Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

“L’Arno è molto basso e non fornisce al 100% le cisterne di alimentazione dell’aria condizionata. Il sistema non ha guasti, ma è un problema di mancanza d’acqua, di siccità”. Parla coi turisti delusi dalla chiusura e staziona nel piazzale per dare “un senso di sicurezza” ai visitatori, Eike Schmidt, il direttore degli Uffizi, prova a spiegare il perché la Galleria degli Uffizi resterà chiusa fino a domani. “Adesso arriveranno dei camion cisterna per rifornire il sistema di condizionamento – prosegue – e da domani saremo riaperti. I biglietti di oggi sono integralmente rimborsabili”.

Le persone già presenti nel museo hanno potuto concludere la visita prima di essere accompagnate all’uscita.

Dopo lo stop del sistema di condizionamento provocato dalla mancanza d’acqua per raffreddare l’impianto, è stato deciso di prolungare la chiusura anche al pomeriggio. Con un tweet: «chiusi per guasto all’impianto di condizionamento. Ci scusiamo per il disagio. #Domani #5agosto saremo regolarmente aperti!».


Articoli correlati

Camera dei deputati nessun voto. A vuoto anche il voto al Senato

Fumata nera nell’Aula della Camera dei deputati alla prima votazione per eleggere il presidente. Nessuno ha raggiunto la maggioranza dei due terzi

Pasqua. Allarme alto per terrorismo a Roma

Ora in Italia non è più un ricercato e a Tunisi i parenti si indignano: «Ma quale terrorista! È sempre

Visco: banche in miglioramento ma la crisi pesa

La crisi economica sembrerebbe essere in fase di ripresa, seppur lenta. A riferirlo il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, che