Trump avverte, stop del governo potrebbe durare ‘molto tempo’ ed esorta: basta l’ostruzionismo

Trump avverte, stop del governo potrebbe durare ‘molto tempo’ ed esorta: basta l’ostruzionismo

Il presidente Donald Trump ha detto che le motivazioni di un fermo parziale del governo possono essere superate dopo l’incontro con i repubblicani del Senato alla Casa Bianca.

Ha definito l’incontro con i senatori “grandioso” e ha detto: “Ora tocca ai democratici se stasera avremo o meno uno shutdown”.

“Spero di no”, ha aggiunto Trump  “Ma siamo totalmente preparati per una chiusura molto lunga e questa è la nostra unica possibilità per ottenere una grande sicurezza alle frontiere”.

“In un modo o nell’altro, otterremo un muro, otterremo una barriera, otterremo tutto”, ha detto il presidente.

In precedenza, Trump aveva avvertito i senatori democratici che se non avessero votato per il suo progetto di costruzione del muro di confine col Messico, ci sarebbe stato un fermo del governo a partire da venerdì sera. E ha fatto pressioni sul leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, per porre fine al diritto di ostruzionismo al Senato e di permettere che il disegno di legge fosse approvato a maggioranza semplice.

La “opzione nucleare” a cui si riferisce Trump per il partito di maggioranza al Senato è di superare l’obiezione della minoranza, e comporta l’utilizzo di una maggioranza semplice di 51 voti anziché di 60.

McConnell, parlando al Senato dopo l’incontro con Trump, ha espresso sostegno per il progetto di legge approvato dalla Camera con i 5 miliardi di dollari di finanziamento del muro di confine e quelli che ha definito “investimenti indispensabili nelle operazioni di soccorso per le comunità colpite”.

“Sostengo l’ulteriore sicurezza alle frontiere e l’aiuto ai disastri che la Camera ha aggiunto al disegno di legge e sono orgoglioso di votare a favore”, ha affermato.

“Facciamo avanzare questa legislatura”, ha detto, poco prima che il Senato iniziasse a votare su una mozione per procedere. Questo voto richiede solo una maggioranza semplice e avvierà una procedura sul disegno di legge, ma non è il voto chiave che richiede 60 voti per far avanzare il governo. 

Il no di Schumer

“Non ci sono voti al Senato per un muro di confine costoso, finanziato dai contribuenti.” Presidente Trump, non avrai il tuo muro. “Abbandona la tua strategia. Non riuscirai a ottenere il tuo muro, ne ora ne mai, “Ha detto Schumer.

Orrin Hatch, senatore repubblicano, ha detto: “Sono uno dei più grandi sostenitori dell’ostruzionismo” –  “È l’unico modo per proteggere la minoranza e siamo stati in minoranza molto più di quanto siamo stati in maggioranza. È solo una grande, grande protezione per la minoranza”.

“L’ostruzionismo del Senato riguarda l’unico meccanismo rimasto a Washington che riunisce le parti e il dispiegamento dell’opzione nucleare lo farebbe saltare in aria”, ha detto su Twitter il senatore Jeff Flake, R-Ariz. “Non voterò per farlo.”

“Siamo una nazione che premia lo stato di diritto: come possiamo aspettarci che gli americani seguano le regole quando il loro governo, il Senato degli Stati Uniti, non seguirà le sue stesse regole?” ha detto in una dichiarazione.

“Abbiamo delle regole da seguire, voglio mettere fine a questa pratica del Senato di infrangerle per cambiare le sue stesse regole, non voterò per trasformare il Senato in un’istituzione che non segue la legalità e spero che i miei colleghi non lo facciano. “

Nel maggio 2017 McConnell ha affermato che l’attivazione dell’opzione nucleare per approvare la legislazione “non accadrà mai” perché così facendo cambierebbe radicalmente il funzionamento del Senato.

Il nuovo provvedimento di spesa include oltre $ 5 miliardi per il muro promesso da lungo tempo dal presidente sul confine USA-Messico.



Articoli correlati

Venezuela, divampa la protesta. Maduro sotto assedio

La crisi del Venezuela sembra divampare. Altri due giovani sono morti negli scontri di piazza. E intanto Nicolas Maduro dispone

Berna. Strage familiare. Morti tre napoletani

La tragedia si è consumata in un attimo, poco prima dell’alba. Alle 5,15 di ieri qualcuno ha chiamato il numero

La nave Alex di Mediterranea in arrivo a Lampedusa

“Siamo partiti. Mediterranea Saving Humans è tornata in mare”, ha annunciato l’ONG sui social media, spiegando che le operazioni di salvataggio