Singapore 377A

Singapore abrogherà una legge che risale all’era coloniale che criminalizza il sesso tra uomini, una decisione storica descritta dai gruppi LGBTQ+ come “una vittoria per l’umanità”.

In un discorso, il primo ministro, Lee Hsien Loong, ha affermato che l’eliminazione della sezione 377A del codice penale porterebbe la legge in linea con gli attuali atteggiamenti sociali e “fornirebbe un po’ di sollievo ai gay singaporiani”.

Tuttavia, Lee ha aggiunto che il governo non voleva “cambiamenti all’ingrosso nella nostra società”, comprese le modifiche alla definizione legale di matrimonio.

“Anche se abroghiamo 377A, sosterremo e salvaguarderemo l’istituto del matrimonio. Secondo la legge, a Singapore sono riconosciuti solo i matrimoni tra un uomo e una donna”, ha affermato.

La sezione 377A, introdotta sotto il dominio coloniale britannico, criminalizza “qualsiasi atto di grave indecenza con un’altra persona di sesso maschile”. La legge prevede una condanna fino a due anni di reclusione, anche se si ritiene che non sia stata applicata per più di un decennio.

Per anni, gli attivisti hanno ripetutamente impugnato la sezione 377A nei tribunali, ma non hanno avuto successo.

Una dichiarazione congiunta, rilasciata da 22 gruppi LGBTQ+, ha espresso sollievo per il fatto che la legge sarebbe stata finalmente cambiata, descrivendo la notizia come “la nostra vittoria duramente conquistata, un trionfo dell’amore sulla paura”.

“L’abrogazione della sezione 377A, sebbene attesa da tempo, è una pietra miliare significativa e una potente affermazione che la discriminazione sanzionata dallo stato non ha posto a Singapore“, la dichiarazione è stata firmata da vari gruppi, tra cui Pink Dot Sg, un movimento a sostegno della comunità LGBTQ+. La decisione è stata “una vittoria per l’umanità”, si legge.

Lascia un commento