Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

“L’Arno è molto basso e non fornisce al 100% le cisterne di alimentazione dell’aria condizionata. Il sistema non ha guasti, ma è un problema di mancanza d’acqua, di siccità”. Parla coi turisti delusi dalla chiusura e staziona nel piazzale per dare “un senso di sicurezza” ai visitatori, Eike Schmidt, il direttore degli Uffizi, prova a spiegare il perché la Galleria degli Uffizi resterà chiusa fino a domani. “Adesso arriveranno dei camion cisterna per rifornire il sistema di condizionamento – prosegue – e da domani saremo riaperti. I biglietti di oggi sono integralmente rimborsabili”.

Le persone già presenti nel museo hanno potuto concludere la visita prima di essere accompagnate all’uscita.

Dopo lo stop del sistema di condizionamento provocato dalla mancanza d’acqua per raffreddare l’impianto, è stato deciso di prolungare la chiusura anche al pomeriggio. Con un tweet: «chiusi per guasto all’impianto di condizionamento. Ci scusiamo per il disagio. #Domani #5agosto saremo regolarmente aperti!».


Articoli correlati

Parlamento europeo. I poteri legislativi

Come funziona il processo legislativo del Parlamento europeo? Un membro del Parlamento europeo, che lavora in una delle commissioni parlamentari,

Snapchat. Bitmoji padrone della chat. Il nostro avatar ovunque

Le Bitmoji sempre più presenti all’interno di Snapchat, ed è carica di nuovi avatar tridimensionali animati che si ‘integrano’ con

Google ripensa alla Cina. Nuove mosse per BigG

Google sta lentamente ricostruendo una strategia per la Cina per garantirsi la crescita tecnologica nel  paese più grande del mondo.