Trump contro l’immigrazione: “è una truffa, sembrano dei lottatori di arti marziali”

Trump contro l’immigrazione: “è una truffa, sembrano dei lottatori di arti marziali”

Il presidente degli Stati Uniti ha parlato ironicamente dei richiedenti asilo: assomigliano a professionisti di arti marziali miste.

Il presidente Donald Trump ha deriso il programma di asilo americano e lo ha definito come una “truffa” e ha detto che gli immigrati provenienti dai paesi dell’America centrale che arrivano negli Stati Uniti causano crimine e provocano violenza.

Ha continuato affermando che gli avvocati imboccano i richiedenti asilo su cosa dire per essere lasciati negli Stati Uniti.

Loro leggono una piccola pagina che gli avvocati danno, sono dappertutto – dicono loro cosa dire”.

Il presidente degli Stati Uniti, che ha cercato in tutti i modi di costruire un muro di confine con il Messico per arginare l’immigrazione illegale, ha anche fatto una piccola imitazione di un ipotetico immigrato con un’immaginaria “istruzione”: “Ho molta paura per la mia vita, sono molto preoccupato sarò ucciso se vengo rimandato a casa.

La scorsa settimana, Trump ha tagliato tutti i finanziamenti agli aiuti federali degli Stati Uniti a El Salvador, Honduras e Guatemala – i tre paesi centroamericani che sono le principali fonti delle cosiddette “carovane migratrici” dallo scorso ottobre.

Rimane fermo nella sua decisione e spiega che ciò che è avvenuto è dovuto alle autorità di questi paesi che non sono riuscite a fermare il flusso di migranti.

“I democratici dicono, ‘come ti permetti di farlo, quel denaro è usato per tutto questo bene!‘”, Ha detto Trump. “Ma no non lo è, è in gran parte rubato.”

Il presidente Usa insiste che l’immigrazione clandestina crea violenza e aumenta lo spaccio di droga negli Stati Uniti, ma i suoi oppositori non rimangono certo in silenzio, e affermano che i suoi commenti sugli immigrati e la sua proposta di muro di confine riguardano la politica, non la sicurezza, e hanno lo scopo di portare voti dai suoi sostenitori.

Il mese scorso, Trump ha presentato un bilancio dell’anno 2020 che avrebbe stanziato, se approvato dal Congresso, circa 8,6 miliardi di dollari per la costruzione di un muro di confine con il Messico sotto lo stato di emergenza nazionale.

Ha dichiarato – sostengono le opposizioni – una controversa emergenza nazionale a febbraio per quella che ha definito una “crisi umanitaria” al confine sud degli Stati Uniti. Trump ha usato i suoi poteri di emergenza per aggirare i poteri dei parlamentari che in precedenza non erano riusciti a soddisfare le sue richieste per oltre 5 miliardi di finanziamenti per il suo amato muro di confine.

Il Congresso ha firmato una risoluzione per bloccare la dichiarazione di Trump, ma ha rapidamente posto il veto. “Il voto del Congresso per negare la crisi al confine meridionale è un voto contro la realtà”, ha detto.

La lotta tra Trump e il Congresso è solo all’inizio.


Articoli correlati

M5S, accordo col Pd? Lasciamo fare a Mattarella

Il movimento 5 stelle e il Partito Democratico (PD) hanno pensato ad una possibile alleanza governativa sostituendo l’esecutivo di 14

Damasco, storia della città medio-orientale

Damasco si trova ai margini di un’oasi antica, al-Ghuta, dove il fiume Barada corre lungo la base orientale delle montagne

Umberto Eco. Biografia dello scrittore

Umberto Eco, (nato il 5 gennaio 1932, Alessandria, Italia – è morto il 19 febbraio 2016 a Milano), critico letterario