterna per rifornire il sistema di condizionamento – prosegue – e da domani saremo riaperti. I biglietti di oggi sono integralmente rimborsabili”.

Le persone già presenti nel museo hanno potuto concludere la visita prima di essere accompagnate all’uscita.

Dopo lo stop del sistema di condizionamento provocato dalla mancanza d’acqua per raffreddare l’impianto, è stato deciso di prolungare la chiusura anche al pomeriggio. Con un tweet: «chiusi per guasto all’impianto di condizionamento. Ci scusiamo per il disagio. #Domani #5agosto saremo regolarmente aperti!».


Articoli correlati

Maduro rifiuta l’ultimatum dei paesi europei che chiedono elezioni libere in Venezuela

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, ha rifiutato l’ultimatum dei paesi europei che chiedono elezioni libere. La scorsa settimana, il Regno

ISIS e big data: nuove armi a disposizione del Pentagono

Gli analisti di intelligence militare e gli analisti civili “sopraffatti” dall’immenso volume di dati di videosorveglianza, registrati durante le numerose

Pensioni d’oro. La Consulta decide sul prelievo

Pensioni d’oro all’esame della Consulta. Si è aperta in mattinata in Corte costituzionale l’udienza per esaminare le norme varate dal